Novembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Onu condanna il divieto finanziario ai media francesi | notizie sulla libertà di stampa

Macron prevede di annunciare il ritiro della Francia dal Mali |  Notizie militari

Ginevra, Svizzera – L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha criticato la decisione del Mali di vietare i media francesi e ha invitato i suoi governanti militari a revocare la sua decisione.

“Siamo profondamente allarmati dalla decisione del regolatore dei media in Mali di sospendere definitivamente Radio France International [RFI] “E France24”, ha detto venerdì una portavoce dell’Alto Commissario, Michelle Bachelet.

“Queste sospensioni sono le ultime di una serie di misure che limitano la stampa e la libertà di espressione in Mali e arrivano in un momento in cui hanno bisogno di un maggiore controllo, non di meno”.

I leader militari del Mali hanno imposto la sospensione per la prima volta il 16 marzo, accusando le emittenti di trasmettere false accuse su notizie di violazioni dei diritti umani da parte dei militari.

E l’Autorità suprema per le comunicazioni ha annunciato, mercoledì, che la sospensione temporanea sarà definitiva.

Le associazioni di giornalisti hanno denunciato l’aumento degli attacchi e delle campagne diffamatorie contro i giornalisti nell’ultimo anno, in particolare contro i rappresentanti dei media francesi. Corrispondenti esteri e locali che coprono il Mali hanno denunciato il deterioramento del clima mediatico nel paese.

“Non abbiamo mai avuto questo tipo di controllo prima”, ha detto un giornalista indipendente che ha contribuito ai media francesi, che ha chiesto di non essere nominato per motivi di sicurezza. La situazione è solo peggiorata da quando le tensioni tra Francia e Mali hanno iniziato a intensificarsi. È un problema politico.”

‘effetto spaventoso diffuso’

Venerdì, il Comitato per la protezione dei giornalisti ha anche invitato le autorità a revocare la decisione di vietare RFI e France 24.

READ  I drusi minacciano di prendere d'assalto Jenin durante i colloqui per recuperare il corpo della ragazza rapita

“La decisione delle autorità finanziarie di inasprire queste sospensioni indica il loro impegno a negare alle persone nel loro paese l’accesso alle informazioni”, ha affermato in una nota Angela Quintal, coordinatrice del programma Africa del CPJ.

Il 6 febbraio, il giornalista francese Benjamin Roger, giornalista incaricato della Jeune Afrique, è stato arrestato ed espulso entro 24 ore dal suo arrivo nella capitale del Mali, Bamako. Le autorità hanno affermato che il giornalista non aveva le credenziali per la stampa. Una settimana fa, hanno annunciato che sarebbe stato difficile per i rappresentanti dei media ottenere un permesso per i media.

“Finora raramente è richiesto l’accredito stampa e la sua mancanza non ha impedito ai giornalisti di lavorare liberamente”, ha affermato Reporter senza frontiere in una nota.

L’8 aprile Reporter senza frontiere ha celebrato il primo anniversario del rapimento del giornalista francese Olivier Dubois, corrispondente delle pubblicazioni francesi Liberation, Le Point e Jean Afrique. Il 14 marzo, il Nusrat al-Islam and Muslims Group, una coalizione di gruppi armati, legato ad al-Qaeda, ha pubblicato un video che mostrava che era ancora vivo.

La cooperante francese Sophie Petronin è stata rapita a Gao nel 2016 e rilasciata quattro anni dopo. Nel 2013, uomini armati hanno rapito e ucciso Jesselin Dupont e Claude Verlon, due giornalisti di RFI, nella città maliana di Kidal quando hanno concluso un’intervista con un leader separatista tuareg.

Un membro delle forze speciali maliane di guardia a Katy, in Mali [File: Florent Vergnes/AFP]

Nel frattempo, le Nazioni Unite hanno denunciato come una situazione del genere stia spingendo quei giornalisti ancora all’interno del Paese a praticare l’autocensura.

“Il clima attuale ha un effetto agghiacciante su giornalisti e blogger”, ha detto venerdì ai giornalisti la portavoce delle Nazioni Unite Ravina Shamdasani.

READ  Il britannico muore in custodia nell'Ucraina orientale separatista

“Il nostro ufficio continua a documentare gravi accuse di violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario in molte parti del Paese e rimaniamo profondamente preoccupati per le misure volte a ridurre lo spazio civile già limitato”.

La tensione è aumentata tra Mali e Francia dal colpo di stato militare guidato dal colonnello Asmi Guetta l’8 agosto 2020, che ha rovesciato il presidente eletto Ibrahim Boubacar Keïta, sostenuto dalla Francia.

Nel giugno 2021, la Francia, l’ex potenza coloniale della regione, ha interrotto le sue operazioni militari congiunte con le forze maliane in attesa delle garanzie del ritorno dei civili alle posizioni di potere.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che inizierà a ritirare le truppe, circa 5.100 soldati, di stanza nella regione dal 2013 nell’ambito della cosiddetta Operazione Barkhane, che comprende cinque paesi della regione del Sahel: Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger .

In risposta alla presa del potere da parte dei militari in Mali, il blocco regionale della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) e l’Unione africana hanno sospeso il Mali dalle loro organizzazioni e minacciato sanzioni.

A gennaio, il primo ministro maliano Chogoel Kokala Maiga ha accusato la Francia di promuovere l’insicurezza e la divisione nel Paese ed ha espulso il suo ambasciatore.

Secondo Reporter senza frontiere, il Mali è al 99° posto su 180 paesi nell’Indice mondiale della libertà di stampa del 2021.