Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Orion entra in un’orbita attorno alla Luna che gli consente di stabilire una distanza record

Sospensione

dopo dieci giorni Lancio dal Kennedy Space CenterLa navicella spaziale Orion della NASA è entrata in un’orbita distante attorno alla luna venerdì, completando un’altra importante pietra miliare in una missione che secondo i funzionari dell’agenzia spaziale è… È andata molto bene finora.

I propulsori di Orion hanno sparato alle 16:52 ET per un minuto e mezzo, mettendo il velivolo in un’orbita da 40.000 a 50.000 miglia sopra la superficie lunare. Questa orbita metterà Orion sulla buona strada per battere il record per la distanza più lontana dalla Terra percorsa da “un veicolo spaziale progettato per trasportare gli esseri umani nello spazio profondo e tornare sani e salvi sulla Terra”. La NASA ha affermato in una dichiarazione che l’Apollo 13 ha stabilito l’attuale record di 248.655 miglia nel 1970.

I Gemelli dovrebbero superarlo alle 7:42 ET di sabato. La NASA ha detto che il veicolo spaziale dovrebbe raggiungere la sua distanza massima di oltre 270.000 miglia dalla Terra alle 16:13 ET di lunedì.

L’orbita distante, che richiede poco carburante per essere mantenuta, consentirà a Orion di testare i suoi sistemi per vedere come si comporta il veicolo. Tuttavia, l’orbita è così ampia che il veicolo spaziale completerà solo metà della sua orbita in sei giorni prima di iniziare il suo viaggio di ritorno sulla Terra.

Il volo, senza astronauti a bordo, è il primo passo Programma Artemis della NASAche cerca di riportare gli astronauti sulla superficie lunare per la prima volta dalle missioni Apollo della fine degli anni ’60 e dei primi anni ’70.

READ  Guarda la danza della luna piena per un anno in uno straordinario video time-lapse

Usando le telecamere montate all’esterno della navicella, lo era anche Orion Trasmette di nuovo le immagini drammatiche E il video dal vivo del suo viaggio. Comprese immagini sbalorditive della Terra, vista sospesa in lontananza, a più di 200.000 miglia di distanza, nella vasta oscurità nera dello spazio.

Se l’attuale missione, nota come Artemis I, andrà bene, la NASA ha in programma un secondo volo, questa volta con astronauti a bordo, già nel 2024. Anche quella missione, nota come Artemis II, orbiterà attorno alla Luna, con un atterraggio con umani che verranno dopo.

“La missione continua ad andare avanti come avevamo pianificato e i nostri sistemi di terra, i team operativi e la navicella spaziale Orion continuano a superare le aspettative”, ha dichiarato questa settimana Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis I della NASA. “E stiamo ancora imparando lungo la strada su questo nuovo veicolo spaziale profondo.”

disse il Razzo del sistema di lancio spaziale, più potente persino del Saturn V dell’era Apollo, e si è comportato così bene che i risultati sono stati “strabilianti”. Tuttavia, la sua massiccia spinta ha causato alcuni danni alla torre di lancio mobile, incluso l’esplosione delle porte dall’ascensore della torre. Ma nel complesso, ha detto Sarafin, “la struttura stessa ha retto abbastanza bene”.

Dopo che Orion avrà completato mezza orbita attorno alla Luna, si catapulterà attorno alla Luna verso casa.

Uno dei test principali arriverà quando il veicolo spaziale riprenderà l’atmosfera terrestre, viaggiando a circa 25.000 miglia all’ora. L’attrito con l’aria densa si traduce in temperature fino a 5.000 gradi Fahrenheit.

Il veicolo spaziale dovrebbe essere lanciato nell’Oceano Pacifico al largo della costa di San Diego l’11 dicembre.

READ  La NASA potrebbe consentire all'astronauta miliardario e a SpaceX di sollevare il telescopio Hubble

Sebbene non ci siano veri e propri astronauti a bordo della missione Artemis I, c’è un manichino di nome Moonikin Campos seduto al posto del comandante della navicella Orion. È dotato di tuta e sensori per fornire feedback su come sarà il volo per i futuri astronauti.

Il sedile ha due sensori che registrano l’accelerazione e le vibrazioni. La tuta spaziale contiene sensori per registrare i livelli di radiazione.

Il nome “Moonikin” è stato scelto attraverso un concorso pubblico. Campos è stato scelto in onore di Arturo Campoun ex ingegnere della NASA che ha svolto un ruolo chiave durante il recupero La navicella Apollo 13 dopo la missione è andata storta.

Il busto di due manichini cavalca. Chiamati Zohar e Helga, sono fatti di materiali che la NASA dice “imitano ossa umane, tessuti molli e organi di una femmina adulta”. (Si ritiene che le donne siano più sensibili all’esposizione alle radiazioni rispetto agli uomini.)

Hanno anche sensori per misurare le radiazioni. Lo Zohar ha un giubbotto antiradiazioni, ma Helga no.