Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Per molte persone con nervi diversi, The Sims è stato un sollievo per tutta la vita

Per molte persone con nervi diversi, The Sims è stato un sollievo per tutta la vita
Pixel per pixel, il gioco di simulazione di vita “The Sims” offre questa esperienza da oltre 20 anni. Dalla sua prima uscita nel 2000, “The Sims” è diventato Uno dei giochi per PC più venduti Nel mondo. Né il tempo ha sbiadito il suo splendore.

I creatori di The Sims su Twitch e YouTube mettono alla prova il gioco, costruiscono case intricate e provano sfide assurde come avere quanti più bambini possibile o sottoporre i Sim a torture psicologiche di tipo Kafka (tutto molto divertente, ovviamente). Alcuni dei principali creatori di “Sims” stanno facendo giochi di ruolo su Instagram, mostrando le loro vite di Sim perfette per immagini agli altri loro amici Sim per elogiarle e invidiarle.

Ma “The Sims” è anche un paradiso per i giocatori di neurodiversità, alcuni dei quali sono cresciuti con il gioco e continuano a rivisitarlo bene fino all’età adulta. “The Sims” è un gioco open world, il che significa che non esiste un modo giusto o sbagliato di viverlo. Sia che si voglia condurre rapidamente l’apocalisse o semplicemente aiutare i giovani Sim a fare il bucato, non ci sono aspettative che il giocatore stesso non abbia stabilito. Per alcuni con autismo, ADHD o altre condizioni, questo significa che possono progettare il gioco in modo che sia quello che vogliono: un posto dove riposare in un mondo confuso, una tabella di marcia sociale di qualche tipo, una realtà alternativa in cui hanno il controllo, o solo un interesse personale per tutta la vita.

L’idea che The Sims offra una versione più ordinata e semplice del nostro mondo è radicata nel DNA del gioco. Il produttore di giocattoli Will Wright ha perso la sua casa in una tempesta di fuoco in California a Oakland-Berkeley nel 1991. Durante la ricostruzione, è stato spostato a considerare com’era la vita reale. Una serie di esigenze che devono essere soddisfatte? Oggetti da possedere? persone da amare?

“Quando succede qualcosa del genere, ottieni un quadro generale”, Dillo a Berkleeside nel 2011. “Dove voglio vivere? Che tipo di cose devo comprare? Vedi la tua vita quasi come un progetto in corso.”
Questo punto di vista risuona soprattutto con le persone con autismo o ADHD che hanno parlato con la CNN. Neurodivergente è un termine non medico che descrive le persone il cui cervello si sviluppa o funziona in modo diverso per qualche motivo. Secondo la Cleveland Clinic. Tali condizioni offrono pari opportunità e sfide. Parti della vita che altri potrebbero trovare facili o automatiche, come completare le attività quotidiane, prendersi cura dei bisogni fisici di base e interpretare le situazioni sociali, sono spesso, nelle parole di Monkey Wright, un “progetto in azione”.
Helen Ashcroft, operatrice di Sims ed editor di videogiochi Autistica, ha scelto per la prima volta i “Sims” originali quando aveva 20 anni. Attraverso le diverse fasi della sua vita, ha trovato conforto e creatività nel gioco aperto.

“Sono sempre stata affascinata dal comportamento umano”, ha detto alla CNN. “Adoro anche qualsiasi gioco che mi permetta di costruire ed essere creativo. The Sims ha combinato queste due cose”.

READ  I requisiti per Spider-Man Remastered per PC sono stati rivelati e il gioco fornirà pieno supporto DLSS e DLAA

Naturalmente, non è necessario essere snervanti per trovare conforto nei giochi low-stakes, che sembrano essere come “The Sims”. Ma per persone come Ashcroft, le interazioni sociali organizzate e la capacità di creare situazioni diverse agiscono quasi come un laboratorio di vita reale.

“Posso giocare in modi diversi a seconda del mio umore. I Sims hanno i propri sentimenti da scoprire e io posso giocare diverse situazioni in un ambiente sicuro. Diversi giocatori possono scoprire dinamiche relazionali che non ci vengono naturali”. Dice.

bungee, Giornalista di videogiochi e creatore di Sims Autistico e preferisce essere chiamato dal suo amministratore dei social media, dice di rivolgersi ai videogiochi come forma di fuga dalla realtà.

“Una cosa che rende The Sims così speciale è che non è una ‘punizione'”, dice alla CNN. “È un’oasi molto buona, per così dire. La mia vita quotidiana richiede molto da me, e mi siedo e faccio quello che voglio con questi ragazzini”.

Benji dice che ottiene la massima soddisfazione dal gioco stabilendo obiettivi per i Sims e disegnando come sarà la loro storia. E sebbene, essendo una persona molto socievole, non si identifichi molto con gli aspetti emotivi del gioco, ci sono stati momenti in cui improvvisamente ha avuto voglia di vederlo.

“Ad un certo punto gli sviluppatori hanno introdotto un nuovo tratto: ora Sim può essere ‘super-risultato’. Quindi, quando ho applicato questo tratto a uno dei miei Sim, si sarebbe annoiato e irrequieto quando la sua vita si sarebbe addormentata. E quando ha preso in compiti impegnativi, era così felice e guadagnato e ho pensato: “Wow. Tanto per Sim nella mia vita”.

I giocatori provano "  Sims 4 "  nel 2017.
Educatori e psicologi hanno notato i vantaggi dei giochi di simulazione di vita come “The Sims”, non solo per i gruppi con neurodiversità, ma anche per quelli con lesioni cerebrali traumatiche o per quelli provenienti da ambienti poveri. Ricerca dell’Università di Pittsburgh I giochi simili a Sims hanno aiutato un gruppo di bambini con problemi cognitivi a migliorare le capacità di risoluzione dei problemi e ad apprendere come i diversi tratti influenzano il comportamento.
Ricerca dell’Università del Kentucky Si suggerisce che i giochi di simulazione possano aiutare le persone con ADHD, affinando così le capacità di funzionamento esecutivo.

Le persone con autismo e ADHD non sono le uniche a sentirsi bene a vivere in un mondo di loro progettazione. Poiché le comunità si sono formate naturalmente attorno a “The Sims” e alle sue numerose espansioni e modifiche, altre identità marginali hanno realizzato un valore simile. Alcuni giocatori di Sims LGBTQ affermano che il gioco li ha aiutati a vivere il loro vero io. (I Sims sono sempre stati in grado di avere relazioni sentimentali con qualsiasi altro adulto, indipendentemente dal sesso.)

“Quando ho capito di essere gay, non potevo condividerlo con gli altri”, Utente polacco DOTSim “Sims” Per Electronic Arts, la società di videogiochi che pubblica “The Sims”. “Penso che l’opportunità di esprimermi liberamente in un ambiente di gioco sicuro mi abbia dato il coraggio di uscirne finalmente”.

Nel corso degli anni, EA ha rilasciato numerosi aggiornamenti che consentono alle persone di personalizzare completamente il proprio aspetto, etnia, identità culturale, identità di genere e sessualità. Benji, che è di San Paolo, Brasile, dice di aver notato aggiornamenti occasionali che includono culture al di fuori degli Stati Uniti, come la musica di artisti internazionali registrata in lingua simlish.

READ  Un uomo iraniano si è tolto una bottiglia d'acqua dall'ano

Questa inclusione sottolinea il vero motivo per cui i giocatori più accaniti continuano a riavviare The Sims, anno dopo anno, in tutte le fasi della vita. Quando il mondo non ti sembra costruito, è un sollievo poterne costruire uno tu stesso.