Ottobre 7, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché la NASA non ha fretta di lanciare il razzo lunare Artemis?

Perché la NASA non ha fretta di lanciare il razzo lunare Artemis?

KENNEDY SPACE CENTER, Florida – Per la seconda volta in una settimana, sabato i funzionari della NASA hanno annullato il lancio di prova di un razzo che un giorno avrebbe portato gli astronauti sulla luna. È stata un’altra battuta d’arresto per l’iconico National Space Flight Program, anche se i funzionari della NASA hanno espresso fiducia che sarebbe stato solo temporaneo.

Ma alti funzionari della NASA hanno sostenuto la loro decisione di annullare il lancio sabato e hanno affermato di essere disposti ad aspettare ancora un po’, e forse a riprovare alla fine di questo mese o ad ottobre, dopo aver compreso e risolto la causa della perdita di idrogeno.

“Il costo di due scrub è molto inferiore al fallimento”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson durante una conferenza stampa di sabato pomeriggio.

Nonostante la sua altezza di 322 piedi, il nuovo razzo della NASA non è letteralmente troppo grande per fallire. Ma in termini di importanza del velivolo per i piani lunari dell’agenzia spaziale, probabilmente lo è.

La NASA ha già speso più di 40 miliardi di dollari per sviluppare il razzo noto come Space Launch System e la capsula conosciuta come Orion. Il programma è in ritardo di anni e miliardi di dollari sul budget. Ha affrontato le critiche dei sostenitori di un approccio più commerciale al volo spaziale, che affermano che aziende come SpaceX di Elon Musk offrono il modo più economico ed efficiente per promuovere il volo spaziale umano.

Dal momento che la NASA ha investito così tanto in questo razzo, un guasto catastrofico ritarderebbe di anni il programma lunare e forse metterebbe in discussione il suo valore.

Anche le persone che non sono fan dello Space Launch System hanno affermato che la cautela della NASA è saggia.

“Non verranno lanciati prematuramente”, ha detto Laurie Garver, ex vice amministratore della NASA durante l’amministrazione Obama, che ha affermato che il razzo era troppo costoso e preferiva i metodi commerciali di volo spaziale. “non ti preoccupare per quello.”

READ  Incredibile nuova immagine del telescopio web di Nettuno cattura i dettagli dell'episodio

Gli sbarchi sulla Luna mezzo secolo fa facevano parte del programma Apollo della NASA. Lo sforzo per tornare alla luna nuova è stato chiamato Artemis. Nella mitologia greca, Artemide era la sorella gemella di Apollo.

Il lancio omesso è per Artemis 1, una missione senza pilota di una settimana che testerà il razzo e la capsula su cui cavalcheranno i futuri astronauti. La prossima missione Artemis, attualmente prevista per il 2024, porterà a bordo gli astronauti e la terza missione Artemis sarà quella di far atterrare gli astronauti vicino al polo sud della luna.

Mentre il conto alla rovescia per il lancio si avvicina sabato, è stata rilevata una perdita di idrogeno in un conduttore lungo la linea del carburante a idrogeno che porta al razzo.

“Sappiamo che quando si supera circa il 4% della concentrazione di idrogeno nell’aria ambiente, si corre il rischio di subire un evento di infiammabilità”, ha affermato Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis.

Per questa perdita, che il Sig. Sarrafin ha descritto come significativa, le concentrazioni erano da due a tre volte il limite del 4 per cento. Dopo che tre tentativi di chiudere la fuga di notizie falliti, il tentativo di lancio è stato annullato alle 11:17 ET dal direttore del lancio, Charlie Blackwell Thompson.

Il signor Sarrafin ha affermato che il problema potrebbe essere correlato a un comando errato inviato al sistema di caricamento del carburante sul pannello operativo, che ha causato pressioni estremamente elevate – 60 libbre per pollice quadrato anziché 20 – nella linea del carburante per alcuni secondi. Ciò può danneggiare la guarnizione nel connettore.

READ  Boeing Starliner torna dalla stazione spaziale

Una perdita di idrogeno è apparsa nello stesso conduttore durante il primo tentativo di lancio di lunedì, ma era più piccola e gli ingegneri hanno capito come mantenere la concentrazione di idrogeno al di sotto del 4 percento e sono stati in grado di riempire il razzo con 537.000 galloni di liquido super-freddo. idrogeno. Il lancio è stato annullato lunedì quando un sensore difettoso ha riferito che uno dei quattro motori dello stadio primario del razzo non era stato sufficientemente raffreddato.

Dopo aver annullato il lancio di sabato, i funzionari della NASA hanno considerato le opzioni su cosa fare dopo. Uno era semplicemente quello di scollegare e ricollegare la linea del carburante e provare a farlo funzionare di nuovo in un paio di giorni. “Ma il nostro livello di fiducia, data l’entità della fuga di notizie che abbiamo visto oggi, era piuttosto basso e ciò avrebbe risolto il problema”, ha affermato Sarafin.

I responsabili della missione hanno deciso che la guarnizione doveva essere sostituita e gli ingegneri stavano valutando se questo lavoro potesse essere fatto meglio sulla rampa di lancio, dove avrebbero quindi potuto far scorrere idrogeno liquido attraverso la linea per garantire una riparazione riuscita, o prima far rotolare indietro il razzo in una gigantesca struttura conosciuta come il Vehicle Assembly Building. . Sarebbe più facile fare lavori di riparazione lì, ma gli ingegneri non saranno in grado di testare la linea con idrogeno liquido fino a quando il razzo non sarà di nuovo sulla rampa di lancio.

Jim Frey, amministratore associato della NASA, ha dichiarato in un tweet che lui e altri dell’agenzia erano “delusi dal risultato ma orgogliosi del nostro team per aver costantemente trovato soluzioni”.

Mentre la signora Garver ha affermato che i team di lancio hanno fatto la cosa giusta annullando il lancio entrambe le volte, ha messo in dubbio il design dello Space Launch System, che utilizza praticamente gli stessi motori e propulsori a razzo solidi che alimentano le navette spaziali: una tecnologia che va bene indietro nella storia. Risale a più di mezzo secolo fa.

READ  Nuove incredibili mappe della psiche degli asteroidi rivelano un antico mondo di metal e rock

“La scelta di utilizzare i motori navetta ha dimostrato di essere nell’idrogeno e sappiamo che l’idrogeno perde”, ha detto. “Queste sono tutte decisioni di progettazione che, se continueranno a confonderci, saranno una preoccupazione”.

Ma ha aggiunto: “Supponendo che possano superarlo nel prossimo round. Penso che sarà dimenticato”.

Anche alcuni spettatori frustrati sembravano capire.

Era la seconda volta da giorni che folle di persone lungo i corsi d’acqua e le spiagge della Florida centrale erano deluse dall’opportunità persa di lanciare il primo razzo più potente da quando il Saturn 5 portò gli astronauti sulla luna negli anni ’60 e ’70.

lunedì scorso, Vincent Anderson, 45 anni, di Lake Alfred, Florida, ha fatto un giro in barca con suo figlio nella speranza di vedere il lancio del missile. Non lo era.

“I razzi sono sgraziati come i gatti, salgono quando vogliono”, ha detto a suo figlio di 10 anni.

Poi la scena si è ripetuta questa mattina, quando il signor Anderson ha segnato per un altro giro in barca, questa volta con sua figlia di 15 anni. Ha descritto la macchia come “agrodolce”, ma ha affermato che hanno iniziato la giornata con “le stesse aspettative che probabilmente non accadranno”.

Il lancio non è mai successo di nuovo, ha detto, ma le uscite ne sono valse comunque la pena.

Kristen Chong Contribuire alla redazione dei rapporti.