Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Prima sulla CNN: l’amministrazione Biden sta preparando ulteriori misure per limitare i valichi di frontiera, impedendo agli immigrati di recarsi negli Stati Uniti



Cnn

L’amministrazione Biden lancerà ulteriori misure durante un vertice dei leader nordamericani martedì nel disperato tentativo di impedire ai migranti di viaggiare. al confine meridionale degli Stati Uniti.

Arriva l’ultimo elenco di sforzi Tempo di movimento senza precedenti nell’emisfero occidentale ed è progettato per ridurre i valichi di frontiera facilitando l’accesso ai programmi di immigrazione legale negli Stati Uniti, in Messico e in Canada, secondo un alto funzionario dell’amministrazione.

Ma il successo di queste misure dipende dal fatto che i migranti considerino praticabili queste opzioni, soprattutto quando fuggono urgentemente dal deterioramento delle condizioni nei loro paesi di origine.

durante la sua presidenza, Joe Biden ha affrontato il cambiamento dei modelli di immigrazione che pongono sfide uniche alla gestione e hanno portato all’esaurimento delle risorse federali e locali. La questione, a sua volta, è diventata una debolezza politica per l’amministrazione – che ha attirato pesanti critiche sia dai repubblicani che dai democratici – ed è stata un importante punto di discussione con i partner del sud, in primo luogo il Messico.

In vista del vertice di martedì, i funzionari dell’amministrazione hanno sottolineato la necessità di una risposta regionale che condivida la responsabilità di arginare il flusso migratorio tra i partner emisferici. L’annuncio di martedì ne è un riflesso.

L’amministrazione Biden dovrebbe annunciare una piattaforma virtuale che fungerà da sportello unico per gli immigrati per trovare informazioni sui percorsi legali per i quali potrebbero qualificarsi – negli Stati Uniti, in Messico o in Canada – e aprire un nuovo centro di risorse in Messico meridionale, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione.

“Stati Uniti, Messico e Canada saranno tutti impegnati a consentire agli immigrati di accedere ai nostri percorsi legali attraverso un’unica piattaforma”, ha detto alla Galileus Web l’alto funzionario dell’amministrazione.

Il portale virtuale è in parte un riconoscimento delle sfide che gli immigrati devono affrontare nel tentativo di determinare percorsi legali per venire negli Stati Uniti e quindi navigare nel processo difficile e spesso arduo per farlo. Invece, le persone spesso si rivolgono ai contrabbandieri, che diffondono disinformazione sulle politiche statunitensi, per dirigersi a nord, un ostacolo per l’amministrazione Biden mentre cerca di dissuadere i migranti dall’intraprendere quella rotta.

“Questo è un esperimento”, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione, citando i programmi lanciati di recente per alcune nazionalità che cercano di venire negli Stati Uniti.

Il portale è in costruzione e si prevede che si riunirà nei prossimi mesi.

“Siamo sempre in concorrenza con i contrabbandieri, quindi pensiamo che la facilità di accesso e le piattaforme virtuali facili da usare siano davvero importanti… ma poi i centri dove le persone possono andare e sanno che possono fidarsi delle persone che sono lì e informazioni accurate e persino essere indirizzati in base alle loro assunzioni. “e interviste.”

Come parte di questo sforzo, gli Stati Uniti stanno anche lavorando con il Messico per aprire centri fisici dove gli immigrati possono ottenere informazioni su come fare domanda per immigrare negli Stati Uniti, rispecchiando il Migrant Resource Center lanciato in Guatemala. Un nuovo hub sarà allestito a Tapachula, una città nel sud del Messico attraverso la quale passano migliaia di migranti diretti al confine tra Stati Uniti e Messico.

“Sappiamo che è un luogo di transito, quindi il centro può aiutare le persone a rimanere ferme e ad andare avanti da lì”, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione.

L’annuncio solleva interrogativi tra i sostenitori dell’immigrazione, che affermano che la sua efficacia è attualmente semplicemente sconosciuta.

“È un’enorme, enorme questione aperta”, ha affermato un sostenitore dell’immigrazione, osservando che mentre una tale piattaforma online potrebbe essere utile a migliaia di richiedenti asilo, potrebbe anche rivelarsi “inaccessibile” per molti.

Il portale è ancora in costruzione e potrebbe non essere rivelato ancora per diversi mesi, quindi i dettagli sono ancora nell’aria. Un fattore importante, dicono gli esperti, è il modo in cui l’amministrazione determinerà se una persona non è idonea a chiedere asilo negli Stati Uniti.

Il coordinatore per le comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale, John Kirby, ha affermato lunedì che l’immigrazione sarà un “argomento chiave di discussione” durante il vertice di questa settimana.

“Non c’è dubbio che l’immigrazione sarà un importante argomento di discussione qui nelle prossime 24 o 36 ore. Questo è ovviamente nella mente di tutti qui nell’emisfero”, ha detto lunedì Kirby ad Alisyn Camerota della CNN, riferendosi al recente impegno del Messico. accettare migliaia di immigrati non messicani che attraversano il confine illegalmente e non fanno domanda per venire negli Stati Uniti attraverso nuovi programmi.

Kirby ha affermato che i leader discuteranno anche delle cause profonde della migrazione, sottolineando il lavoro della vicepresidente Kamala Harris sulla questione e sottolineando che l’argomento sarà uno dei principali argomenti di conversazione durante il viaggio.

Il vertice di martedì si basa sull’incontro dello scorso anno a Los Angeles, dove i paesi dell’emisfero occidentale si sono impegnati a rispettare la Dichiarazione di Los Angeles su migrazione e protezione. Il vertice è stato un punto di contesa tra Stati Uniti e Messico quando il presidente Andrés Manuel López Obrador ha ignorato l’incontro a causa di disaccordi su chi fosse invitato. I funzionari messicani hanno ancora partecipato al vertice.

Il North American Leaders Summit segna il sesto anniversario di questa dichiarazione.

“Abbiamo un’agenda molto ambiziosa ed è per questo che gli Stati Uniti avevano molti impegni sul tavolo all’inizio di questo e continuiamo a spingere altri Paesi”, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione, sottolineando che la sfida non si risolverà dall’oggi al domani .

READ  La Lituania estende le restrizioni commerciali a Kaliningrad nonostante l'avvertimento russo