Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Queste società americane continuano a fare affari in Russia

Queste società americane continuano a fare affari in Russia

Logo Starbucks e archi dorati per McDonald’s È smantellato in Russia Dove le catene di caffè e fast food si stanno ritirando dal paese guerra in ucraina. Ma i russi continuano a banchettare con piatti americani come hamburger e pizza, con Hard Rock Cafe e Sbarro tra più di due dozzine di aziende americane che continuano a fare affari come al solito in Russia.

27 società con sede negli Stati Uniti stanno sfidando le richieste di uscire o ridurre le loro attività in Russia, secondo un processo. risultato Scritto da Jeffrey Sonnenfeld, Professore di Management alla Yale University, e dal suo gruppo di ricerca.

Mentre sia Starbucks che McDonald’s hanno annunciato il loro completo ritiro dalla Russia negli ultimi giorni, Hard Rock continua a gestire gli Hard Rock Cafe a Mosca e San Pietroburgo, in Russia. La società, acquisita dalla Seminole Tribe of Florida nel 2007, non ha risposto alle richieste di commento.

E anche la catena americana di pizzerie “Sbarro”, che è un altro fornitore di fast food, è ancora attiva. Operante in Russia dal 1997, la società privata ha firmato un nuovo contratto di concessione nel Paese nel 2017 partner con Horeca Band Group e prevede di aprire più di 300 ristoranti a Sbarro in Russia entro il 2027. Non ha risposto a una richiesta di commento.

Secondo Sonnenfeld, non si tratta solo di catene alimentari. Il proprietario dei servizi di incontri online Match.com e la sua unità Tinder continuano a fare affari in Russia, con i dirigenti della società di appuntamenti che affermano in una chiamata sugli utili all’inizio di questo mese che prevede di perdere circa $ 10 milioni di entrate ogni trimestre per tutto il tempo dura Guerra russa in Ucraina.

“La performance europea è stata influenzata dall’invasione russa dell’Ucraina, che ha ridotto le entrate in Russia, Ucraina e molti altri paesi vicini”, ha affermato Gary Swidler, Chief Operations and Finance Officer di Match.

Match Group, con sede in Texas, non ha risposto a una richiesta di commento.

L’app di appuntamenti Bumble ha preso una decisione diversa. A marzo, la piattaforma di social media Lei disse Stava interrompendo le sue operazioni in Russia e rimuovendo le sue app dall’Apple App Store e dal Google Play Store in Russia e Bielorussia.

Alcune delle società che Sonnenfeld e il suo team hanno considerato tra i peggiori trasgressori si oppongono all’idea che stiano conducendo gli affari come al solito perché non si sono ritirati dalla Russia.

“Armizzare il cibo”?

Lake Forest, con sede in Illinois, Teneco, un fornitore di componenti automobilistici, ha aperto stabilimento di produzione a Togliatti, Russia, nel 2003, e Stazione di emissione a San Pietroburgo, Russia, quattro anni dopo. L’azienda ha ora quattro stabilimenti in Russia, di cui due fuori servizio. “Gli altri due hanno smesso di contattarli e non abbiamo informazioni sul loro stato”, ha detto Tineco in una dichiarazione via email.

READ  Spirit rinvia il voto sull'accordo di Frontier per continuare i colloqui con Frontier e JetBlue

Ha aggiunto che Tenneco sta rispettando le leggi e le sanzioni internazionali e ha sospeso le spedizioni oltre confine, senza ingresso o uscita di materie prime, componenti o prodotti finiti in entrata o in uscita dalla Russia o dalla Bielorussia.

“Rimaniamo concentrati sulla salute e sulla sicurezza del nostro personale in Ucraina, Russia e in altre aree colpite. Continueremo a fornire aggiornamenti e faremo il possibile per aiutare i membri del nostro team, i clienti e i fornitori a superare in sicurezza questa situazione, come speriamo una soluzione pacifica”.

Un’altra azienda, Des Moines, un fornitore di additivi alimentari con sede in Iowa, Kemin Industries, ha difeso le sue continue operazioni in Russia facendo la sua parte per combattere la fame, anche in Ucraina e Russia.

“Con la ferma convinzione che l’armamento del cibo sia ripugnante, Kemin continua a fare la sua parte per aiutare a sfamare le persone e contribuire ad esacerbare l’insicurezza alimentare durante la guerra”, ha affermato la società in una dichiarazione a CBS MoneyWatch. “Oltre al continuo supporto dei dipendenti nella regione”, ha aggiunto la società. formato Filiale russa nel 2016.

Quasi 200 negozi Domino’s Pizza in Russia rimangono aperti, con DP Eurasia, il principale franchisee di Domino in Russia dire Ha sospeso ulteriori investimenti per il momento e non accetterà pagamenti di royalty dalle sue operazioni russe fino a nuovo avviso.

“Non ci sono state interruzioni sostanziali alle operazioni del Gruppo in Russia a causa dell’attuale situazione in Ucraina. Il commercio continua dai 188 negozi del Gruppo e il Gruppo rimane dedicato alle comunità che serve. Tuttavia, il Consiglio di amministrazione ha deciso che sarebbe prudente per limitare qualsiasi ulteriore investimento nelle sue operazioni sono in Russia e lo terrà sotto controllo in futuro alla luce della situazione geopolitica”, ha affermato la società nel suo comunicato finanziario Risultati in Aprile.

La situazione la colloca nella categoria “acquisto di tempo” che Sonnenfeld ha creato con un punteggio “D” per le sue decisioni.

Ancora in Russia

Di seguito è riportato un riepilogo di altre società statunitensi che hanno ricevuto il rating “F” da Sonnenfeld per le loro decisioni riguardanti le loro operazioni in Russia.

  • Ospitalità Embridge. La società di gestione alberghiera Plano, Texas, gestisce più di 1.400 proprietà in 49 stati e 20 paesi, comprese le operazioni in Russia.
  • Tecnologia di allineamento. Il produttore di dispositivi medici Tempe ha sede in Arizona questo mese Riferito a Il conflitto in Ucraina è tra i fattori che possono “influenzare negativamente le nostre attività commerciali, di ricerca e sviluppo all’interno e all’esterno della Russia”.
  • Amdox. La società IT con sede in Israele ha sede a Jersey City, nel New Jersey, e continua a “collaborare con partner russi”, secondo Sonnenfeld. La società ha descritto la sua esposizione in Russia e Ucraina come irrilevante e circa l’1% delle entrate, ha affermato il CEO Choki Schaefer in una richiesta di utili l’11 maggio. Amdocs sta rispettando le sanzioni statunitensi applicate alla Russia e ha interrotto le nuove vendite dei suoi prodotti e servizi nel Paese. , Egli ha detto.
  • Amgen. La società farmaceutica californiana The Thousand Oaks ha aperto un ufficio a Mosca nel 2006, attività dell’azienda Attualmente Copre l’intero territorio della Federazione Russa, da Kaliningrad alla Kamchatka, secondo il suo sito web.
  • Avaya. L’azienda IT supporta ancora i suoi partner russi. Conflitti militari, sanzioni e controlli sulle esportazioni imposti dagli Stati Uniti e da altri paesi “limitano gravemente la nostra capacità di condurre affari con società, organizzazioni e individui russi negli Stati Uniti”, la società Lei disse in un fascicolo organizzativo. Si prevede di perdere 45 milioni di dollari di entrate previste in Russia quest’anno e altri 15 milioni di dollari quando altri paesi cambieranno le loro priorità a causa della guerra.
  • Cloudfare. Il provider di sicurezza e prestazioni web con sede a San Francisco rispetta le sanzioni, ma ha deciso di non interrompere i suoi servizi in Russia. Matthew Prince, co-fondatore e CEO dell’azienda, “La Russia ha bisogno di più accesso a Internet, non di meno” libri nel mese di marzo. “Riteniamo che rimuovere i nostri servizi dalla Russia farà più male che bene”, ha affermato in un’e-mail un portavoce di CBS MoneyWatch.
  • Donaldson Corporation. Il produttore di sistemi di purificazione dell’aria industriale con sede a Bloomington, Minnesota, continua le vendite in Russia.
  • Fleetcore. Il fornitore di servizi di pagamento per vettori con sede ad Atlanta, in Russia, ha circa 600 dipendenti e continua a lavorare come al solito.
  • Prodotti per sempre. La società di marketing multilivello di proprietà privata con sede a Scottsdale, in Arizona, opera ancora in Russia.
  • Compagnia di cacciatori. Woodlands, un produttore di prodotti chimici industriali con sede in Texas, continua ad operare in Russia.
  • carta internazionale. Memphis, Tennessee, a marzo Lei disse può vendere il 50% Periodo in un’importante azienda russa di prodotti forestali, ma continuerà le sue operazioni nel paese.
  • IQVIA. Il fornitore di analisi mediche a Danbury, nel Connecticut, è ancora operativo e attivo in Russia.
  • industrie Koch Ancora lavorando in Russia. Guardian Glass, una filiale del gigante industriale Wichita Group, Kansas Lavorare con i suoi manager locali in Russia Per “creare una strategia di uscita” che garantisca anche la sicurezza dei loro circa 600 dipendenti, il presidente di Koch Dave Robertson ha detto ai dipendenti di Nota Lo scorso mese.
  • Medtronic. La società di dispositivi medici di Minneapolis, Minnesota, continua a gestire una filiale in Russia. azienda nel mese di aprile condannato L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha affermato che continuerà a sostenere le attività essenziali che forniscono i suoi prodotti salvavita e sostenibili. L’azienda non effettua nuovi investimenti né avvia nuove sperimentazioni cliniche nel Paese.
  • Bakkar. Il produttore di camion Bellevue con sede a Washington è ancora attivo in Russia. La società ha interrotto le vendite di camion e parti in Russia e Bielorussia per conformarsi alle sanzioni internazionali e gestisce le vendite all’esportazione nel paese tramite rivenditori indipendenti e un magazzino di proprietà di terzi, si legge in un regolamento. depositare. L’anno scorso ha venduto 2.500 camion in Russia e Bielorussia.
  • Giochi antisommossa. L’azienda opera e vende ancora prodotti in Russia.
  • Attaccante. Un produttore di dispositivi ortopedici a Kalamazoo, nel Michigan, continua le vendite e le importazioni in Russia.
  • Venerdì TGI. L’azienda è ancora attiva in Russia. Catena di ristoranti a Dallas, in Texas, a marzo Lei disse Donerà le commissioni di franchising dai suoi ristoranti in Russia ai soccorsi in Ucraina.
  • Titan International Aa. Uno dei maggiori produttori di pneumatici e ruote fuoristrada, la Quincy Corporation, con sede nell’Illinois, opera ancora in Russia. La società ha affermato in una dichiarazione normativa che la società ha interrotto gli investimenti nelle sue operazioni russe e sta gestendo la sua struttura nel sud-ovest della Russia a bassa capacità per conformarsi alle sanzioni internazionali. depositare. Le sue operazioni in Russia hanno rappresentato circa il 5% delle vendite globali consolidate per il primo trimestre terminato il 31 marzo.
  • Tom Ford. La casa di moda con sede a New York ha aperto il suo primo negozio in Russia nel 2011 ed è ancora operativa nel Paese.
  • azienda di valvole. La società di software di tecnologia e intrattenimento Bellevue con sede a Washington dietro la piattaforma di gioco Steam è ancora al servizio della Russia.
  • Zimmer Biomite. Un produttore di dispositivi medici a Varsavia, Indiana, continua le vendite in Russia. L’azienda a marzo inserzionista Ha clienti, distributori e dipendenti sia in Ucraina che in Russia e si è concentrato sul mantenimento dei contatti e sul fornire supporto a tutti. La società ha condannato l’invasione dell’Ucraina in una dichiarazione inviata via email a CBS MoneyWatch. “Attualmente continuiamo a fornire team ospedalieri e di assistenza in Russia”, ha affermato un portavoce dell’azienda, con una parte dei profitti derivanti dalla vendita dei loro prodotti in Russia che andrà ai soccorsi in Ucraina.
READ  Contratti a termine Dow Notizie di incendio in una centrale nucleare ucraina