Novembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rayfield Wright, Hall of Fame e leggenda dei Dallas Cowboys, è morto all’età di 76 anni

Rayfield Wright, Hall of Fame e leggenda dei Dallas Cowboys, è morto all'età di 76 anni

Rayfield Wright, l’attaccante professionista della Football Hall of Fame soprannominato il “Big Cat” che ha vinto cinque Super Bowl nelle sue 13 stagioni nella NFL con i Dallas Cowboys, è morto giovedì. Aveva 76 anni.

La famiglia di Wright ha confermato la sua morte giovedì alla Professional Football Hall of Fame, che ha detto che Wright è stato portato in ospedale per diversi giorni dopo aver subito un grave attacco. Anche i Cowboys hanno confermato la morte.

“Rayfield Wright è stato un esempio di ciò che ci voleva per essere una Hall of Fame”, ha detto il direttore generale e proprietario dei Cowboys Jerry Jones in una dichiarazione. “Il suo coraggio, agilità, passione, carisma e amore per il calcio, la comunità e la sua famiglia hanno sempre brillato. L’originale ‘Big Cat’ ha contribuito a plasmare il futuro dei Dallas Cowboys attraverso la sua illustre carriera di 13 anni. Rayfield è stato un eroe in e fuori dal campo. È rimasto a lungo una parte importante della famiglia Cowboys. Dopo che i suoi giorni di gioco saranno finiti, ci mancherà molto. Il nostro amore e supporto per sua moglie, Dee, e l’intera famiglia Wright”.

Un grande giocatore della sua epoca a 6 piedi-6 e oltre 250 libbre, Wright era già un backup di fascia stretta per alcune stagioni quando l’allenatore Tom Landry gli ha chiesto di giocare con l’interferenza. Un Wright sorpreso ha detto che non aveva mai giocato a interferenze in vita sua, ma Landry gli ha detto che avrebbe fatto qualcosa di buono.

Wright fece il suo primo contrasto nella partita del 1969 contro Deacon Jones, il passante più dominante dell’epoca. Wright tenne testa e si stabilì come titolare a tempo pieno nel giusto contrasto nel 1970, quando Dallas fece il suo primo Super Bowl. I Cowboys vinsero quindi il loro primo titolo di Super Bowl nel 1971 e Wright fu la prima di sei stagioni consecutive. È stato un professionista tre volte.

READ  Jason Tatum dei Boston Celtics è "grato" per aver fatto la prima squadra della NBA, ma vuole regole sul voto

“Era il migliore in assoluto”, ha detto il quarterback della Hall of Fame Roger Staubach davanti alla Wright’s Hall nel 2006. Rayfield era un uomo grande e potente che è stato in grado di trasferire le sue dimensioni e la sua forza dall’estremità stretta all’intervento. Ha fornito che era in grado di gestire alcuni finali difensivi più veloci e persino i battiti cardiaci dell’esterno. Se è stato colpito, non me lo ricordo. “

Il suo soprannome era “Big Cat” a causa della sua estrema intelligenza rispetto alla sua taglia.

Dallas vinse un altro Super Bowl nel 1977, ma Wright giocò solo due partite in quella stagione a causa di un intervento chirurgico al ginocchio. Ha giocato in 95 delle 98 partite della stagione regolare della squadra, a cominciare da 94, nelle sette stagioni precedenti.

Dopo che Wright iniziò solo 16 delle 31 partite nel 1978 e nel 1979, fu rilasciato dai Cowboys la primavera successiva. Ha firmato un contratto con il rivale della NFC East Philadelphia, ma si è ufficialmente ritirato a causa di infortuni persistenti all’inizio del campo di addestramento senza aver giocato una partita con gli Eagles.

A Wright è stata diagnosticata la demenza nelle sue fasi iniziali nel 2012, ma ha lottato a lungo con convulsioni da quando è andato in pensione. Si credeva che fossero l’effetto di continui colpi alla testa mentre si giocava a calcio. È rimasto nascosto per molto tempo alle prese con mal di testa, vertigini e, a volte, irritabilità e dimenticanza inspiegabile.

In un’intervista del 2014 con il New York Times, Wright ha detto di aver avuto così tante commozioni cerebrali durante la sua carriera nella NFL che non riusciva nemmeno a contarle.

READ  Scelte degli esperti di college football, previsioni: settimana 7

Quando finalmente si unì alla Hall of Fame più di un quarto di secolo dopo la sua ultima partita, Wright fu presentato a Canton, Ohio, dall’allenatore di football di lunga data della Fort Valley State, Stan Lomax.

Wright non ha fatto parte della squadra di football del liceo per tre anni a Griffin, in Georgia, prima di andare a Fort Valley State nel suo stato natale per giocare a basket. L’estate successiva, Lomax lo costrinse a lasciare il suo lavoro estivo in una fabbrica per prepararsi a unirsi alla squadra di calcio.

Prova Lomax Wright con sicurezza gratuita, quindi usalo come giocatore d’azzardo, estremità difensiva e fine campo. L’allenatore divenne anche una figura paterna per Wright, che fu scelto dai Cowboys nel settimo round del Draft NFL 1967.

Wright preferiva ancora il basket, anche se ha rifiutato un’offerta dopo la sua stagione da junior per firmare con i Cincinnati Royals della NBA, la franchigia che ora è i Sacramento Kings, in modo da poter finire la scuola.

I suoi occhi erano ancora puntati sull’NBA quando il manager degli affari dei giocatori dei Cowboys Gil Brandt ha chiamato e ha detto che la squadra era interessata a arruolarlo.

“Mi sono reso conto che poter giocare con i Cowboys era un’opportunità data da Dio e non potevo ignorarla. Ho deciso di partecipare al campo di addestramento dei Cowboys che era a luglio. I Royals non sono iniziati fino ad agosto”, Wright ha detto nel suo discorso nella Hall of Fame. “Ho pensato che se non avessi schierato i Cowboys, sarei potuto andare direttamente in NBA”.

Wright ha detto che Brandt stava “firmando tutti coloro che possono camminare” e che era tra i 137 debuttanti al campo di addestramento dei Cowboys nel 1967. Era uno dei cinque che componevano la squadra.

READ  Capolista punta contro orsi, fast food: Washington chiude in scivolata di quattro partite e batte Chicago grazie ai difensori sulla linea di porta

Wright è stato un placcaggio di riserva per i primi due mesi della stagione 1969, poi è decollato inizialmente quando Ralph Neely si è infortunato. Il suo primo inizio è arrivato quando ha giocato a Dallas, 8-1, nella partita per 9-0 dei Los Angeles Rams con la sua intimidatoria difesa a quattro vie.

“Siamo entrati nella linea di scrimmage e ho guardato direttamente Deacon Jones nei suoi occhi, i suoi occhi sembravano rossi come il fuoco, mentre prendeva a calci la zampa posteriore come un toro”, ricorda in seguito Wright. “Sto dicendo a me stesso, oh mio Dio, in cosa mi sono trasformato?”

Prima ancora che la palla si tagliasse, Jones gridò: “Ragazzo, tua madre sa che sei qui?” Wright era così sbalordito che Jones lo investì.

“Mi sono ribaltato, ho guardato la nostra linea laterale pensando che l’allenatore Landry mi avrebbe portato fuori dal gioco”, ha detto Wright. A quel punto Deacon Jones tese le sue grandi braccia verso il basso e disse: “Ehi principiante, benvenuto nella NFL”. …ho detto: ‘Beh, signor Jones, lei non conosce mia madre, quindi non parli di lei. Vuoi giocare in questo modo e noi lo giocheremo”.

I Rams hanno vinto 24-23, ma Wright ha ottenuto una palla da gioco per il lavoro che è finito contro Jones. I loro duelli nel corso degli anni hanno contribuito notevolmente a costruire la reputazione di Wright.

Dallas non ha avuto record di sconfitte nelle 13 stagioni di Wright, un periodo che includeva otto partite del campionato NFC e cinque apparizioni al Super Bowl. Ha fatto parte della squadra della NFL per tutto il decennio degli anni ’70.

Le informazioni dell’Associated Press sono state utilizzate in questo rapporto.