Settembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Re Carlo in Scozia, mentre la bara della regina Elisabetta giace nella cattedrale di St Giles

Re Carlo in Scozia, mentre la bara della regina Elisabetta giace nella cattedrale di St Giles

Edimburgo, Scozia – Molto prima che si vedessero i tigli – e il sarcofago di quercia inglese, ornato di cardo scozzese ed erica – ho sentito il suono degli zoccoli dei cavalli nelle strade acciottolate del Royal Mile.

Il centro storico di Edimburgo di solito non è un posto tranquillo: è rumoroso, turistico e spesso un po’ agitato. Ma era ancora pomeriggio, sotto un cielo azzurro, con il sole. La folla sentì i cavalli e sterzò in avanti.

Videro, in un grande corteo, una Mercedes-Benz scortata dalla guardia del corpo del re per la Scozia, seguita dalle principali persone in lutto: i quattro figli della regina Elisabetta II. Tre di loro indossavano la loro uniforme militare, incluso il re Carlo III in uniforme da ammiraglio. Il principe Andrea indossava un cappotto da mattina – non più un monarca lavoratore, per lo più esiliato dallo scandalo, ma ancora in giro.

AGGIORNAMENTI IN DIRETTA: gli scozzesi rendono omaggio mentre la bara della regina giace a riposo a Edimburgo

Le persone erano per lo più silenziose, tenendo i loro smartphone in alto. Uno dei revisori solitari, che ha rivolto i suoi insulti ad Andrew, è stato respinto e arrestato per aver disturbato la pace. Alcuni nella folla gridarono: “Dio benedica la regina!” e “Dio salvi il re!”

Al momento, la Scozia ha abbracciato la “Regina di Scozia”.

Ma la domanda con la sua morte è cosa verrà dopo?

Non c’è dubbio che la famiglia reale britannica abbia i rapporti più stretti con la Scozia e la stragrande maggioranza delle persone qui rispettava profondamente la regina.

E dopo. Gli scozzesi hanno sentimenti complessi sulla monarchia e sul fatto che la Scozia debba essere un’indipendenza – o addirittura una repubblica – priva di reali ereditari. Le emozioni erano sottili qui lunedì, quando il sarcofago della regina viaggiava da Holyrood Palace alla cattedrale di St Giles e il nuovo re si rivolgeva al parlamento scozzese.

All’interno di St Giles, il reverendo Ian Greenshields ha elogiato l’amore della regina per il castello di Balmoral, poiché “era apprezzata come vicina e amica, e lì ha acquisito forza e ristoro durante i mesi estivi”.

La regina godeva della sua tenuta reale nelle Highlands scozzesi, di 50.000 acri, dove trascorreva le vacanze, in vaste brughiere e valli, cacciando galli cedroni e cervi. La famiglia della Regina lo chiamava “il luogo felice”. Lì ha eseguito il suo ultimo atto cerimoniale – Nomina del suo quindicesimo primo ministro, Liz Truss, la scorsa settimana. E il è morta lì Giovedì a 96 anni.

READ  Il tedesco Schulz afferma che la Russia non ha motivo di interrompere il ritorno delle turbine

“Ho amato la Scozia. “L’ho adorato”, ha detto Hayley Wilson, 34 anni, un funzionario delle imposte civili che aspettava in fila per ore per vedere la bara della regina nella cattedrale. “Balmoral, e lei amava le cornamuse. Amava stare all’aria aperta e il paesaggio. Amava la Scozia. Significa molto. “

Wilson aveva 18 mesi quando incontrò per la prima volta King. A sua madre piaceva raccontarci come, in chiesa per Pasqua, la regina stesse “salutando” la piccola Hayley. Wilson ha descritto Elisabetta II come la “Regina di Scozia”.

Il nuovo re aveva anche profondi legami con la Scozia. Ha frequentato il collegio a Jordanston, con le sue docce fredde, il dominio e lo studio serio, che gli è stato attribuito per avergli insegnato il duro lavoro. Ha fondato un centro per la Prince’s Foundation e la sua difesa della sostenibilità a Dumfries House in Scozia.

Prima di assumere l’incarico, Carlo mantenne una serie di titoli in Scozia: Duca di Rothsay, Conte di Carrick, Barone di Renfrew, Lord delle Isole, Principe e Grande Schiera di Scozia.

Sembra anche a suo agio in kilt.

Re Carlo III si rivolge per la prima volta al Parlamento come re

Charles indossava tartan e calzini rosso brillante, quando è apparso davanti al Parlamento scozzese lunedì, come parte di un frenetico tour nel Regno Unito.

Re Carlo III ha parlato davanti al Parlamento scozzese il 12 settembre dopo la processione di sua madre, la regina Elisabetta II, nella bara della cattedrale di St Giles. (Video: Reuters)

Disse: “La regina, come molte generazioni prima di lei, ha trovato nelle colline di questa terra e nel cuore del suo popolo, un santuario e una casa”.

Questa dinastia reale discende da Giacomo VI di Scozia, che seguì la prima Elisabetta nel XVI secolo, al tempo di William Shakespeare.

Charles ha citato Shakespeare quando all’inizio della giornata ha parlato alle Camere del Parlamento britannico a Westminster. Ma ha preso in prestito in Scozia dal poeta Robert Burns, dicendo che sua madre la regina era: “l’amica dell’uomo, l’amica della verità, lei è l’amica dell’uomo”. Il grande amico e mentore della giovinezza.

READ  Blinken afferma che gli Stati Uniti hanno visto segnalazioni di abusi russi in Ucraina "che costituirebbero un crimine di guerra"

Il primo ministro scozzese, Nicola Sturgeon, ha detto al re che ricorda bene i barbecue della famiglia reale al castello di Balmoral, con il suo defunto padre, il principe Filippo, responsabile del barbecue. E mi sono ricordato di una volta in cui la regina Corgi masticava un filo per una lampada nel castello, anche se le luci erano rimaste accese e nessun cane era rimasto ferito.

Il primo ministro Nicola Sturgeon ha parlato al parlamento scozzese e al re Carlo III dei suoi ricordi della regina, inclusa la prima volta che l’ha vista. (Video: Reuters)

Sturgeon ha descritto la regina come una “vera e ferma amica” della sua nazione e “essenziale per la storia della Scozia”. Sturgeon ha promesso la lealtà del suo governo al re.

Le lettere di cordoglio sono state calorose, anche dai leader dei partiti repubblicani scozzesi, come i Verdi.

Ma tra le migliaia che hanno fiancheggiato le strade di Edimburgo per vedere la bara della regina, c’erano molti che hanno espresso una doppia lealtà.

Sophie Campbell, 63 anni, una commessa in pensione, ha detto che avrebbe accolto favorevolmente la Scozia per diventare un paese indipendente pur mantenendo il re. “Sarebbe il meglio di entrambi i mondi”, ha detto. “Vecchio e nuovo.”

Campbell ha detto che molti scozzesi non hanno avuto problemi con la monarchia. “Fanno parte della nostra storia”. Ma ha spiegato: “La gente in Scozia ha problemi con la lingua inglese” con Boris Johnson e le élite al potere a Londra.

Daniel Wincott, professore di diritto e società all’Università di Cardiff, ha osservato che, sebbene i leader dell’SNP pro-indipendenza abbiano espresso commenti rispettosi e “lodi della regina” nell’ultima settimana, può ancora immaginare che dopo un breve periodo di “insieme “quando Con la morte della Regina, i legami che legano il Regno Unito potrebbero “svanire”.

Durante il referendum sull’indipendenza del 2014, che ha visto il rifiuto della Scozia di lasciare l’unione, i leader dell’SNP hanno chiarito che qualsiasi paese di nuova formazione avrebbe mantenuto il monarca come capo di stato.

Il primo viceministro scozzese, John Sweeney, leader del Partito nazionale scozzese, lunedì ha ribadito la promessa alla radio della BBC che “Sua Maestà il Re deve essere a capo di una Scozia indipendente”.

Ha detto: “Questo è ciò di cui continueremo a discutere”.

Non tutti sono d’accordo. I leader di Green e Alba in Scozia affermano di volersi separare dalla monarchia dopo l’indipendenza.

READ  Il giornalista Ivan Safronov è stato condannato a 22 anni di carcere per alto tradimento

Grande sondaggio di maggio del think tank futuro britannicoha scoperto che il 45% in Scozia voleva mantenere la monarchia, con il 36% che affermava che la fine del regno della regina sarebbe stato il momento giusto per passare alla Repubblica.

Sulla questione dell’indipendenza scozzese, la regina rimase per lo più silenziosa. Ma non completamente.

A Krathie Kirk, la parrocchia della Little Church of Scotland dove i membri della famiglia reale assistono alla messa domenicale quando si trovava a Balmoral, Elizabeth si è fermata a parlare con qualcuno della folla prima del referendum del 2014. L’ha sentita dire: “Bene, spero la gente pensa bene al futuro”, che Widely ha interpretato come un campanello d’allarme per il voto contro l’indipendenza.

Non è un lapsus, ha affermato Tim Shipman, redattore politico del Sunday Times di Londra. I giornalisti sono stati avvisati di non ascoltare le sue osservazioni.

David Cameron, il primo ministro dell’epoca, è stato catturato dal microfono dal vivo dicendo che la regina stava “hackerando il telefono” quando ha riferito che la sua campagna contro l’indipendenza scozzese era riuscita. In seguito si è scusato per aver rivelato una conversazione privata con il re.

Sebbene Charles sia meno popolare di sua madre in Scozia e l’istituzione della monarchia stessa sia meno popolare in Scozia che in Inghilterra, queste sono differenze “di grado piuttosto che di tipo”, ha affermato Alex Massey, editore scozzese di The Spectator.

“Non trovo un grande entusiasmo in Scozia per una repubblica”, ha detto Massey. “Sì, il repubblicanesimo può essere più forte in Scozia che in Inghilterra, ma ciò non significa che sia abbastanza forte da resistere oggi”.

Ha anche messo in guardia contro la lettura eccessiva dei sondaggi di opinione condotti quando Carlo era principe di Galles. Ha detto: “Diventare un re è trasformativo”.

“L’istituzione è più grande di qualsiasi individuo, ed è difficile ricordarlo dopo 70 anni al potere”, ha detto Massey. “C’è una grande benevolenza nei confronti di Carlo che potrebbe sorprendere molte persone; molte persone sono sorprese da quanto si sentono bene per il re”.