Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rishi Sunak e Sajid Javid si dimettono dal governo del Regno Unito in un colpo solo a Boris Johnson

Il cancelliere Rishi Sunak e il segretario alla salute Sajid Javid hanno entrambi annunciato le loro dimissioni in lettere inviate l’un l’altro su Twitter martedì sera.

“Il pubblico si aspetta che il governo sia gestito in modo corretto, efficiente e serio”, ha affermato Sunak nella sua lettera di dimissioni. “Riconosco che questo potrebbe essere il mio ultimo lavoro ministeriale, ma credo che valga la pena lottare per questi standard, ed è per questo che mi dimetto”.

“In preparazione per il nostro discorso congiunto sull’economia proposto la prossima settimana, mi è chiaro che i nostri approcci sono fondamentalmente diversi”, ha aggiunto Sunak nella lettera. “Sono triste di lasciare il governo, ma con riluttanza sono giunto alla conclusione che questo non può continuare”.

Javid ha scritto: “È stato un grande privilegio ricoprire questo ruolo, ma mi dispiace di non poter più continuare in buona coscienza”. Javid ha aggiunto che il voto di fiducia del mese scorso al primo ministro è stato “un momento di umiltà, presa e nuova direzione”.

“Tuttavia, è chiaro per me che questa situazione non cambierà sotto la tua guida, quindi hai perso anche la mia fiducia”, ha scritto Javid.

Corruzione dopo corruzione

La controversia più immediata che Johnson deve affrontare è la gestione da parte di Downing Street delle dimissioni della scorsa settimana del vice capo frusta Chris Fincher, che si è dimesso giovedì scorso dopo aver incontrato due ospiti a una festa privata la sera prima.

Sebbene non abbia ammesso direttamente le accuse, Pincher ha detto in una lettera a Johnson che “ho bevuto troppo la scorsa notte” e “mi sono messo in imbarazzo e gli altri”.

READ  Il governatore del Massachusetts Charlie Baker non cercherà la rielezione

Downing Street ha lottato per spiegare perché Fincher fosse al governo in primo luogo, in mezzo a un’ondata di rivelazioni sulla sua precedente condotta, negando che Johnson avesse una conoscenza specifica delle accuse.

Martedì, tre anni fa, è stata presentata una denuncia contro Fincher al Foreign Office e Johnson è stato informato su ciò che era accaduto.

Pochi minuti prima che Sunak e Javid annunciassero le loro dimissioni, Johnson ha ammesso che è stato un “errore” nominare Pincher nel suo governo.

“Ho ricevuto questa denuncia. È stata sollevata con me in modo molto arrogante, ma vorrei che l’avessimo fatto, non è rimasto al governo perché ha continuato, temo, a comportarsi, per quanto possiamo vedere – secondo alle accuse che abbiamo — molto, molto male”, ha detto Johnson in un’intervista televisiva.

Il leader dell’opposizione britannica Keir Starmer ha detto che era “chiaro” che il governo stesse “crollando”.

“I ministri conservatori del gabinetto sanno molto bene chi è questo Primo Ministro. Lo hanno acclamato per tutta questa triste saga. Lo hanno sostenuto quando ha infranto la legge. Lo hanno sostenuto quando ha mentito ripetutamente. Lo hanno sostenuto quando ha deriso i sacrifici del Popolo britannico”, si sono dimessi i due. Il leader laburista ha affermato nella dichiarazione.

Johnson ha dovuto affrontare per mesi una raffica di critiche sul suo comportamento e sulla condotta del suo governo, comprese le feste illegali che hanno rotto il blocco che hanno visto lui e altri multati nei suoi uffici di Downing Street.

Nonostante la vittoria schiacciante di 80 seggi di Johnson due anni e mezzo fa, ha dovuto affrontare diversi scandali che hanno influenzato la sua posizione alle elezioni. Questi includono le accuse di aver utilizzato in modo inappropriato i soldi dei donatori per rinnovare la sua casa di Downing Street e di aver frustato i parlamentari per proteggere un collega che ha infranto le regole di lobbying.

Quali sono le prospettive per Boris Johnson?  Ecco cosa devi sapere

Il mese scorso è sopravvissuto a un voto di fiducia, ma il numero finale dei suoi legislatori che si sono ribellati contro di lui è stato più alto di quanto si aspettassero i suoi sostenitori: il 41% del suo stesso partito parlamentare si è rifiutato di sostenerlo.

Ma è riuscito a ottenere un voto di fiducia e ha subito un altro colpo al suo partito alla fine del mese scorso Fallito in due elezioni parlamentari suppletive Durante la notte, ha sollevato nuove domande sulla sua leadership.

Secondo un sondaggio Ipsos nel Regno Unito condotto tra il 22 e il 29 giugno, il Partito conservatore di Johnson è al livello più basso registrato per essere ritenuto “adatto a governare” in più di un decennio. Solo il 21% degli intervistati ha affermato che era accettabile governare, il numero più basso per i conservatori o i laburisti da quando Ipsos ha iniziato a monitorare la misura nel 2011.

READ  Rhys Hoskins frizione homer vs. I Braves stanno facendo un tuffo fragoroso con l'NLDS

Il caos a Westminster ha avuto effetti a catena sui mercati finanziari, portando la sterlina britannica al livello più basso rispetto al dollaro in più di due anni.

Più dimissioni

Downing Street non ha esitato a ricoprire ruoli vacanti. Nadim Zahavi, in precedenza segretario di Stato per l’istruzione, è stato nominato cancelliere, mentre il capo di Downing Street Steve Barclay è diventato il nuovo segretario alla salute martedì sera.

Zahavi è stato sostituito da Michelle Donnellan come Segretario all’Istruzione.

Javid e Sunak non sono stati gli unici ad andare martedì. Poco dopo che entrambi hanno rassegnato le dimissioni, il vice leader del Partito conservatore Bim Afolami ha annunciato le sue dimissioni in diretta televisiva. Durante un’intervista con Tom Newton Dunn di The News Desk, Afolami ha dichiarato: “Non credo che il primo ministro abbia più il mio sostegno… il partito o addirittura il Paese”.

Afolami ha chiesto a Johnson di dimettersi e in seguito ha detto che avrebbe rassegnato anche le proprie dimissioni. “Penso che dovresti dimetterti perché non posso servire sotto il Primo Ministro”.

Alex Sack, che ha servito come procuratore generale del Regno Unito e ministro nell’ufficio del procuratore generale, si è dimesso martedì, affermando nella sua lettera di dimissioni che era “tempo per una nuova leadership”.

“Essere al governo significa accettare di sostenere posizioni politiche difficili o impopolari che servono il più ampio interesse nazionale, ma ciò non si estende alla protezione degli insicuri”, ha affermato Sack.

Anche Andrew Murison, l’inviato commerciale del primo ministro in Marocco, si è dimesso, facendo esplodere il “caos indisciplinato degli ultimi sei mesi” e dicendo che la “posizione di Boris Johnson è irrecuperabile”.

READ  AMD conferma che RX 7900 XTX è un concorrente di RTX 4080, FSR3 può essere supportato da architetture pre-RDNA3

Martedì, almeno una mezza dozzina di altri funzionari governativi di rango minore hanno annunciato le loro dimissioni.

Luke McGee, Sarah Dean, Luke Henderson, Lauren Kent, Dan Wright, Jorge Engels e Maija Ehlinger della CNN hanno contribuito al reportage.