Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Salma Al-Shehab, attivista saudita, è stata condannata a 34 anni di carcere per aver twittato

Salma Al-Shehab, attivista saudita, è stata condannata a 34 anni di carcere per aver twittato
Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

BEIRUT – L’Arabia Saudita ha condannato silenziosamente una donna la scorsa settimana a 34 anni di carcere per il suo attivismo su Twitter, segnando la pena saudita più lunga di sempre. per un attivista pacifico e ha scatenato una nuova ondata di paura tra i critici del governo, hanno affermato tre gruppi per i diritti umani.

Gruppi per i diritti umani hanno affermato che la donna, Salma Al-Shehab, è stata arrestata nel gennaio 2021 in Arabia Saudita, dove si trovava in vacanza, pochi giorni prima che la cittadina saudita e madre di due bambini tornassero a casa sua in Gran Bretagna. Le accuse contro la 33enne erano incentrate sulla sua attività su Twitter, secondo gli atti del tribunale.

Chehab è stato attivo sulla piattaforma dei social media durante le campagne che chiedevano l’abolizione del sistema di tutela del Paese, che conferisce agli uomini il controllo legale su alcuni aspetti della vita delle parenti. Ha chiesto il rilascio dei prigionieri di coscienza sauditi.

Nonostante le promesse, le esecuzioni saudite sono già quasi il doppio rispetto allo scorso anno

Secondo gli atti del tribunale ottenuti dal Washington Post, Shehab è stato accusato di utilizzare un sito di social media per “disturbare l’ordine pubblico, minare la sicurezza della società e la stabilità dello stato e sostenere coloro che hanno commesso atti criminali in conformità con l’Anti -Legge sul terrorismo e il suo finanziamento”.

I documenti affermano che hanno sostenuto queste persone “seguendo i loro account sui social media e ritrasmettendo i loro tweet” e che hanno diffuso false voci. I documenti continuavano, affermando che dopo aver impugnato la condanna iniziale, è stato stabilito che la sua pena detentiva era troppo breve “considerando i suoi crimini” e che la sua precedente sentenza non era riuscita a “trattenere e scoraggiare”.

Oltre a una pena detentiva di 34 anni e un successivo divieto di viaggio di 34 anni, che inizia dopo la fine della sua pena detentiva, il tribunale ha stabilito che il suo cellulare sia stato confiscato e il suo account Twitter “chiuso definitivamente”.

READ  La forza dell'uragano Daniel, la tempesta tropicale Earl che ondeggia nell'Oceano Atlantico

Le accuse sono familiari: seminare discordia e destabilizzare lo stato sono accuse spesso usate contro gli attivisti del regno che si esprimono contro lo status quo. L’Arabia Saudita ha da tempo applicato la sua legge antiterrorismo contro i cittadini le cui proteste sono ritenute inaccettabili, in particolare se sono critiche nei confronti del sovrano de facto, il principe ereditario Mohammed bin Salman.

Alla fine del 2021, la condanna iniziale contro Chehab ha scontato sei anni di carcere. Tuttavia, quando ha impugnato la sentenza, la sentenza è stata portata a 34, la condanna più lunga del Paese contro un attivista pacifico, secondo diversi gruppi per i diritti umani.

I gruppi per i diritti umani hanno ripetutamente messo in guardia contro il recente uso da parte del governo della legge antiterrorismo. in Aprile, Human Rights Watch Ha affermato che leggi come la “famigerata legge antiterrorismo e la legge anti-criminalità informatica contengono disposizioni molto vaghe e ampie che sono state ampiamente interpretate in modo errato e abusate”. Le frasi sono spesso caratterizzate anche da frasi dure e incoerenti.

Lina Al-Hathloul, capo del monitoraggio e delle comunicazioni di ALQST, un’organizzazione saudita per i diritti umani con sede a Londra, ha affermato che poiché la sentenza include la chiusura del suo account Twitter, almeno un gruppo per i diritti umani sta cercando di assicurarsi che non venga chiuso.

“Ora stiamo lavorando con Twitter per non chiuderlo o far loro sapere che almeno se viene loro chiesto di chiuderlo, viene dal governo saudita e non da loro”, ha detto. Twitter non ha risposto a una richiesta di commento da The Post.

L’Organizzazione saudita europea per i diritti umani, che sta seguendo gli arresti nel regno, ha dichiarato martedì nella sua dichiarazione che la decisione di condannare Shehab ai sensi della legge antiterrorismo “conferma che l’Arabia Saudita tratta coloro che chiedono riforme e critiche sui social network come terroristi”.

READ  Gli Stati Uniti impongono sanzioni dopo che Putin ha riconosciuto le regioni separatiste dell'Ucraina

Il gruppo ha affermato che la sentenza costituisce un pericoloso precedente e mostra che gli sforzi ampiamente elogiati dell’Arabia Saudita per modernizzare il regno e migliorare i diritti delle donne “non sono seri e rientrano nelle campagne di imbiancatura che sta intraprendendo per migliorare il proprio record di diritti umani”.

I dissidenti sauditi definiscono un tradimento la visita programmata di Biden nel regno

Prima del suo arresto, Shehab era una docente presso la Princess Noura University nella capitale saudita, Riyadh, e una studentessa di dottorato nel suo ultimo anno presso la British University di Leeds. Un collega che ha lavorato con lei a Leeds ha affermato che stava conducendo ricerche esplorative sulle nuove tecnologie nella medicina orale e dentale e sulle loro applicazioni in Arabia Saudita.

La persona, che ha parlato in condizione di anonimato a causa della delicatezza della questione, ha descritto Chehab come un collega “meraviglioso” e “gentile” – “il tipo di persona che porta sempre ricompense”.

La collega ha aggiunto di non aver mai parlato pubblicamente di politica, invece ha parlato molto dei suoi figli e ha mostrato loro foto ad amici e colleghi. Mi mancava molto la sua famiglia.

Shehab è tornato in Arabia Saudita alla fine del 2019 e non è mai tornato a scuola in Gran Bretagna. All’inizio questo non riguardava nessuno, visto il lungo periodo di lockdown per coronavirus iniziato a marzo 2020 in Inghilterra. Ma il suo collega ha detto, alla fine, la gente ha iniziato a chiedere: “Qualcuno ha sentito parlare di Salma?”

“È stato uno shock per tutti noi perché abbiamo pensato: ‘Come può essere arrestata una come lei?'” ‘ disse la persona.

Un portavoce dell’Università di Leeds ha dichiarato a The Post via e-mail: “Siamo molto preoccupati di apprendere di questo ultimo sviluppo nelle condizioni di Selma e stiamo cercando consigli per sapere se c’è qualcosa che possiamo fare per sostenerla”.

READ  Il nazionalista irlandese Sinn Fein ottiene una vittoria storica alle elezioni dell'Irlanda del Nord

“I nostri pensieri rimangono con Salma, la sua famiglia e i suoi amici nella nostra affiatata comunità di ricercatori laureati”, ha aggiunto il portavoce.

Quando è stato chiesto al Ministero degli Esteri britannico se stesse monitorando il caso di Shehab o fosse coinvolto in qualsiasi tentativo di ottenerne il rilascio, ha detto al Post via e-mail che “ministri e alti funzionari hanno ripetutamente sollevato preoccupazioni sulla detenzione di difensori dei diritti delle donne da parte dell’Arabia Saudita autorità e continuerà a farlo”.

Dopo che un dissidente è scomparso in Canada, i sauditi in esilio temono di essere in pericolo

Shehab appartiene alla minoranza sciita nell’Islam, considerata eretica da molti musulmani sunniti intransigenti e i cui seguaci in Arabia Saudita sono spesso automaticamente visti con sospetto dalle autorità sunnite.

L’Arabia Saudita è stata spesso criticata per il trattamento riservato alla minoranza sciita. Lo ha detto Human Rights Watch, con sede a New York, all’inizio di quest’anno nel suo numero annuale Rapporto Sui diritti umani, il regno “discrimina sistematicamente le minoranze religiose musulmane”, compresi gli sciiti.

L’ultima attività su Twitter di Chehab è stata il 13 gennaio 2021, due giorni prima del suo arresto, quando ha ritwittato una classica canzone araba sulla mancanza della compagnia di una persona cara.

Sulla sua pagina Twitter, che è ancora attiva, ha appuntato un tweet di una preghiera che chiede perdono se ha mai trasgredito contro un altro essere umano senza sapere e chiedendo a Dio di aiutarla a rinunciare all’ingiustizia e aiutare coloro che la affrontano.

Il tweet termina con “Libertà per i prigionieri di coscienza e per ogni persona oppressa nel mondo”.

Timsit segnalato dalla Francia.