Ottobre 7, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scoperti due pianeti “super-Terre”, uno che potrebbe ospitare la vita

Scoperti due pianeti "super-Terre", uno che potrebbe ospitare la vita

Sono stati identificati due pianeti simili alla Terra, uno dei quali potrebbe fornire le condizioni necessarie per la prosperità della vita.

I due esopianeti, LP 890-9b e LP 890-9c, sono stati scoperti a 100 anni luce di distanza, in orbita attorno alla stella LP 890-9 – e da allora sono stati soprannominati “super-Terre” per la loro somiglianza con il nostro pianeta natale, anche se in qualche modo più magnitudo.

Basandosi sulle precedenti scoperte del satellite Transiting Exoplanet Survey (TESS) della NASA, i ricercatori dell’Università di Birmingham nel Regno Unito hanno utilizzato il loro telescopio SPECULOOS – che sta per “la ricerca di pianeti abitabili che oscurano le stelle ULtra-cOOl” – per confermare la validità di questi due lunedì. pianeti.

Naturalmente, gli scienziati si rivolgono al nostro posto nel sistema solare quando cercano fattori che contribuiscono alla vita, come le dimensioni di un esopianeta e la sua distanza dalla sua stella ospite, nonché le dimensioni e la temperatura di quella stella.

Il professore di scienze degli esopianeti Amaury Triaud, il cui team SPECULOOS ha recentemente confermato l’esistenza di LP 890-9c, così come l’abitabilità del pianeta gemello, ha affermato. Il loro lavoro è in uscita sul Journal of Astronomy and Astrophysics, per me Comunicato stampa di Ateneo.

La sua stella, chiamata anche TOI-4306, o SPECULOOS-2, è la seconda stella più bella conosciuta per ospitare pianeti, dietro TRAPPIST-1, che ha sette pianeti delle dimensioni della Terra. Si ritiene che tali stelle, incluso il nostro sole Il migliore per la cura della vita sui pianeti che gli orbitano attorno, perché maggiore è la temperatura di combustione, più difficile è la sopravvivenza della vita.

READ  La mappa cosmica 3D rivela 1 milione di galassie precedentemente nascoste

Questo rende anche più difficile il rilevamento.

L’esopianeta del sistema è del 40% più grande della Terra e completa la sua orbita in circa 8,5 giorni, collocandolo in una “zona abitabile” rispetto alla sua stella.
Getty Images / Foto di scienza Bilancia

“TESS ricerca gli esopianeti utilizzando il metodo del transito, osservando la luminosità di migliaia di stelle contemporaneamente e cercando un leggero oscuramento che potrebbe essere causato dai pianeti che passano davanti alle loro stelle”, L’autore principale del rapporto, Laetitia Delreese, ha dichiarato:, un ricercatore dell’Università di Liegi ha contribuito ai risultati. Delrez ha spiegato che “seguire i telescopi terrestri” può aiutare a trovare ciò che TESS manca a causa della sua limitata sensibilità alla luce nella gamma del vicino infrarosso, che viene emessa dalle stelle più fredde, tra cui LP 890-9.

I ricercatori hanno fornito maggiori dettagli sulla fattibilità del planetario LP-890-9. Gli scienziati hanno affermato che il suo satellite più vicino, LP 890-9b, è circa il 30% più grande della Terra e completa la sua orbita in 2,7 giorni, troppo velocemente per sostenere la vita.

Ma l’esopianeta del sistema, LP 890-9c, il 40% più grande della Terra, orbita circa 8,5 giorni, collocandolo in una “zona abitabile” – spesso indicata come la “regione di Riccioli d’oro” – rispetto alla sua stella.

LP 890-9c, così come i pianeti TRAPPIST-1, saranno i bersagli del telescopio SPECULOOS preferiti per le prossime analisi, secondo Triaud, che è stato coinvolto nella scoperta di entrambi i sistemi.

“È importante scoprire il maggior numero possibile di mondi terrestri temperati per studiare la diversità dei climi degli esopianeti e, in definitiva, essere in grado di valutare la frequenza con cui la biologia appare nell’universo”, ha affermato.