Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Secondo una nuova analisi, l’Artico si sta riscaldando 4 volte più velocemente del resto del pianeta

Il rapido riscaldamento dell’Artico, un segno sicuro del cambiamento climatico, sta avvenendo più velocemente di quanto descritto in precedenza, hanno affermato giovedì i ricercatori in Finlandia.

Negli ultimi quattro decenni, la regione si è riscaldata quattro volte più velocemente della media globale, di solito due o tre volte meno. Alcune parti della regione, in particolare il Mare di Barents a nord della Norvegia e della Russia, si stanno riscaldando sette volte più velocemente, hanno affermato.

Ciò si traduce in un più rapido scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia, portando a un maggiore innalzamento del livello del mare. Ma influisce anche sulla circolazione atmosferica in Nord America e altrove, con effetti sulle condizioni meteorologiche, ecc Pioggia intensa E Ondate di caloreAnche se alcune implicazioni sono oggetto di dibattito tra gli scienziati.

Sebbene gli scienziati sappiano da tempo che le temperature medie nell’Artico stanno aumentando più velocemente rispetto al resto del pianeta, il tasso è stato fonte di confusione. Studi e resoconti di notizie stimano che questo sia da due a tre volte più veloce della media globale.

Mika Randanen, ricercatore presso l’Istituto meteorologico finlandese di Helsinki, ha affermato che lui e i suoi colleghi hanno deciso di esaminare seriamente il problema nell’estate del 2020. Ondate di caldo nell’Artico siberiano Attira l’attenzione.

“Eravamo frustrati perché si dice che l’Artico si sta riscaldando due volte più velocemente del globo”, ha affermato il dott. ha detto Randanen. “Ma quando guardi i dati, puoi facilmente vedere che sono più vicini a quattro”.

Le nuove scoperte sono rafforzate da queste Un altro studio recenteGuidato dagli scienziati del Los Alamos National Laboratory, ha riscontrato tassi di riscaldamento simili, anche se in periodi di tempo diversi.

READ  Isium: l'Ucraina afferma che almeno 440 tombe sono state trovate nel luogo di sepoltura

L’Artico è stato a lungo un indicatore chiave del cambiamento climatico e rallentare il riscaldamento riducendo le emissioni di gas serra richiederà la cooperazione internazionale per evitare le conseguenze più catastrofiche. La riduzione delle emissioni dagli Stati Uniti, il più grande emettitore nella storia e ora secondo solo alla Cina, è al centro del pacchetto climatico dell’amministrazione Biden, che dovrebbe ottenere presto l’approvazione del Congresso.

L’Artico si sta riscaldando più rapidamente a causa di un ciclo di feedback in cui il ghiaccio marino si scioglie nella regione di riscaldamento, esponendo l’Oceano Artico a più luce solare e portando a un maggiore riscaldamento, che porta a un ulteriore scioglimento e riscaldamento. Il risultato di questo e di altri processi oceanici e atmosferici è noto come risalita artica.

Descrive come il tasso di riscaldamento nell’Artico si confronta con la media globale relativa al periodo di tempo analizzato e come viene definita la regione.

La nuova analisi, pubblicata sulla rivista Comunicazione Terra e Ambiente, a partire dai dati del 1979, quando furono disponibili per la prima volta stime accurate della temperatura dai sensori satellitari. I ricercatori hanno anche definito l’area a nord del Circolo Polare Artico, sopra i 66 gradi di latitudine.

Thomas Ballinger, ricercatore presso l’Università dell’Alaska Fairbanks, ha affermato che la definizione della regione è “una conversazione molto rilevante per comprendere il cambiamento dell’Artico”. Un Artico più grande coprirebbe più terra, riducendo l’impatto del feedback del ghiaccio marino sulle temperature medie.

Il dottor Ballinger, che non è stato coinvolto in nessuno dei due studi, è l’autore dell’annuale Arctic Report Card prodotta per la National Oceanic and Atmospheric Administration. Alcuni dei risultati dello studio finlandese sono particolarmente interessanti, ha affermato, tra cui i tassi di riscaldamento molto elevati alla fine degli anni ’80 e alla fine degli anni ’90. “Quello è stato in realtà quando i tassi di espansione dell’Artico erano molto forti”, ha detto.

READ  Logitech ha creato accessori di gioco per PC colorati e altamente inclusivi di genere

Uno studio precedente, pubblicato il mese scorso su Geophysical Research Letters, ha esaminato i dati del 1960 e ha definito un grande Artico a nord di 65 gradi di latitudine, che contiene più terra. Il tasso di riscaldamento iniziato circa 20 anni fa ha quadruplicato la media globale.

A differenza dello studio finlandese, ci sono stati due periodi decennali dalla metà degli anni ’80 alla metà degli anni ’90 e negli anni 2000 ci sono stati grandi balzi di riscaldamento nella regione. “Non cambia continuamente, cambia gradualmente”, ha affermato Manvendra K., scienziato dell’atmosfera a Los Alamos e uno degli autori dello studio. ha detto Dubey.

Dott. Dubey ha affermato che aumenti come quello di Stepi, oltre agli effetti dell’aumento delle emissioni di gas serra dovute all’attività umana, potrebbero svolgere un ruolo nel rapido riscaldamento della regione a causa della variabilità climatica naturale.

Ha detto che i risultati del suo team indicano una certa influenza sul tasso di riscaldamento e alcuni cambiamenti a lungo termine nella circolazione oceanica o atmosferica.

Ma l’interazione tra la temperatura dell’acqua e il ghiaccio è più importante, ha affermato, soprattutto in aree come il Mare di Barents, dove il tasso di riscaldamento sarà ancora maggiore.

“Le tendenze al riscaldamento sono fortemente legate al declino del ghiaccio marino”, ha affermato. “Sono più alti nelle aree in cui il ghiaccio marino si sta riducendo maggiormente. Questo è il motivo principale”.