Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sega conferma la morte di Rieko Kodama dopo gli elogi dei fan

Sega conferma la morte di Rieko Kodama dopo gli elogi dei fan

Rieko Kodama, il principale sviluppatore dietro i classici di Sega tra cui Phantasy Star e Skies of Arcadia, è morto. Aveva 58 anni.

Le voci sono iniziate dopo che un messaggio commemorativo a Kodama è stato individuato nei titoli di coda di Mega Drive Mini 2. Alla domanda se il messaggio fosse effettivamente destinato a menzionare la morte di Kodama, il produttore di Sega Yosuke Oskunari ha detto che era morta.

“Come lo capisci”, ha scritto Okonari. “L’abbiamo rispettata”.

Sega ha successivamente confermato che Kodama è morta a maggio, ma non è stata in grado di condividere altri dettagli per rispetto della privacy della sua famiglia.

Sega del Giappone ha aggiunto: “Preghiamo che il defunto riposi in pace e la nostra gratitudine per il suo straordinario contributo a Sega”. [Translation by IGN Japan]

Un pioniere nel settore dei giochi

Conosciuta come Phoenix Rie nei suoi primi lavori, Kodama è diventata famosa nell’industria dei giochi a metà degli anni ’80, lavorando come graphic designer e successivamente come produttore e regista. I suoi crediti includono Sonic the Hedgehog 2 e Skies of Arcadia, ma è meglio conosciuta per il suo lavoro come uno dei pionieri della serie Phantasy Star, servendo come regista di Phantasy Star IV.

Nonostante sia stata lodata come una pioniera in un settore dominato dagli uomini, Kodama era nota per odiare i riflettori, rivolgendo il merito al resto del suo team quando è stata premiata come Pioneer ai Game Developers Choice Awards.

“Non sono sicuro se sia a causa della cultura Sega o cosa, ma non mi sono mai sentito in svantaggio solo perché sono una donna. Lavoro su varie cose relative allo sviluppo del gioco da oltre 30 anni. anni ormai e da quando sono entrato in Sega non sono stato curato Nessun trattamento è diverso dagli uomini”, ha detto Kodama in un’intervista.

READ  Rocket League ottiene la modalità Battle Royale

In un’altra intervistaHa detto che non pensa che sia insolito per le donne giocare, notando che le ragazze spesso gravitano verso i giochi di ruolo. Una delle sue opere più importanti, Phantasy Star, si è distinto perché era uno dei pochissimi giochi con la protagonista.

“Dato che anch’io sono una donna, quando realizzo giochi cerco di non farne solo personaggi di fantasia maschili, perché le persone hanno bisogno di essere salvate. Mi piace creare personaggi femminili con cui le persone di entrambi i sessi possano relazionarsi. Ma anche noi vedere di più”, ha detto Kodama all’epoca. Di donne volitive in giochi rivolti al pubblico femminile”.

Kodama è rimasto attivo nel settore dei giochi fino al 2010 e ha continuato a lavorare su giochi che includevano 7 Dragon e Sega Ages. Ha lasciato un’eredità come una delle più importanti sviluppatori femminili nella storia dei giochi e la sua carriera di 35 anni nel settore è stata fonte di ispirazione per molte donne.

Credito miniatura: conferenza degli sviluppatori di giochi

Kat Bailey è Senior News Editor di IGN e co-conduttrice di Nintendo Voice Chat. Hai un consiglio? Mandale un messaggio diretto a the_katbot.