Dicembre 4, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Serena Williams è di nuovo fuori dal primo round a Wimbledon

Wimbledon, Inghilterra – Serena Williams gioca a Wimbledon per la 21esima volta. Questa è la prima volta di Harmony Don, ma sarà la scelta del secondo turno dell’All England Club.

Don, a La 115a francese classificata, meno conosciuta nel suo paese, ha sconfitto la Williams, la migliore campionessa di tennis femminile della sua epoca. 7-5, 1-6, 7-6 (10-7). Williams non ha giocato in singolo durante il tour da quando si è ritirato per un infortunio alla coscia nel primo round di Wimbledon l’anno scorso, ma ha giocato molto a tennis martedì sera al Center Court, dove ha vinto sette titoli di Wimbledon in singolo. La sua feroce lotta con Don è durata 3 ore e 11 minuti. L’assenza della Williams è stata una decisione eccitante e rassicurante e non ha esitato quando le è stato chiesto se sarebbe andato bene se si fosse ricordata del suo ultimo Wimbledon.

“Ovviamente no. Mi conosci. Certo che no”, ha detto Williams, 40 anni. “Ma oggi ho dato tutto quello che potevo, sai, oggi. Forse domani avrei dato di più. Forse una settimana fa avrei potuto dare di più. Ma oggi sono stato in grado di farlo. Ad un certo punto puoi aggiustarlo. Ed è tutto ciò che posso fare. Non posso cambiare l’ora o altro.

È riuscito a cambiare il ritmo della partita che ha giocato a cielo aperto nel primo set di martedì e poi ha coperto il resto del percorso dopo la chiusura del tetto per fornire l’illuminazione dello stadio necessaria per continuare. Williams ha dominato il secondo set, ma Don ha lottato di nuovo nel terzo gioco, mentre la posizione e l’energia di Williams sono crollate nonostante la sua mancanza di spirito combattivo.

Ha salvato un match point nel suo servizio in ritardo È balzata in vantaggio per 4-0 nel set finale e nel super tie-break, cosa nuova a Wimbledon quest’anno, poiché non poteva sopportare di sbagliare diversi tiri importanti, incluso un diritto al secondo match point di Dan.

“Fisicamente penso di aver fatto bene”, ha detto Williams. “Gli ultimi due punti, penso di aver lavorato molto lì, ma in quei punti chiave, per vincere dei punti, penso che serva qualcosa che devi sempre tenere mentalmente, in uno o due ho fatto bene, ma ovviamente non abbastanza.

READ  È morto all'età di 50 anni il batterista dei Four Fighters Taylor Hawkins

La capacità di pensiero chiaro di Dan sotto la pressione del Big-Match è stata notevole per un giocatore con pochissima esperienza e ha fatto la sua prima apparizione al centro del campo. Ma ha detto che doveva combattere dentro di sé per credere di poter davvero sconfiggere Williams.

“Ero così spaventato quando ho visto Draw perché era Serena”, ha detto Dan, 24 anni. “Lei è un’eroina, sì, io sono tipo, ‘Oh mio Dio, come posso suonare?’ Se vinco una o due partite, è molto positivo per me.

Invece ha vinto due set, trasformando quella che è stata una bella storia per la Williams in una sconfitta di poco conto, il che solleva la questione di quanto il tennis professionistico Williams voglia giocare. Compirà 41 anni a settembre e la sua ricerca per vincere il suo 24° titolo del Grande Slam in singolo è tutt’altro che finita. Numero per molto tempo. Era 1 °, ora classificato 1.204, senza classifiche presto. Ma non ha dato una risposta definitiva sul fatto che questa sarebbe stata la sua ultima apparizione a Wimbledon.

“Questa è una domanda a cui non so rispondere”, ha detto. “Non lo so. Chissà dove apparirò?”

Ma almeno avrebbe potuto lasciare l’All England club con un ricordo meno doloroso di lei. Wimbledon l’anno scorso, Ha lasciato il campo centrale quando ha saltato il primo set della sua partita del primo turno con Alyasandra Sasnovich e si è strappato la coscia. Non ha giocato di nuovo in modo competitivo fino a quando non è tornato a giocare una partita di doppio con Annes Jabber a Eastbourne, in Inghilterra, la scorsa settimana. La partita di martedì contro Don sarà la prima partita in singolo della Williams.

“È sicuramente una lunga, lunga battaglia e combattimento e decisamente migliore dell’anno scorso”, ha detto Williams.

READ  Le previsioni mostrano che Macron e Le Pen si stanno dirigendo verso il ballottaggio elettorale francese

È stata una performance malandata ma alla fine ammirevole mentre cercava di risolvere innumerevoli enigmi e liberare la ruggine di Don, che stava solo guardando Williams da lontano fino al loro combattimento. “È stato così spaventoso vederla vicino a me prima che uscissimo in campo perché è così insistente”, ha detto Dan in francese. “E’ stata dura, anche alla fine, quando ci siamo stretti la mano, lei continua a spingere”.

“La guardavo in TV molte volte quando ero più giovane”, ha detto nella sua intervista in tribunale. “Il mio primo Wimbledon aha!”

L’avvicinarsi della vittoria della Williams è stata una testimonianza della sua determinazione piuttosto che della sua forza poiché non è riuscita a dominare la sua prima di servizio o le risposte a tutto campo, combattendo invece per il terzo set in rally estesi e situazioni compromettenti, scavando per Don. Tiri lisci e colpi negli angoli. Williams ha lavorato 5-4 nel gioco e ha ottenuto due punti dalla vittoria sul 30-15, ha perso i successivi tre punti e quando il suo servizio ha colpito un tiro sconsiderato di dritto, Dan l’ha superata per un vincitore di rovescio.

Williams e il suo box giocatore sono interamente familiari, amici e membri del team, incluso lui stesso Allenatore Eric HectmanImpossibile festeggiare. Ha combattuto con un match point 5-6, 30-40 con il vincitore di Forehand Volley. Ha dovuto andare allo spareggio nonostante la stanchezza alle gambe e la tensione negli occhi. È passata al vantaggio di 4-0 prima che Dan Reel ritirasse i successivi cinque punti dal pareggio.

Don, allenato dalla finalista di Wimbledon nel 1998 Natalie Toussaint, manca di energia pura e tiene il secondo servizio con Buffalo, ma comprende la geometria del tennis e ha un set insolito di strumenti che è più rilevante per l’erba. Ha anche avuto un buon rapporto di scout: Toussaint aveva 54 anni e si ritirò per molto tempo, ma ha affrontato Williams tre volte in singolo, sconfiggendolo sulla superficie veloce e bassa nella finale di una competizione indoor nel 2000 a Parigi . Taujiat comprende l’importanza di tenere la Williams fuori dalle sue prime zone di battuta.

READ  La Corte Suprema si occuperà del caso sul potere elettorale dei legislatori statali

“Grazie, Natalie”, ha detto Dan nella sua intervista in tribunale, guardando Toussaint nel box del giocatore.

Fin dall’inizio, Dan ha indovinato Williams, lanciando spesso in rete eleganti tiri in caduta; Lobi della torre con passaggi di rovescio opposti; Dritti laterali con topspin ad anello.

“Qualsiasi altro avversario sarebbe stato più adatto per il mio gioco”, ha detto Williams, aggiungendo che raramente è stato in grado di accontentarsi di duelli Power Baseline o di qualsiasi forma particolare di gioco per molto tempo.

Nessuno tranne Dan sapeva cosa sarebbe successo. Williams, anche nella sua prima stagione, ha perso contro giocatori che volevano varietà. Anche lei sembrava tesa come un filo armonico, lottando per liberarsi del suo potere naturale, mancando le raffiche di swing e i colpi di accesso dai grappoli mentre lavorava per muoversi lateralmente.

Alla luce del suo lungo licenziamento era certamente comprensibile, e la folla ha risposto in un primo momento con un silenzio imbarazzato. Il Grand Tennis Theatre, dove Williams aveva vissuto molti alti e bassi per decenni, era quasi mezzo vuoto all’inizio, ma quando la competizione si è trasformata in una maratona è stata piena di supporto ed emozione mentre Williams ha cercato di evitare il terzo primo incontro. – Completa la sua carriera in una partita del Grande Slam.

Nonostante il suo apparente desiderio, non ce l’ha fatta a farcela e molti big match potrebbero non arrivare, anche se la Williams non ha escluso di tornare agli US Open, dove ha vinto il suo primo titolo del Grande Slam in singolo nel 1999. Età 17.

“La tua prima volta è sempre speciale,” disse piano e piano. “Certo, sai, c’è molta motivazione per migliorare e giocare in casa”.