Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Singapore sta lottando per ripulire le spiagge coperte dalle fuoriuscite di petrolio

Singapore sta lottando per ripulire le spiagge coperte dalle fuoriuscite di petrolio
Commenta la foto, Domenica alcuni bagnanti passano davanti a una fuoriuscita di petrolio contaminato sulla spiaggia di Tanjung

  • autore, Francesco Mao
  • Ruolo, BBC Notizie, Singapore

Le autorità di Singapore stanno cercando di ripulire una grave fuoriuscita di petrolio che ha annerito la costa meridionale della città, pochi giorni dopo un incidente marittimo.

Venerdì, una draga battente bandiera olandese si è scontrata con una nave cisterna di Singapore ancorata in uno stretto marittimo al largo del paese.

Le autorità hanno affermato che la perdita di potenza del motore della piattaforma l’ha portata alla deriva verso la nave di Singapore, forando il serbatoio dell’olio.

Almeno la metà del petrolio nel serbatoio, circa 400 tonnellate, si è rovesciata e grandi quantità sono state portate a riva.

“La coalizione ha causato la rottura di uno dei serbatoi del carico di petrolio della nave Marine Honor e il suo contenuto di olio combustibile a basso contenuto di zolfo si è riversato in mare”, hanno affermato le agenzie marittime e ambientali di Singapore in una dichiarazione congiunta.

I visitatori di alcuni stabilimenti balneari della famosa località dell’isola di Sentosa hanno riferito che l’acqua era ancora scura e oleosa e che l’odore era ancora presente tre giorni dopo l’incidente.

Il nuoto e altre attività marine sono attualmente vietati sull’isola di Sentosa, mentre molte spiagge in tutto il paese sono chiuse fino a nuovo avviso.

Ci sono preoccupazioni per la fauna selvatica, con segnalazioni da parte dei soccorritori di lumache di mare e altre creature ricoperte di petrolio.

“Non è stato osservato alcun impatto significativo sulla biodiversità marina, anche se è stato osservato petrolio sulle radici di alcune piante di mangrovie nella zona”, ha detto in città la dottoressa Karen Toon del National Parks Board allo Straits Times.

Tuttavia, i volontari coinvolti nella pulizia affermano che è ancora troppo presto per dirlo.

“È un buon segno che non abbiamo visto alcuna fauna selvatica in pericolo oggi, ma dovremo monitorare la situazione. Potrebbe volerci del tempo prima di vedere gli effetti reali della fuoriuscita di petrolio”, ha detto Kua Kai Yau al giornale.

Commenta la foto, Bottiglia in plastica con rivestimento lucido
Commenta la foto, Domenica, lavoratori in tuta intera ripuliscono una fuoriuscita di petrolio presso l’attrazione turistica di Tanjung Beach

Il governo di Singapore ha affermato che circa 1.500 persone si sono offerte volontarie per aiutare nella pulizia.

Ma la maggior parte del lavoro è svolto da lavoratori a contratto, molti dei quali sono stati visti domenica sulla sabbia di Sentosa, mentre spalavano mucchi anneriti e catturavano onde oleose.

Lunedì mattina, un lavoratore di uno stabilimento balneare, a pochi metri dalla spiaggia turistica, ha detto che l’acqua era “ancora nera”.

Siobhan Chan ha dichiarato alla BBC: “La spiaggia è aperta ma non si può entrare in acqua, non è ancora pulita”.

Fonte immagine, Governo di Singapore

Commenta la foto, La nave colpita iniziò a perdere acqua in mare

L’operazione in acqua per ripulire la fuoriuscita comprendeva anche l’irrorazione di sostanze chimiche disperdenti per “dividere l’olio superficiale in goccioline per promuovere la biodegradazione”, si legge nella dichiarazione congiunta delle autorità.

Ma il petrolio processato sospeso nell’acqua potrebbe essere “trasportato verso la costa dalle correnti di marea”.

Le autorità hanno affermato che è stata scoperta una “lucentezza petrolifera” anche nelle acque circostanti il ​​Sisters Islands Marine Conservation Park, che è chiuso al pubblico per proteggere le barriere coralline e la vita marina.

Singapore è un importante snodo marittimo e di bunkeraggio: centinaia di navi punteggiano la costa meridionale della città-stato.