Luglio 2, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Taiwan fa precipitare gli aerei per avvertire gli aerei cinesi nella sua zona di difesa aerea

Taiwan fa precipitare gli aerei per avvertire gli aerei cinesi nella sua zona di difesa aerea

Le bandiere nazionali cinese e taiwanese sono esposte accanto a un aereo militare in questa illustrazione scattata il 9 aprile 2021. REUTERS/Dado Ruvic/Illustration

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

TAIPEI (Reuters) – Taiwan ha fatto decollare i jet martedì per avvertire 29 aerei cinesi nella sua zona di difesa aerea, compresi i bombardieri che sono volati a sud dell’isola e nell’Oceano Pacifico, nell’ultima escalation di tensioni e la più grande incursione da allora. fine maggio.

Taiwan, che la Cina rivendica come suo territorio, si è lamentata negli ultimi due anni circa delle ripetute missioni dell’aviazione cinese vicino all’isola democraticamente governata, spesso nella parte sud-occidentale della zona di identificazione della difesa aerea, o ADIZ, vicino al Pratas Isole controllate da Taiwan.

Taiwan descrive le ripetute attività militari della vicina Cina come una guerra della “zona grigia”, che mira a indebolire le forze taiwanesi facendole arrampicare ripetutamente, e anche a testare le reazioni di Taiwan.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato che l’ultima missione cinese includeva 17 caccia e sei bombardieri H-6, oltre a aerei da guerra elettronica, allerta precoce, anti-sottomarino e rifornimento a mezz’aria.

Secondo una mappa fornita dal ministero, alcuni aerei hanno volato in un’area a nord-est del fiume Pratas.

Tuttavia, i bombardieri, accompagnati da guerra elettronica e aerei per la raccolta di informazioni, sono volati nel Canale di Bashi che separa Taiwan dalle Filippine e nell’Oceano Pacifico prima di tornare in Cina sulla strada da cui sono arrivati.

Taiwan ha inviato aerei da combattimento per avvertire gli aerei cinesi, mentre i sistemi missilistici sono stati schierati per monitorarli, ha affermato il ministero, utilizzando la formulazione standard della sua risposta.

READ  TikTok sospende alcuni servizi in Russia

È la più grande incursione da quando Taiwan ha riportato 30 aerei cinesi nella sua regione ADIZ il 30 maggio. La più grande incursione finora quest’anno si è verificata il 23 gennaio, con 39 aerei coinvolti. Leggi di più

Non ci sono stati commenti immediati dalla Cina, che in precedenza aveva affermato che tali mosse erano esercizi volti a proteggere la sovranità del Paese.

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha detto a Reuters in una e-mail che Pechino “deve fermare le sue pressioni e intimidazioni militari, diplomatiche ed economiche contro Taiwan”.

La Cina ha nominato venerdì la sua terza portaerei, Fujian, dopo la provincia corrispondente a Taiwan. Leggi di più

L’esercito cinese ha dichiarato il mese scorso di aver condotto esercitazioni intorno a Taiwan come “severo avvertimento” di “collusione” con gli Stati Uniti.

Ciò è avvenuto dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto arrabbiare la Cina quando sembrava indicare un cambiamento nella politica statunitense di “ambiguità strategica” su Taiwan dicendo che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti militarmente se la Cina avesse attaccato l’isola.

La Cina ha intensificato la pressione su Taiwan affinché accetti le sue pretese di sovranità. Il governo di Taipei dice di volere la pace ma si difenderà se attaccato.

Non sono stati sparati colpi e gli aerei cinesi non sono volati nello spazio aereo di Taiwan, ma nel suo ADIZ, un’area più ampia che Taiwan monitora e pattuglia lavorando per dargli più tempo per rispondere a qualsiasi minaccia.

(Questa storia corregge il titolo per rimuovere il riferimento errato al numero di aerei taiwanesi.)

Segnalazioni aggiuntive di Ben Blanchard a Taipei e Michael Martina a Washington. Montaggio di Frank Jack Daniel e Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.