Ottobre 7, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Umani e pappagalli in una “corsa agli armamenti” sulla spazzatura a Sydney

Umani e pappagalli in una "corsa agli armamenti" sulla spazzatura a Sydney

Il pappagallo cerca di spingere i mattoni per tenerlo lontano dalla spazzatura che brama.

Il pappagallo cerca di spingere i mattoni per tenerlo lontano dalla spazzatura che brama.
immagine: Barbara Morsetto

A Sydney, in Australia, uomini e uccelli stanno combattendo una feroce battaglia per la risorsa più preziosa: la spazzatura. Negli ultimi anni, un team di scienziati ha studiato gli Ara zolfo nell’area che hanno imparato – e persino insegnato ad altri pappagalli – come rubare le lettiere. E in una nuova ricerca lunedì, il team ha affermato che gli esseri umani stanno ora iniziando a escogitare i propri metodi per tenere lontani gli uccelli, con vari gradi di successo.

I ricercatori del Max Planck Institute for Animal Behaviour in Germania sono da tempo interessati a decifrare il funzionamento interno degli animali in tutto il mondo. L’anno scorso, ehm pubblicato Un tuffo profondo nelle abitudini di rubare i rifiuti dei pappagalli pieni di zolfo di Sydney. Hanno scoperto che la pratica sembrava essere un esempio di cultura animale: un comportamento appreso che si diffonde dagli uccelli in tre sobborghi a tutto il sud di Sydney. Man mano che la tecnologia si spostava da un quartiere all’altro, i cacatua locali svilupparono sottili differenze di comportamento, come sollevare completamente il coperchio della scatola o non aprirlo, cosa che accade abbastanza comune nella cultura umana (pensa a come le diverse culture locali producono i propri tipi di formaggio).

I ricercatori hanno detto a Gizmodo l’anno scorso che erano interessati a documentare il lato umano di questo conflitto. Ed è esattamente quello che hanno fatto nel loro nuovo giornale, pubblicato Lunedì in Biologia Attuale.

Immagine per l'articolo intitolato Umani e pappagalli sono intrappolati

immagine: Barbara Morsetto

“Quando abbiamo raccolto i dati per lo studio originale che descriveva il comportamento dell’apertura dei contenitori da parte dei cacatua, ho visto che alcune persone avevano messo dei dispositivi nei loro contenitori per proteggerli dai cacatua e sono rimasto sorpreso dalla varietà di azioni diverse che le persone hanno inventato Quindi volevo davvero indagare sulla risposta umana ai cacatua”, ha detto a Gizmodo in una e-mail l’autrice, la preside Barbara Clamp, ecologista comportamentale del Max Planck Institute.

Per fare questo, hanno esaminato le persone che vivono nei quartieri assediati di questi uccelli. Uno dei principali svantaggi di qualsiasi potenziale trucco per controllare i cacatua è che le casse Sono progettati per aprire e rovesciare il loro contenuto quando vengono sollevati dal braccio robotico nei camion della spazzatura, il che significa che non possono essere mantenuti completamente ermetici. Ma ciò non ha impedito alle persone di inventare una varietà di metodi, come posizionare mattoni e pietre sui coperchi, attaccare bottiglie d’acqua ai manici del coperchio con fascette o usare bastoncini per intasare i cardini. Ora ci sono serrature disponibili in commercio che dovrebbero aprirsi al momento del montaggio (una di queste può essere vista qui).

Sfortunatamente per gli umani, i cacatua hanno imparato a superare alcune semplici azioni. Ma per quanto gli uccelli si adattano, le persone stanno sviluppando di nuovo i metri. Come hanno affermato i ricercatori, sembra che i pappagalli e le persone a Sydney si stiano impegnando in una sorta di “corsa agli armamenti” dell’innovazione, sebbene Clamp si astenga dal descriverla come una guerra a tutti gli effetti.

“Quando i cacatua imparano a superare questa misura protettiva (ad esempio spingendo i mattoni in modo che possano poi aprire la scatola), le persone nel nostro sondaggio hanno riferito di aumentare l’efficacia delle loro misure protettive (ad esempio installando qualcosa di pesante sul coperchio, in modo che non può essere spinto.) Quello che abbiamo scoperto è che la protezione dei rifiuti (e i tipi di protezione) sono geograficamente raggruppati e che le persone ne vengono a conoscenza dai loro vicini”, ha affermato Clamp.

I ricercatori affermano che l’intera saga potrebbe essere un’anteprima del tipo di interazioni sempre più comuni tra le persone e la fauna selvatica che possiamo aspettarci mentre continuiamo a costruire le nostre città più grandi e ad invadere gli habitat della fauna selvatica. Alcuni animali, come questi pappagalli, possono trovare nuovi modi per adattarsi alla nostra esistenza, ma molti altri no. E a volte, queste interazioni possono essere dannose per l’uomo, come l’emergere di un nuovo malattie infettive zoonotiche.

Nessuno sa cosa accadrà esattamente dopo. “Si potrebbe immaginare che continuerebbe ad aumentare (cioè i cacatua imparano a sconfiggere i tipi di protezione di livello superiore, le persone escogitano dispositivi migliori per proteggere il proprio petto) o una parte potrebbe ‘vincere’ la corsa agli armamenti”, ha detto Clamp.

Da parte loro, il team prevede di continuare a studiare i meccanismi di apprendimento alla base che hanno portato questi cacatua a diventare abili raccoglitori di immondizia e sperano di documentare quanto siano abili nel risolvere le ultime contromisure volte a tenerli lontani dal tesoro.

READ  Gli scienziati hanno escogitato un nuovo modo per produrre ossigeno su Marte