Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un ex direttore del CDC prevede che la prossima pandemia verrà dall’influenza aviaria

Un ex direttore del CDC prevede che la prossima pandemia verrà dall’influenza aviaria

Robert Redfield, ex direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha affermato che la prossima pandemia potrebbe essere dovuta all’influenza aviaria.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente segnalato la prima morte umana dovuta all’influenza aviaria in Messico, e il virus è stato rilevato nel bestiame di tutti gli Stati Uniti.

“Penso che lo faremo, A volte, non è una domanda, è una questione di quando arriverà la pandemia di influenza aviaria,” ha detto Redfield a NewsNation venerdì.

Ha detto che il tasso di mortalità per influenza aviaria sarebbe più alto rispetto a Covid-19.

Mentre il tasso di mortalità per Covid-19 è stato dello 0,6%, il tasso di mortalità per l’influenza aviaria è “tra il 25 e il 50%”, ha affermato Redfield.

Il dottor Robert Redfield, ex direttore del CDC, ha suggerito che la prossima pandemia potrebbe derivare dall'influenza aviaria.
Il dottor Robert Redfield, ex direttore del CDC, ha suggerito che la prossima pandemia potrebbe derivare dall’influenza aviaria. (Belle foto)

Alla fine di maggio, il CDC ha identificato il terzo caso di una persona a cui è stata diagnosticata l’influenza aviaria da marzo. la montagna riportato. Tutti e tre i casi sono stati riscontrati in lavoratori agricoli con sintomi quali tosse e congiuntivite, ma non erano correlati.

Non si può dire se il virus possa diffondersi tra gli esseri umani.

I ricercatori hanno scoperto che cinque aminoacidi dovevano modificare il loro recettore principale per l’influenza aviaria per legarsi al recettore umano. Può quindi diffondersi tra gli esseri umani come il Covid-19.

“Una volta che il virus ha la capacità di legarsi a un recettore umano e poi passare da uomo a uomo, è allora che si contrarrà un’infezione”, ha detto Redfield a NewsNation.

READ  Whoopi Goldberg ha aperto "The View" con le scuse in onda per i suoi commenti sull'Olocausto

“Penso che sia solo questione di tempo”, ha aggiunto.

Redfield ha detto di non sapere quanto tempo ci vorrà perché gli aminoacidi essenziali cambino, ma ha detto di essere preoccupato per il fatto che venga rilevato nei bovini di tutti gli Stati.

A più di 40 bovini è stato diagnosticato il virus. Il CDC sta seguendo i siti di trattamento delle acque reflue per determinare dove si trova il virus, ma ha affermato che l’attuale rischio per il pubblico è basso.

Sebbene i bovini vivano in prossimità dei maiali e il virus possa passare dai maiali agli esseri umani, Redfield sostiene che il rischio più grave è che il virus possa essere coltivato in laboratorio.

“So quali aminoacidi devo cambiare perché nel 2012, contro la mia raccomandazione, gli scienziati che hanno condotto questi esperimenti li hanno effettivamente pubblicati”, ha detto a NewsNation. “Pertanto, la ricetta per rendere l’influenza aviaria altamente contagiosa per l’uomo esiste già.”