Luglio 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un liquido a 300°C fuoriesce da prese d’aria simili a camini nelle profondità dell’Oceano Artico

Un liquido a 300°C fuoriesce da prese d’aria simili a camini nelle profondità dell’Oceano Artico

A circa 3.000 metri sotto l’Oceano Artico, gli scienziati stanno esplorando un campo ribollente di sorgenti idrotermali lungo la catena montuosa Knebovich vicino alle Svalbard, l’insediamento più settentrionale della Terra.

Un campo di sorgenti idrotermali è stato recentemente scoperto sul fondale marino all’interno del triangolo tra Groenlandia, Norvegia e Svalbard, al confine tra le placche tettoniche nordamericane ed europee.

Utilizzando un sottomarino telecomandato, i ricercatori del Centro di ecologia marina dell’Università di Brema hanno raccolto campioni e dati dal campo di sorgenti idrotermali, che hanno chiamato Jøtul in onore di un gigante della mitologia norrena.

Le bocche idrotermali si trovano alle intersezioni delle placche tettoniche in movimento dove l’attività geotermica è più intensa. Queste prese d’aria si formano quando l’acqua penetra nel fondo dell’oceano e viene riscaldata dal magma fuso proveniente dalle viscere del pianeta. L’acqua surriscaldata risale poi verso il fondo del mare attraverso crepe e fessure, arricchendosi di minerali e sciogliendosi dalle rocce della crosta oceanica.

Nonostante siano un’importante giunzione tra le placche tettoniche, in precedenza non si conosceva l’esistenza di sorgenti idrotermali sulla catena Knebovich, fino ad ora.

Alcune dorsali idrotermali ospitavano organismi, tra cui piccoli crostacei.

Credito immagine: MARUM/Università di Brema

La serie Kniebovich è particolarmente speciale perché è formata non dalla collisione di due placche, ma da due placche che si allontanano l’una dall’altra ad una velocità inferiore a 2 cm (meno di 1 pollice) all’anno, fenomeno noto come cresta estensionale. .

Si sa poco dell’attività idrotermale sulle creste a lenta espansione, quindi il team è ansioso di conoscere la composizione chimica dei fluidi filtranti, nonché le caratteristiche geologiche modellate dal loro calore e dalla loro mineralogia.

READ  Scoperti due pianeti "super-Terre", uno che potrebbe ospitare la vita

Alcuni dei fluidi che fluiscono dal campo di Gotul sono incredibilmente caldi e raggiungono temperature fino a 316 gradi Celsius (601 gradi Fahrenheit). Quando il liquido surriscaldato entra in contatto con l’acqua fredda, i minerali si solidificano, formando enormi strutture simili a camini chiamati camini neri.

Un’altra caratteristica interessante del giacimento di Jotul è che i suoi fluidi idrotermali sono ricchi di metano, un potente gas serra, nonché di anidride carbonica, il principale gas serra. Ciò significa che l’area potrebbe avere alcuni impatti sui cambiamenti climatici e sul ciclo del carbonio negli oceani.

Spesso, forme di vita strane e bizzarre possono abitare i campi idrotermali. Nelle oscure profondità dell’oceano, dove la fotosintesi è impossibile, i fluidi idrotermali forniscono la base per gli organismi chemiosintetici, che ottengono nutrienti attraverso l’energia chimica anziché la luce solare.

Una comprensione approfondita della biodiversità in quest’area non è ancora disponibile, anche se sarà senza dubbio un punto di interesse per i ricercatori di Marum, che intendono tornare nell’area alla fine dell’estate 2024.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Rapporti scientifici.