Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo rapporto denuncia il sessismo sul posto di lavoro di Nintendo in America

Un nuovo rapporto denuncia il sessismo sul posto di lavoro di Nintendo in America

Aggiornamento 18/8/22: Nintendo ha rilasciato una risposta interna al rapporto di ieri relativo alle molestie sessuali all’interno di Nintendo of America.

La dichiarazione presentata ai dipendenti proviene dal presidente dell’azienda Doug Bowser ed è trapelata online da Kotaku. In esso, Bowser afferma che la società sta ora “indagando attivamente” sulle accuse di ieri. Segue la dichiarazione completa.

“Abbiamo politiche rigorose progettate per proteggere i nostri dipendenti e partner da comportamenti inappropriati e ci aspettiamo il pieno rispetto di queste politiche da parte di tutti coloro che lavorano con o con te”, ha scritto Bowser. “Abbiamo fatto e indagheremo sempre su tutte le accuse di cui veniamo a conoscenza e stiamo indagando attivamente su queste ultime accuse”.


Storia originale 17/8/22: Contiene un rapporto dettagliato sui casi di molestie sessuali negli Stati Uniti Nintendo e un ambiente di lavoro in cui alcune donne, in particolare le dipendenti a contratto senza lavoro a tempo pieno, hanno sentito la pressione di rimanere in silenzio.

Il rapporto che hai pubblicato Kotakusi basa su affermazioni riportate in passato su una divisione tra i dipendenti a tempo pieno di Nintendo e i dipendenti a contratto, questi ultimi godono di meno vantaggi e non hanno sicurezza sul lavoro.

Ora, le donne che lavorano hanno chiesto contratti per discutere in particolare di alcune delle questioni che hanno dovuto affrontare, come i casi di molestie sessuali e la disparità di retribuzione.

Bollettino Eurogamer: le controversie tra Sony e Microsoft su Call of Duty sono solo affari come al solito?

Il rapporto afferma che il comportamento sessista era “comune” e che una cultura del favoritismo significa che gli appaltatori di sesso maschile sono considerati più propensi a passare a ruoli a tempo pieno “distintivo rosso”.

Allo stesso tempo, alcune donne hanno affermato di essere state oggetto di commenti sessisti, con critiche rivolte in particolare al capo della divisione di test dei prodotti di Nintendo.

READ  AMD conferma il rilascio della CPU Ryzen 7000 "Raphael" questo trimestre, GPU RDNA 3 di fascia alta ed EPYC Genova in pista alla fine del 2022

Diverse donne hanno citato separatamente casi in cui dipendenti maschi sono stati ascoltati discutere del colore della biancheria intima delle lavoratrici.

Altri hanno detto che c’era un senso di necessità non scuotere la barca e lamentarsi di comportamenti inappropriati, o giocare bene con i compagni maschi che fanno progressi,

“Se un distintivo rosso si avvicina a te e sembra che si muovano verso di te, [other women said that] Non volevi dissuaderli così tanto”.

Eurogamer ha contattato Nintendo per un commento.

A maggio, il presidente di Nintendo of America Doug Bowser ha classificato i rapporti su come l’azienda distingue tra dipendenti a tempo pieno e dipendenti a contratto in termini di vantaggi e inclusione come “preoccupante“.

Il predecessore di Bowser, Reggie Phils Amy, Ne prese le distanzee ha affermato che le questioni sollevate non riflettevano la Nintendo che l’ha lasciata.

Da allora, Nintendo ha subito un duro colpo una serie Da Reclami dei lavoratoriL’industria dei giochi nel suo insieme sta vivendo un’ondata di attività lavorativa.