Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una cometa verde ha superato la Terra per la prima volta dall’età della pietra

  • Una cometa verde chiamata C/2022 E3 (ZTF) si sta avvicinando alla Terra, secondo la NASA.
  • La cometa ha attraversato l’ultima volta il nostro sistema solare 50.000 anni fa, secondo KXAN.
  • La cometa sarà a circa 26 milioni di miglia dalla Terra il 2 febbraio.

Una cometa verde passerà vicino alla Terra per la prima volta dall’età della pietra a febbraio e non tornerà per altri 50.000 anni, secondo NASALaboratorio di propulsione a reazione.

La cometa, chiamata C/2022 E3 (ZTF), arriverà entro circa 26 milioni di miglia dalla Terra il 2 febbraio, secondo KXAN. Il 2 febbraio sarà la cometa più vicina alla Terra della cometa dal Paleolitico superiore, il tempo in cui si ritiene che gli esseri umani abbiano lasciato l’Africa e si siano stabiliti in Asia ed Europa.

Gli astronomi hanno scoperto per la prima volta la cometa a marzo, secondo un comunicato stampa della NASA.

“Una nuova cometa di lungo periodo si è illuminata drammaticamente e ora sta attraversando la costellazione settentrionale della Corona Boreale nel cielo prima dell’alba”, NASA ha detto in un comunicato stampa il 24 dicembre. “È ancora troppo debole per vedere senza un telescopio.”

Secondo la NASA, la luminosità di comete “Incredibilmente imprevedibile”, ma entro il 2 febbraio, C/2022 E3 (ZTF) potrebbe “essere visibile solo a occhio nudo nel buio cielo notturno”. La cometa ha una “chioma verdastra, una coda di polvere corta e ampia e una coda di ioni lunga e debole”, secondo la NASA.

READ  Vista principale della congiunzione di Marte e Giove

per me Stati Uniti oggila cometa è visibile alle persone nell’emisfero settentrionale nel cielo prima dell’alba con un binocolo o un telescopio in cieli scuri e limpidi per tutto il mese di gennaio.

L’outlet ha riferito che gli esperti affermano che la cometa probabilmente proveniva dalla Oort Cloud, la regione più lontana del sistema solare che contiene “una grande bolla dalle pareti spesse fatta di pezzi ghiacciati di detriti spaziali delle dimensioni di montagne e talvolta più grandi”.