Dicembre 9, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una galassia simile alla Via Lattea è stata avvistata nel lontano universo dal telescopio Webb

Una galassia simile alla Via Lattea è stata avvistata nel lontano universo dal telescopio Webb

JPL-Caltech/NASA

Il concept di questo artista raffigura una vista dall’alto della Via Lattea, una galassia a spirale barrata.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Gli astronomi hanno individuato un fenomeno interessante nel lontano universo – una galassia molto simile alla Via Lattea – e mette in discussione le principali teorie su come si evolvono le galassie.

Il sistema distante, chiamato CEERS-2112, è stato osservato da un team internazionale utilizzando il telescopio spaziale James Webb.

Come la nostra galassia madre, la galassia Ceers-2112 appena scoperta è una galassia a spirale barrata, ed è ora la più distante del suo genere mai osservata. La striscia al centro della struttura è composta da stelle.

Ceers-2112 si è formato poco dopo che il Big Bang ha creato l’universo (che si stima abbia 13,8 miliardi di anni) e la struttura distintiva della galassia era già esistente 2,1 miliardi di anni dopo.

Data la distanza tra la Terra e gli oggetti fin dagli albori dell’universo, quando telescopi come Webb osservano la luce proveniente da un universo lontano, è come guardare indietro nel passato.

“Inaspettatamente, questa scoperta rivela che le galassie come la nostra esistevano già 11.700 milioni di anni fa, quando l’universo aveva solo il 15% della sua vita”, ha detto in una nota Luca Costantin, l’autore principale dello studio. È ricercatore post-dottorato presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche spagnolo presso il Centro spagnolo di astrobiologia di Madrid.

Gli astronomi sono rimasti sorpresi nel vedere una galassia così ben ordinata e ordinata in un momento in cui le altre galassie erano molto più irregolari. Anche se le galassie a spirale massicce sono comuni nelle vicinanze cosmiche della Via Lattea, non è sempre stato così.

READ  Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha individuato un punto interrogativo nello spazio

Questa scoperta, resa possibile dalle capacità estremamente sensibili di rilevamento della luce di Webb, cambia la comprensione degli scienziati sulla formazione delle galassie e sulle prime fasi dell’universo.

“La scoperta del CEERS-2112 mostra che le galassie nell’universo primordiale avrebbero potuto essere disposte come la Via Lattea”, ha detto in una dichiarazione il coautore dello studio Alexander de la Vega, ricercatore post-dottorato presso l’Università della California, Riverside. “Ciò è sorprendente perché le galassie erano molto più caotiche nell’universo primordiale e pochissime di loro avevano strutture simili alla Via Lattea”.

Uno studio che dettaglia i risultati è stato pubblicato l’8 novembre sulla rivista natura.

Gli astronomi credevano che le galassie a spirale barrate come la Via Lattea non apparissero fino a quando l’universo non avesse raggiunto almeno la metà della sua età attuale perché si credeva che ci fossero voluti diversi miliardi di anni di evoluzione galattica prima che potessero formarsi massicci ammassi di stelle all’interno delle galassie. . .

Le barre si formano quando le stelle all’interno delle galassie a spirale orbitano in modo ordinato, come fanno nella Via Lattea. Fino ad ora, gli astronomi non credevano che le galassie primordiali fossero abbastanza stabili da formare o persistere delle barre.

Ma la scoperta di Ceers-2112 suggerisce che questa evoluzione abbia richiesto solo un miliardo di anni o meno, ha detto de la Vega.

“Quasi tutte le barre si trovano nelle galassie a spirale”, ha detto de la Vega. “La barra nel CEERS-2112 suggerisce che le galassie sono maturate e si sono organizzate molto più velocemente di quanto pensassimo in precedenza, il che significa che alcuni aspetti delle nostre teorie sulla formazione e sull’evoluzione delle galassie devono essere rivisti”.

READ  Le onde luminose possono essere congelate in materiali 3D, secondo una nuova simulazione: ScienceAlert

De la Vega ritiene che gli astronomi dovranno modificare i loro modelli teorici su come le galassie si formano ed evolvono, tenendo conto della quantità di materia oscura presente nelle prime galassie.

Sebbene la materia oscura non sia stata effettivamente scoperta, si ritiene che costituisca l’85% della materia totale nell’universo – qualcosa Il telescopio Euclid dell’Agenzia spaziale europea La mappa è stata progettata. La materia oscura potrebbe aver avuto un ruolo nella formazione delle barre.

Questa scoperta suggerisce anche che le barre possono essere rilevate nelle galassie primordiali, anche se le galassie più antiche sono molto più piccole.

“La scoperta di CEERS-2112 apre la strada alla scoperta di più barre nell’universo giovane”, ha detto de la Vega. “Inizialmente, pensavo che rilevare e stimare le proprietà delle barre in galassie come SEARS-2112 sarebbe stato irto di incertezze di misurazione. Ma la potenza del telescopio spaziale James Webb e l’esperienza del nostro gruppo di ricerca ci hanno aiutato a stabilire forti vincoli sulle dimensioni e la forma del bar.”