Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno studente di dottorato saudita è stato condannato a 34 anni per i suoi tweet

Uno studente di dottorato saudita è stato condannato a 34 anni per i suoi tweet

Un tribunale saudita ha condannato uno studente di dottorato a 34 anni di carcere per aver diffuso “voci” e aver ritwittato oppositori, secondo i documenti del tribunale ottenuti giovedì, una decisione che ha suscitato una crescente condanna globale.

Attivisti e avvocati hanno ritenuto scioccante anche per gli standard della giustizia saudita la sentenza contro Salma Al-Shehab, madre di due bambini e ricercatrice dell’Università di Leeds in Gran Bretagna.

La sentenza, che il regno non ha ancora riconosciuto, arriva nel mezzo della repressione del dissenso da parte del principe ereditario Mohammed bin Salman, anche se il suo governo garantisce alle donne il diritto di guidare e altre nuove libertà nello stato islamico ultraconservatore.

Al-Shehab è stata detenuta durante il congedo familiare il 15 gennaio 2021, pochi giorni prima che intendesse tornare nel Regno Unito, secondo la Freedom Initiative, un’organizzazione per i diritti umani con sede a Washington.

Al-Shehab ha detto ai giudici di essere stata trattenuta per più di 285 giorni in isolamento prima che il suo caso fosse deferito al tribunale, secondo i documenti legali ottenuti dall’Associated Press.

La Freedom Initiative descrive lo Shehab come un membro della minoranza sciita dell’Arabia Saudita, che da tempo si lamenta della discriminazione sistematica nel regno governato dai sunniti.

“L’Arabia Saudita si è vantata con il mondo che sta lavorando per migliorare i diritti delle donne e portare avanti una riforma legale, ma non c’è dubbio in questa odiosa frase che la situazione sta peggiorando”, ha affermato Bethany Al-Haidari, direttrice del gruppo di Arabia Saudita questioni.

Amnesty International, uno dei principali organi di controllo dei diritti umani, giovedì ha criticato il processo di Al-Shehab definendolo “gravemente iniquo”, definendolo “crudele e illegale”.

READ  Snake Island: un piccolo appezzamento di terra gioca un ruolo importante nella guerra della Russia contro l'Ucraina

Da quando è salito al potere nel 2017, il principe Mohammed ha intensificato gli sforzi per diversificare l’economia del regno lontano dal petrolio con massicci progetti turistici, di recente progettando di costruire gli edifici più alti del mondo che si estenderanno per più di 100 miglia nel deserto. Ma ha anche affrontato critiche per il suo arresto di coloro che non si sono attenuti alla linea, inclusi dissidenti e attivisti, nonché principi e uomini d’affari.

I giudici hanno accusato al-Shehab di “disturbare l’ordine pubblico” e “destabilizzare il tessuto sociale”, accuse derivanti esclusivamente dal suo attivismo sui social media, secondo un’accusa ufficiale. Hanno affermato che Al-Shehab ha seguito e ritwittato gli account dell’opposizione su Twitter e “trasmesso false voci”.

La Corte penale specializzata ha emesso una sentenza insolitamente dura di 34 anni di carcere ai sensi delle leggi saudite contro il terrorismo e la criminalità informatica, a cui seguirà un divieto di viaggio di 34 anni. La decisione è arrivata all’inizio di questo mese, quando Al-Shehab ha presentato ricorso contro la sua condanna iniziale a 6 anni di reclusione.

Il Pubblico Ministero della Corte d’Appello ha dichiarato: “La pena detentiva dell’imputata (6 anni) è stata lieve visti i suoi reati”. “Chiedo che la sentenza venga modificata alla luce del suo sostegno a coloro che cercano di creare caos e destabilizzare la società, come dimostrano i resoconti del suo seguito e retweeting (Twitter)”.

Il governo saudita a Riyadh, così come le sue ambasciate a Washington e Londra, non hanno risposto a una richiesta di commento.

L’Università di Leeds ha confermato che la meteora era nel suo ultimo anno di dottorato presso la Facoltà di Medicina.

READ  La Lituania estende le restrizioni commerciali a Kaliningrad nonostante l'avvertimento russo

“Siamo profondamente preoccupati per l’apprendimento di questo ultimo sviluppo nel caso di Selma e stiamo chiedendo consiglio se c’è qualcosa che possiamo fare per sostenerla”, ha detto l’università.

Anche la sentenza di Al-Shehab ha attirato l’attenzione di Washington, con il Dipartimento di Stato che ha affermato mercoledì che stava “esaminando il caso”.

“L’esercizio della libertà di espressione per difendere i diritti delle donne non dovrebbe e non dovrebbe mai essere criminalizzato”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

Giovedì la Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale ha espresso preoccupazione su Twitter per il fatto che il regno abbia preso di mira il Meteor “per il suo attivismo pacifico in solidarietà con i prigionieri politici” e per la sua identità sciita.

Il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è recato nel regno ricco di petrolio e ha tenuto colloqui con il principe Mohammed in cui ha affermato di aver sollevato preoccupazioni sui diritti umani. Il loro incontro – e sbattere un sacco di pugni Rappresenta una netta svolta rispetto alla precedente promessa di Biden di fare del regno un “paria” per l’omicidio nel 2018 del giornalista saudita Jamal Khashoggi.

Al-Shehab ha detto durante il suo appello che la dura sentenza stava “distruggendo me, la mia famiglia, il mio futuro e il futuro dei miei figli”. Ha due figli, di 4 e 6 anni.

Ha detto ai giudici che non sapeva che il semplice retweet “per curiosità e per osservare le opinioni degli altri” da un resoconto personale di non più di 2.000 seguaci, costituisse terrorismo.

READ  Un ragazzo cinese se ne va in un turbine dopo aver segnalato errori di fatto nel video educativo del planetario

___

L’autore Matthew Lee dell’Associated Press di Washington ha contribuito a questo rapporto.