Luglio 16, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

US Open 2024: Rory McIlroy mira a sfruttare l’ultima grande opportunità dopo una serie di vittorie ravvicinate

US Open 2024: Rory McIlroy mira a sfruttare l’ultima grande opportunità dopo una serie di vittorie ravvicinate

PINHURST, Carolina del Nord — Rory McIlroy non vince un major da dieci anni. È stata una lunga faticata che ha visto numerose sfide ravvicinate, inclusi due secondi posti solo negli ultimi due anni. Domenica, McIlroy inizierà il suo round finale agli US Open 2024 con la possibilità di sfondare finalmente se riuscirà a trasformare una possibilità di vittoria in un trionfo per sollevare il trofeo.

McIlroy è finito tra i primi 10 20 volte dalla sua ultima vittoria importante, il campionato PGA 2014 al Valhalla. E mentre alcuni di questi piazzamenti sono arrivati ​​durante round domenicali molto bassi che hanno portato a piazzamenti nella classifica secondaria, è la vicinanza di Rory alla cerchia dei vincitori negli ultimi anni che ha reso la sua grave siccità particolarmente frustrante.

Cinque delle ultime dieci partenze importanti di McIlroy si sono tradotte in un piazzamento T6 o migliore, compreso un secondo posto agli US Open dello scorso anno al Los Angeles Country Club. Ciò rispecchia da vicino la situazione che McIlroy dovrà affrontare domenica al Pinehurst n. 2. Sarà nel penultimo gruppo come lo era l’anno scorso e sarà accoppiato con un altro dei migliori talenti del gioco, Patrick Cantlay, dopo la partita. Insieme a Scotty Scheffler nel 2023.

L’obiettivo sarà lo stesso: inseguire il leader con un punteggio break-par per mettere pressione sull’ultimo gruppo mentre si dirige verso il club. McIlroy non è stato in grado di farlo l’anno scorso, raccogliendo un birdie alla prima buca e uno spauracchio alla 14a buca per un round finale alla pari di 70 prima di cadere per un colpo contro il futuro vincitore Wyndham Clark.

READ  Rosenthal: l'acquisto di Wilson Contreras da parte dei Cardinals è sempre stata una scelta discutibile

“I pro e i contro di essere nell’ultimo gruppo, e magari giocare in un gruppo davanti potrebbero non essere necessariamente una cosa negativa”, ha detto McIlroy dopo la sua vittoria per 1-under 69 sabato. “Sono più o meno nella stessa posizione in cui mi trovavo l’anno scorso l’ultimo giorno al LACC. Quindi, una situazione familiare, sono stato qui molte volte in passato e spero che domani potrò produrre il golf di cui ho bisogno per fare meglio .”

Sebbene gli US Open del 2011 abbiano segnato la prima vittoria importante di McIlroy – a 22 anni al Congress Country Club – questo major in particolare non è stato un evento adatto al suo stile per gran parte della sua carriera iniziale. McIlroy ha mancato il taglio cinque volte in nove presenze agli US Open dal 2010 al 2018, e questa settimana ha espresso la sensazione di non avere l’approccio giusto per affrontare la sfida unica che l’USGA presenta al suo campionato nazionale.

Un cambiamento di mentalità, che accetta le sfide ed è disposto ad adottare un approccio più conservatore quando necessario, ha portato a risultati molto diversi. McIlroy è finito tra i primi 10 in ciascuna delle sue ultime cinque apparizioni agli US Open, e attribuisce merito al suo cambiamento di approccio.

“Non credo davvero di aver abbracciato l’impostazione degli US Open probabilmente dopo 10 anni di carriera agli US Open”, ha ammesso all’inizio della settimana. “Ho giocato la mia prima partita nel 2009, e penso di aver cambiato idea al riguardo nel 2019, quella a Pebble, e da allora ho anche iniziato a godermi molto di più quello stile di golf il golf che giochiamo settimana dopo settimana “.

READ  Blake Snell e Cody Bellinger tra gli obiettivi dei Giants menzionati da Scott Boras - NBC Sports Bay Area e California

Questo stile di golf? Si tratta di mostrare umiltà in campo, giocando in modo conservativo a volte ma in modo aggressivo quando ne hai l’opportunità. Ancora più importante, si tratta di sapere come affrontare le avversità quando si ha una battuta d’arresto, cercando di arrivare al centro del green, dandosi una possibilità in ogni buca ma “prendi la medicina se rimani bloccato”.

Anche nell’ambito dei suoi sforzi finora qui a Pinehurst, ci sono lezioni da imparare e luoghi in cui migliorare la sua conclusione. Due spauracchi in ritardo (al n. 15 e al n. 17) hanno tenuto McIlroy fuori dallo scontro finale con Bryson DeChambeau e gli hanno impedito di essere a un tiro dal vantaggio piuttosto che mantenere il vantaggio di tre colpi che dovrà affrontare domenica.

Ribaltare i risultati di queste chiamate ravvicinate e porre fine alla siccità decennale dei Big Ten porterebbe a un finale migliore, fornendo allo stesso tempo i colpi necessari quando il campionato è in gioco domenica sera tardi. Se McIlroy riuscirà a evocare questa distinzione sotto pressione, metterà l’ultimo pezzo al puzzle della sua incapacità di catturare l’inafferrabile quinta maggiore.