Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Wall Street chiude con forti guadagni all’inizio dell’ultimo trimestre

Wall Street chiude con forti guadagni all'inizio dell'ultimo trimestre
  • L’attività di fabbrica negli Stati Uniti è più lenta in quasi 2,5 anni a settembre -ISM
  • Credit Suisse e Citi abbassano l’obiettivo di fine 2022 per l’indice S&P 500
  • Dow, Standard & Poor’s 500, Indice Nasdaq

(Reuters) – Wall Street ha chiuso in forte rialzo lunedì all’inizio del quarto trimestre di un anno turbolento con rialzi dei tassi di interesse in un contesto di inflazione storicamente calda e timori di rallentamento della crescita economica.

Tutti gli 11 principali S&P 500 (.SPX) I settori sono avanzati in territorio positivo, con energia (.SPNY) Essere il grande vincitore.

I dati hanno mostrato che l’attività manifatturiera è aumentata al ritmo più lento in quasi due anni e mezzo a settembre, poiché i nuovi ordini si sono contratti e tassi di interesse più elevati per domare l’inflazione hanno probabilmente intaccato la domanda di beni. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’Institute for Supply Management ha affermato che il suo PMI manifatturiero è sceso a 50,9 questo mese, stime mancanti ma ancora sopra 50, indicando una crescita.

Art Hogan, chief market strategist di BP, ha dichiarato:

“(Mentre) buoni dati economici, letture forti sono stati un catalizzatore per la vendita, questa è la prima volta che vediamo alcune notizie negative come catalizzatore”.

A ulteriore sostegno dei titoli growth sensibili ai tassi, il rendimento dei Treasury USA a 10 anni è sceso dopo che il primo ministro britannico Liz Truss è stato costretto a invertire la rotta sui tagli alle tasse al tasso più alto.

“Mercati dei rendimenti statunitensi (in calo) – questo è stato positivo … questo indica un ambiente che induce più rischi”, ha affermato Hogan.

READ  L'inflazione esplode in Germania e Spagna. Un anno fa ho iniziato a stampare denaro, NIRP, caos della catena di approvvigionamento. La guerra gettò benzina su un fuoco già furioso

I tre principali indici hanno chiuso il volatile terzo trimestre in ribasso venerdì, a causa delle crescenti preoccupazioni che l’aggressiva politica monetaria della Federal Reserve spingerà l’economia in recessione.

Secondo i dati preliminari, l’indice S&P 500. (.SPX) È salito di 92,81 punti, o del 2,54%, per chiudere a 3.678,43 punti, mentre il Nasdaq Composite Index (diciannovesimo) È aumentato di 235,42 punti, o del 2,23%, a 10.811,04 punti. Media industriale del Dow Jones (.DJI) È aumentato di 764,52 punti, o del 2,63%, a 29.480,41 punti.

Citigroup e Credit Suisse diventano gli ultimi intermediari a tagliare i loro obiettivi di fine 2022 per l’indice S&P 500, poiché i mercati azionari statunitensi sopportano la pressione delle azioni aggressive delle banche centrali per frenare l’inflazione. Leggi di più

Credit Suisse ha anche fissato un obiettivo per il prezzo di fine anno 2023 del benchmark a 4.050 punti, aggiungendo che il 2023 sarà “un anno di crescita debole, non stagnazione e inflazione in calo”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(che copre Echo Wang) a New York. Ulteriori segnalazioni di Ankika Biswas e del sindaco di Bansari Kamdar a Bengaluru; Montaggio di Anil de Silva, Aaron Coeur e Richard Chang

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.