Agosto 20, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Wall Street rinuncia ai guadagni di apertura sulle perdite in titoli ad alta crescita di Reuters

Wall Street rinuncia ai guadagni di apertura sulle perdite in titoli ad alta crescita di Reuters
© Reuters. FILE PHOTO: Un trader lavora alla New York Stock Exchange (NYSE) a New York City, USA, 22 giugno 2022. REUTERS/Brendan McDermid

Di Shreeshi Sanyal e Amruta Khandekar

(Reuters) – I principali indici di Wall Street sono scesi dopo l’apertura al rialzo lunedì, poiché il rimbalzo della scorsa settimana sull’attenuazione dei timori sull’inflazione ha perso vigore a causa dei ribassi dei titoli ad alta crescita.

“Abbiamo avuto un buon rally la scorsa settimana, quindi penso che questa mattina stiamo assistendo a una piccola presa di profitto”, ha affermato Dennis Dick, trader proprietario di Bright Trading LLC a Las Vegas.

“I titoli che sono aumentati di più la scorsa settimana sono i più colpiti qui oggi”.

L’indice tecnologico, che è salito del 7,5% la scorsa settimana, è sceso dello 0,7% guidando i ribassi tra i tre principali indici.

Gli investitori hanno scommesso su un calo dei prezzi del petrolio dai massimi di tre mesi toccati a giugno per allentare le pressioni inflazionistiche e probabilmente spingere la Federal Reserve a raffreddare la sua politica di inasprimento aggressivo.

Tuttavia, i dati di lunedì hanno mostrato che i nuovi ordini di beni strumentali e le spedizioni statunitensi sono aumentati fortemente a maggio, indicando la continua forza della spesa delle imprese in attrezzature nel secondo trimestre.

Anche i prezzi del petrolio sono tornati in territorio positivo, spingendo l’indice S&P 500 Energy in rialzo del 2,2%, smorzando le aspettative di un’inflazione più bassa sulla scia del calo dei prezzi dell’energia. [O/R]

La banca centrale statunitense ha rapidamente aumentato i tassi di interesse per domare l’inflazione elevata da 40 anni, sollevando i timori che le sue azioni potessero spingere la più grande economia del mondo in recessione.

READ  Azioni meme al contrario mentre la recessione di Bed Bath & Beyond spaventa gli investitori

Dopo che l’indice di riferimento all’inizio di questo mese ha registrato un calo del 20% dalla chiusura di gennaio per confermare l’esistenza di un mercato ribassista, gli investitori hanno cercato di valutare quando il mercato potrebbe toccare il fondo.

Alle 10:11 ET, l’indice è sceso di 76,62 punti, o dello 0,24%, a 31424,06, l’S&P 500 è sceso di 13,94 punti, o dello 0,36%, a 3.897,80 punti e il Nasdaq Composite è sceso di 78,44 punti, o dello 0,68%, a 11.529,19.

Le azioni di Robinhood (NASDAQ 🙂 Markets sono aumentate dello 0,6% dopo che i media hanno affermato che Goldman Sachs (NYSE:) ha alzato le azioni del broker al dettaglio a “neutrale” da “vendita”.

Tuttavia, Goldman Sachs ha declassato Coinbase (NASDAQ:) Global Inc per “vendere” da “comprare”, secondo i media, facendo scendere le azioni dell’exchange di criptovalute del 9,4%.

Le emissioni in calo hanno superato le azioni avanzate di 1,03 a 1 alla Borsa di New York e di 1,31 a 1 al Nasdaq. L’S&P ha registrato un nuovo massimo di 52 settimane e 29 nuovi minimi, mentre il Nasdaq ha raggiunto 16 nuovi massimi e 41 nuovi minimi.