Dicembre 8, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Zelensky ha detto che le forze russe hanno iniziato la battaglia del Donbass

(Ukrainian President Volodymyr Zelensky/Facebook)
Un esperto di esplosivi del ministero dell’Interno raccoglie ordigni inesplosi a Hostomil, in Ucraina, il 18 aprile. (Efrem Lukatsky/AP)

Un cessate il fuoco in Ucraina non è in vista, ma potrebbe arrivare nelle prossime settimane a seconda dell’andamento della guerra e dei negoziati in corso, secondo Martin Griffiths, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari e coordinatore degli aiuti di emergenza.

“Un cessate il fuoco… non è in vista al momento, ma potrebbe essere tra un paio di settimane”, ha detto Griffiths lunedì nelle sue osservazioni ai giornalisti al quartier generale delle Nazioni Unite a New York City.

Griffiths ha detto che intende recarsi in Turchia alla fine di questa settimana per incontrare il presidente turco Recep Tayyip Erdogan per determinare i modi in cui le Nazioni Unite possono aiutare a sostenere l’operazione di mantenimento della pace e i negoziati tra Ucraina e Russia. Ha aggiunto di essere stato “molto colpito” dal ruolo della Turchia nel conflitto, descrivendo il Paese come un “aspetto importante” della situazione.

“Dobbiamo monitorare i colloqui con molta attenzione, da qui la visita in Turchia di questa settimana”, ha affermato Griffiths.

Griffiths ha affermato di sperare anche che la Turchia possa ospitare un “gruppo di contatto umanitario” attraverso il quale potrebbero essere discussi i negoziati sugli aiuti umanitari. Ha detto che i funzionari ucraini avevano già acconsentito e che sperava che lo facessero anche i funzionari russi.

Griffiths ha aggiunto che i funzionari ucraini hanno accettato la maggior parte delle proposte avanzate dalle Nazioni Unite in merito agli aiuti umanitari e al cessate il fuoco, ma la Russia non ha finora fornito una risposta simile.

È chiaro che non abbiamo ancora attuato il cessate il fuoco per motivi umanitari. Da parte russa, ho approfondito molti dettagli su questo e hanno continuato a promettermi di rispondermi sui dettagli di quelle proposte “, ha detto Griffiths. “In Ucraina, l’incontro con la loro leadership è stato molto gradito. Hanno approvato la maggior parte delle nostre proposte e non abbiamo ancora ricevuto la stessa risposta dalla Federazione Russa”.

Il 28 marzo, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha accusato Griffiths di aver incontrato funzionari sia dell’Ucraina che della Russia sugli accordi per un cessate il fuoco umanitario in Ucraina.

READ  La Russia dice che "non c'è bisogno" di usare armi nucleari in Ucraina

Griffiths ha detto di aver incontrato di recente il primo ministro ucraino, due vice primi ministri, il ministro della Difesa ucraino e il vice ministro degli Esteri per questo motivo. In precedenza aveva detto di aver incontrato funzionari russi il 4 aprile.

Griffiths ha affermato che l’obiettivo delle discussioni con le parti era garantire che le autorità fossero consapevoli delle aspirazioni umanitarie delle Nazioni Unite e discutere i modi in cui le Nazioni Unite potrebbero migliorare il sistema di notifica umanitaria.

Griffiths ha affermato che i funzionari ucraini hanno accettato l’idea di un gruppo di collegamento umanitario congiunto e l’idea di un cessate il fuoco locale allo scopo di fornire aiuti umanitari, ma ha affermato che i russi “non hanno messo un cessate il fuoco locale al vertice delle loro all’ordine del giorno, non ancora”.

“Dal lato umanitario, dobbiamo accettare molto di più, principalmente dalla Federazione Russa, per consentire l’ingresso di convogli e convogli”, ha affermato Griffiths.

Quando gli è stato chiesto se credeva che la Russia avrebbe attuato, in buona fede, un cessate il fuoco permanente, Griffiths ha detto che avrebbe continuato a cercare di facilitare e mediare questo, anche se la parte russa è attualmente inattiva.

“La speranza è la valuta del broker”, ha detto Griffiths. “In ogni guerra con cui ho avuto a che fare, parti sempre dalla base della disperazione perché sembra così orribile e le atrocità sono così orribili… continui a farlo, perché francamente, qual è l’alternativa? No per continuare con quello”, ha aggiunto. [negotiations]Sarebbe irresponsabile”.