Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

2 minerali mai visti prima sono stati trovati in un enorme asteroide caduto sulla Terra

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Gli scienziati hanno identificato due minerali mai visti prima sulla Terra in un meteorite di 15,2 tonnellate metriche (33.510 libbre).

I minerali provenivano da un pezzo di meteorite di 70 grammi (quasi 2,5 once), che è stato scoperto in Somalia nel 2020 ed è il nono meteorite più grande mai trovato, secondo Nuova versione dall’Università dell’Alberta.

Chris Hurd, curatore della collezione di meteoriti dell’università, ha ricevuto campioni della roccia spaziale in modo da poterli classificare. Mentre lo esaminava, qualcosa di insolito attirò la sua attenzione: alcune parti del campione non furono riconosciute dal microscopio. Ha quindi chiesto consiglio ad Andrew Locock, capo dell’Electron Microprobe Laboratory dell’università, poiché Lowcock aveva esperienza nella descrizione di nuovi minerali.

“Il primo giorno ha fatto alcune analisi, ha detto: ‘Ci sono almeno due nuovi minerali lì dentro'”, ha detto in una dichiarazione Hurd, professore nel dipartimento di Scienze della Terra e dell’atmosfera dell’università. La maggior parte delle volte ci vuole molto più lavoro per dire che c’è del nuovo metal”.

Il nome di uno dei minerali – elaliite – deriva dall’oggetto spaziale stesso, che è stato chiamato meteorite “El Ali” da quando è stato trovato vicino alla città di El Ali nella Somalia centrale.

La seconda mandria prende il nome di Elkenstantonites da Lindy Elkins-Tanton, vicepresidente della Planetary Initiative presso l’Arizona State University. Elkins-Tanton è anche Hakim Professor presso il College of Earth and Space Exploration dell’università e investigatore principale per la prossima NASA compito autonomo – un viaggio su un asteroide ricco di minerali in orbita attorno al sole tra Marte e Giove, secondo l’agenzia spaziale.

“Linde ha lavorato molto su come si formano i nuclei planetari, su come si formano i nuclei di ferro e nichel, e il nostro isotopo più vicino sono i meteoriti di ferro”, ha detto Hurd. “Aveva senso dare il suo nome a un minerale e riconoscere i suoi contributi alla scienza”.

L’approvazione dei due nuovi minerali da parte dell’International Mineralogical Association nel novembre di quest’anno “suggerisce che il lavoro è forte”, ha affermato Oliver Schooner, mineralogista e professore di ricerca presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università del Nevada, a Las Vegas.

“Quando trovi un nuovo minerale, significa che le effettive condizioni geologiche, la chimica della roccia, erano diverse da quelle trovate prima”, ha detto Hurd. “Questo è ciò che lo rende eccitante: in questo particolare meteorite ci sono due minerali descritti ufficialmente che sono nuovi per la scienza”.

La rapida identificazione di Lowcock è stata possibile perché minerali simili erano stati creati sinteticamente in precedenza, ed è stato in grado di abbinare la composizione dei minerali appena scoperti alle loro controparti artificiali, secondo il comunicato dell’Università di Alberta.

“Gli scienziati dei materiali lo fanno sempre”, ha affermato Alan Rubin, ricercatore di meteoriti ed ex assistente professore e geochimico ricercatore presso il Dipartimento di scienze della terra, planetarie e spaziali dell’UCLA. “Possono creare nuovi composti: uno, solo per vedere cosa è fisicamente possibile solo come interesse di ricerca, e l’altro… diranno: ‘Stiamo cercando un composto che abbia determinate proprietà per scopi pratici o commerciali applicazione, come conduttività, stress elevato o temperatura di fusione elevata.'”

“È fortuito che un ricercatore trovi un minerale in un meteorite precedentemente sconosciuto o in una roccia terrestre, e poi molte volte dopo, lo stesso composto sarà precedentemente creato da scienziati dei materiali”.

Schooner ha affermato che entrambi i nuovi minerali sono fosfati di ferro. Il fosfato è un sale o un estere dell’acido fosforico.

“I fosfati nei meteoriti di ferro sono sottoprodotti: si formano attraverso l’ossidazione dei fosfuri… che sono rari componenti primari dei meteoriti di ferro”, ha detto via e-mail. Quindi i due nuovi fosfati ci parlano dei processi di ossidazione avvenuti nel materiale del meteorite, resta da vedere se l’ossidazione è avvenuta nello spazio o sulla Terra, dopo la caduta, ma per quanto ne so si sono formati molti fosfati di meteorite nello spazio. In ogni caso. È probabile che l’acqua sia stata il reagente che ha causato l’ossidazione.”

I risultati sono stati presentati a novembre allo Space Exploration Symposium dell’Università di Alberta. Queste scoperte, ha detto Rubin, “ampliano la nostra prospettiva su quali materiali naturali possono essere trovati e formati nel sistema solare”.

Il meteorite di Dio da cui provenivano i minerali, ha detto Hurd, sembra essere stato inviato in Cina alla ricerca di un acquirente.

Nel frattempo, i ricercatori stanno ancora analizzando i minerali – e forse un terzo elemento – per vedere in quali condizioni si trovava il meteorite quando si è formata la roccia spaziale. Ha aggiunto che i minerali appena scoperti potrebbero avere implicazioni entusiasmanti per il futuro.

“Ogni volta che si conosce un nuovo materiale, anche gli scienziati dei materiali sono interessati a causa dei potenziali usi in un’ampia varietà di cose nella società”, ha detto Hurd.

READ  La NASA scatta una foto di una "faccia da orso" su Marte