Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Adam Zimmer, figlio dell’ex allenatore dei Vikings Mike Zimmer, è morto all’età di 38 anni

Adam Zimmer, figlio dell'ex allenatore dei Vikings Mike Zimmer, è morto all'età di 38 anni

Adam Zimmer, figlio dell’ex allenatore dei Minnesota Vikings Mike Zimmer e assistente allenatore della NFL per 16 stagioni, è morto lunedì all’età di 38 anni.

Corey Zimmer White, figlia di Mike e sorella di Adam, ha confermato la notizia martedì mattina su Instagram. Non è stata fornita alcuna causa di morte.

Adam Zimmer è entrato a far parte dello staff tecnico dei Vikings quando suo padre è stato nominato capo allenatore nel 2014. Ha lavorato come allenatore di linebacker per sei stagioni prima di essere promosso a Joint Defense Coordinator nel 2020. È stato separato con suo padre e la maggior parte dei giocatori. Lo staff tecnico dopo la stagione 2021.

Zimmer ha iniziato la sua carriera di allenatore nel 2006 con i New Orleans Saints come assistente allenatore quarterback. Ha ricoperto una posizione simile con i Kansas City Chiefs dal 2010 al 2012. Si è unito a suo padre con i Cincinnati Bengals come assistente allenatore difensivo nel 2013, durante l’ultima stagione di Mike Zimmer come coordinatore difensivo, prima di trasferirsi con lui ai Vikings.

Più recentemente, Adam Zimmer ha lavorato come analista offensivo per i Bengals.

“La nostra organizzazione ha avuto il privilegio di conoscere e lavorare con la famiglia Zimmer per 15 anni. Abbiamo il massimo rispetto per Mike e Adam e siamo profondamente rattristati da questa tragica notizia”, ​​ha dichiarato il presidente del Bengals Mike Brown in una nota.

“Mike e Adam erano più che semplici allenatori: erano amici. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con la famiglia Zimmer in questo momento”.

Nel suo post su Instagram, Zimmer White ha scritto della morte inaspettata del membro della famiglia Vicki Zimmer nel 2009.

READ  Galen Bronson ha predetto la partenza dei Mavericks, firmando con i Knicks visto come una "certezza"

Ha scritto: “Mio fratello era uno dei miei migliori amici, soprattutto dopo la morte di mia madre, ci siamo avvicinati molto. Era sempre lì per me ed era sempre il primo a presentarsi e fare volontariato agli eventi della mia fondazione”.