Agosto 9, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aggiornamenti del rapporto sui lavori in tempo reale: luglio mostra una crescita inaspettata

Aggiornamenti del rapporto sui lavori in tempo reale: luglio mostra una crescita inaspettata

Datori di lavoro negli Stati Uniti Aggiunti 528.000 posti di lavoro a luglio, Venerdì, il Dipartimento del lavoro ha affermato che un aumento inaspettatamente forte mostra che il mercato del lavoro sta sopportando l’impatto economico di tassi di interesse più elevati, almeno per ora.

L’impressionante performance – che riporta l’occupazione totale al livello di febbraio 2020, prima della chiusura della pandemia – fornisce un’ulteriore prova che gli Stati Uniti non sono entrati in una recessione.

aprile

Giugno

Settembre.

21 gennaio

Giugno

Settembre.

22 gennaio

+32.000 posti di lavoro da febbraio 2020

+22 milioni di posti di lavoro da aprile 2020

152,5 milioni di posti di lavoro a febbraio 2020

Justin Wolfers, economista dell’Università del Michigan, ha affermato che le letture cupe sulla fiducia dei consumatori negli ultimi mesi, insieme ai timori di una recessione o addirittura dell’inizio di essa, “sono completamente contrarie a ciò che ci dicono i dati fondamentali”. “Non ho mai visto una disconnessione tra i dati e il senso generale di scala che ho visto”.

Ma con la Federal Reserve che persegue una politica rigorosa di aumento dei tassi di interesse per controllare l’inflazione, la maggior parte dei meteorologi prevede che lo slancio del mercato del lavoro rallenterà in modo significativo nel corso dell’anno, poiché le aziende tagliano i salari per soddisfare la minore domanda.

“A questo punto, le cose vanno bene”, ha affermato James Knightley, capo economista internazionale di ING Bank. “Diciamo, dicembre o la prima parte del prossimo anno, dove possiamo vedere numeri molto più bassi”.

READ  Wall Street diminuisce con il peso delle tecnologie pubblicitarie e dei titoli dei social media

Il tasso di disoccupazione era del 3,5%, in calo rispetto al 3,6% di giugno, e corrispondeva al minimo di 50 anni alla vigilia dell’epidemia.

La scorsa settimana, il governo ha riferito che il prodotto interno lordo dello stato, la misura più ampia della produzione economica, si è contratto per il secondo trimestre consecutivo se aggiustato per l’inflazione. I dati hanno mostrato un forte calo dell’edilizia abitativa, un rallentamento degli investimenti delle imprese e un rallentamento della spesa per consumi.

Queste tendenze sono destinate a incidere sul mercato del lavoro in generale, anche se non in modo uniforme o immediato.

Amy Glaser, vicepresidente dell’agenzia globale per il personale Adecco, ha affermato che la sua azienda sta ancora lottando per svolgere lavori orari, in particolare nel settore della vendita al dettaglio e della logistica. I datori di lavoro potrebbero non aver reso questi lavori abbastanza attraenti e potrebbero licenziarli sempre più.

“Quando qualcuno si fa avanti e il reclutatore lo contatta, ha circa 24 ore per inserirlo in un ruolo o se ne andrà”, ha detto la signora Glaser. “I candidati sono al posto di guida”.