Settembre 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Apple guadagna 5 miliardi di sterline in più non fornendo caricabatterie e auricolari con i suoi nuovi iPhone

Dal 2020, Apple addebita ai suoi clienti £ 19 per un nuovo plug o auricolari.

Apple guadagna 5 miliardi di sterline in più non fornendo caricabatterie e auricolari con i suoi nuovi iPhone

  • Apple ha affermato che la mossa era quella di ridurre i rifiuti e ha elogiato gli ambientalisti quando ha affermato che le emissioni annuali di carbonio sarebbero state ridotte di due milioni di tonnellate.
  • I critici affermano che i clienti sono stati danneggiati dai prezzi costantemente elevati
  • Dal 2020, Apple addebita ai clienti £ 19 per una nuova presa o auricolari.
  • Gli esperti ritengono che Apple potrebbe risparmiare circa £ 27 per telefono

Apple ha guadagnato circa 5 miliardi di sterline non fornendo caricabatterie e auricolari con i suoi nuovi iPhone.

Il gigante della tecnologia ha affermato che la mossa, annunciata due anni fa, mirava a ridurre i rifiuti e ha ottenuto elogi da parte degli ambientalisti quando ha affermato che avrebbe ridotto le emissioni di carbonio annuali di due milioni di tonnellate, l’equivalente di togliere dalla strada 500.000 auto.

Ma i critici affermano che i clienti sono stati colpiti in tasca perché il ritiro di adattatori e auricolari non è stato accompagnato da un taglio di prezzo.

Dal 2020, Apple ha addebitato £ 19 per una nuova presa o auricolari. I critici sostengono che se superasse tutti i risparmi, inclusa una riduzione stimata del 40% dei costi di spedizione perché un imballaggio più piccolo consente il 70% di dispositivi su ciascun pallet, i prezzi dell’iPhone sarebbero inferiori.

Gli esperti ritengono che Apple, i cui nuovi iPhone costano fino a £ 1.549, potrebbe risparmiare circa £ 27 per telefono. L’analisi tiene conto del fatto che, sebbene adattatori e auricolari vendano a £ 19, sono molto più economici da produrre.

Ben Wood, analista senior di CCS Insight, ha dichiarato agli esperti di tecnologia: “Apple è il leader di mercato nel settore della telefonia nell’aiutare l’ambiente, con la rimozione di caricabatterie e cuffie una delle tante cose che fa. Ma ovviamente c’è un risparmio sui costi per Apple nella rimozione di caricabatterie e cuffie quando si vendono iPhone.

Da quando è stata annunciata la mossa, si ritiene che Apple abbia venduto 190 milioni di iPhone in tutto il mondo. I guadagni derivanti dalla rimozione di caricabatterie e auricolari, nonché dalla riduzione dei costi di spedizione, potrebbero ammontare a 5 miliardi di sterline, con una stima di 225 milioni di sterline aggiuntivi dalla vendita di accessori.

La quota del Regno Unito è stimata in oltre 280 milioni di sterline.

“Sappiamo che i clienti hanno raccolto gli adattatori e che la produzione di milioni di adattatori non necessari consuma risorse e aumenta la nostra impronta di carbonio”, ha affermato Lisa Jackson, Chief Environment Officer di Apple, nel 2020.

Un portavoce di Apple ha dichiarato ieri sera: “Ci siamo prefissati l’obiettivo di essere carbon neutral entro il 2030. Un passo lungo il nostro percorso è ridurre i materiali utilizzati nei nostri prodotti e imballaggi. Ciò ha ridotto di 2 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio e altri hanno seguito l’esempio”.

READ  La nuova griglia a carbone più venduta di Amazon è... Google Pixel Buds Pro?