Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Apple ha intentato un'azione legale collettiva sul limite di capacità di 5 GB di iCloud

Apple ha intentato un'azione legale collettiva sul limite di capacità di 5 GB di iCloud

Una nuova azione legale collettiva sostiene che Apple ha “aumentato i prezzi di iCloud al punto in cui il servizio è quasi redditizio netto”. Come accennato prima Legge BloombergI querelanti accusano Apple di “truccare il campo di gioco competitivo” consentendo ad iCloud di gestire solo i backup dei dispositivi e altre esigenze di archiviazione.

“Ai proprietari dei dispositivi Apple vengono concessi 5 GB di spazio di archiviazione iCloud gratuito, ma come attestano le entrate iCloud di Apple, la maggior parte degli utenti lo trova insufficiente per le proprie esigenze di archiviazione e acquista un piano di archiviazione iCloud aggiuntivo”, afferma la causa.

È noto che il livello gratuito di iCloud è stato limitato a 5 GB di spazio di archiviazione da quando è stato introdotto da Steve Jobs al WWDC 2011.

Gran parte del focus della causa è sul fatto che gli utenti iPhone hanno solo un'opzione quando si tratta di eseguire il backup completo del dispositivo, e quell'opzione è il servizio iCloud di Apple. Come tutti sappiamo, iCloud ti offre solo 5 GB gratuiti.

Tuttavia, Apple richiede arbitrariamente che i possessori dei suoi dispositivi mobili utilizzino iCloud per eseguire il backup di determinati tipi di file, principalmente le impostazioni del dispositivo, nonché le app e i dati delle app (“File limitati”). Per altri tipi di file, ad esempio foto e video (“file accessibili”), i proprietari di dispositivi mobili Apple possono scegliere tra altri fornitori di archiviazione cloud presenti sul mercato, tra cui Google Drive, Sync.com, pCloud e altri.

In questo modo, i ricorrenti affermano che Apple “impedisce alle piattaforme cloud concorrenti di offrire una soluzione cloud a servizio completo che possa effettivamente competere con iCloud”. Pertanto, Apple potrebbe scegliere di limitare lo spazio di archiviazione gratuito su iCloud a 5 GB sapendo che la maggior parte delle persone dovrà registrarsi e pagare per avere più spazio di archiviazione solo per eseguire il backup dei propri dispositivi.

Le restrizioni di Apple eliminano questa scelta, costringendo di fatto i proprietari di dispositivi Apple a utilizzare iCloud per l'archiviazione sul cloud. Tecnicamente, Apple impone ciò che gli economisti chiamano “requisiti”. Cioè, se i possessori di iPhone o iPad desiderano utilizzare l'archiviazione cloud per file con restrizioni (e la maggior parte lo fa), allora iCloud è l'unica opzione per soddisfare questo requisito. E chiunque abbia bisogno di più di 5 GB di spazio di archiviazione, il che significa la maggior parte dei clienti Apple, dovrà pagare per questo

“Non esiste alcuna giustificazione tecnologica o di sicurezza perché Apple imponga l'uso di iCloud per file con restrizioni”, afferma la causa. “Apple fa questa distinzione solo per limitare la concorrenza e avvantaggiare il suo prodotto iCloud rispetto alle piattaforme cloud concorrenti.”

READ  Prossimi giochi e accessori per Nintendo Switch per maggio e giugno 2023

È possibile trovare la causa completa In più di Legge Bloomberg. L'attore principale è rappresentato dallo studio legale Hagens Berman, lo stesso studio legale dietro una serie di diverse azioni legali collettive contro Apple. In particolare, la società ha gestito un'azione legale collettiva da 560 milioni di dollari per i prezzi di Apple Books contro Apple.

Le persone che hanno acquistato spazio di archiviazione iCloud e sono interessate a partecipare potenzialmente alla causa possono farlo tramite un modulo all'indirizzo Sito web di Hagens Berman.

Segui l'opportunità: Discussioni, Twitter, InstagramE Mastodonte.

FTC: Utilizziamo collegamenti di affiliazione automatici per guadagnare entrate. Di più.