Maggio 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Attacco di Leopoli: la Russia colpisce la città strategica dell’Ucraina

Attacco di Leopoli: la Russia colpisce la città strategica dell'Ucraina

Il sindaco di Leopoli, Andrei Sadovy, ha affermato che diversi missili hanno colpito una stazione di riparazione di aerei, ma che i lavori presso la struttura sono stati interrotti prima degli scioperi e non ci sono notizie di vittime.

Le forze armate ucraine affermano che le informazioni preliminari indicano che la Russia ha lanciato sei missili verso Leopoli venerdì mattina. Dice che i missili erano molto probabilmente missili da crociera lanciati da aerei da guerra sul Mar Nero.

Un comunicato delle forze armate su Facebook afferma che due dei sei sono stati intercettati dai sistemi di difesa aerea.

L’attacco si aggiungerebbe ai timori che la guerra russa possa estendersi all’Occidente. Ecco cosa devi sapere sull’importanza di Leopoli.

Posizione

A circa 43 miglia (70 chilometri) dal confine polacco, Leopoli si trova alle porte della NATO, quindi se gli attacchi qui si intensificano, potrebbero avere ripercussioni internazionali.

L’attacco di venerdì arriva dopo che la Russia ha lanciato una raffica di missili contro base militare di Yavorivsituato tra Lviv e il confine polacco, domenica, uccidendo almeno 35 persone.

rifugiati

Leopoli è diventata un rifugio sicuro per gli ucraini in fuga da altre parti del paese dilaniato dalla guerra.

Ospita più di 200.000 sfollati interni in una città di oltre 700.000 abitanti, secondo il sindaco. Si riversano a Leopoli in cerca di una relativa sicurezza, dove molti la usano come punto di sosta prima di dirigersi verso il confine.

la logistica

L’area più ampia è anche un’importante via di rifornimento di armi per l’esercito ucraino e più ampi sforzi di resistenza hanno contrastato i piani di Mosca per un’invasione simile a una guerra lampo.

READ  La guerra ucraino-russa: ultime notizie - The New York Times

Le rotte di rifornimento nell’Ucraina occidentale sono diventate più importanti poiché la Russia soffoca le rotte marittime e impone un blocco al sud del paese. A nord si trova la Bielorussia, che ospita le forze russe ed è stata una delle rampe di lancio per l’invasione.

cultura e storia

Il centro storico di Leopoli è un patrimonio mondiale dell’UNESCO e il Museo Nazionale ospita la collezione più completa di arte sacra medievale e rari manoscritti religiosi del paese.

Secondo il sito ufficiale della città, Leopoli è stata la sede dei primi movimenti di massa dell’Ucraina a sostegno dell’indipendenza quando il comunismo è crollato.

Il 17 settembre 1989, Leopoli divenne il luogo della più grande manifestazione a sostegno della rinascita dell’indipendenza dell’Ucraina, con 100.000 partecipanti.

La legge sull’indipendenza dello Stato dell’Ucraina è stata approvata il 24 agosto 1991 e centinaia di persone si sono riversate nelle strade di Leopoli per i festeggiamenti del giorno successivo.

“Essendo la capitale indiscussa della cultura, della spiritualità e dell’identità nazionale ucraine, Leopoli ha sempre svolto un ruolo chiave nello sviluppo della democrazia e nella lotta per l’indipendenza dell’Ucraina”, afferma il sito.

Leopoli un tempo faceva parte della monarchia asburgica – allora conosciuta come Lemberg – ma divenne una vera e propria roccaforte della resistenza nazionale ucraina durante l’era sovietica, secondo un funzionario statale sito turistico.
Dettagli su Sito UNESCO Descrivi come Leopoli, fondata nel tardo medioevo, divenne per diversi secoli un prospero centro amministrativo, religioso e commerciale. Fino alla conquista, il territorio urbano medievale, così come i numerosi bei palazzi barocchi e successivi della città, erano ben conservati, secondo l’UNESCO.
UNESCO Egli ha detto All’inizio di questo mese, è stato in costante contatto con tutte le istituzioni pertinenti in tutta l’Ucraina, nonché con specialisti culturali ucraini, per valutare la situazione e rafforzare la protezione dei beni culturali.

All’inizio del conflitto, il Direttore generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay, ha affermato: “Dobbiamo proteggere il patrimonio culturale dell’Ucraina come testimonianza del passato, ma anche come catalizzatore di pace e coesione per il futuro, che la comunità internazionale ha fatto con il dovere di proteggere e preservare”.

READ  Funzionari ucraini affermano che molti morti e feriti nel bombardamento russo di Kharkiv

base temporanea

La città è diventata anche la sede temporanea di diverse organizzazioni dei media e ambasciate, che hanno dovuto trasferirsi dalla capitale ucraina, Kiev.