Agosto 9, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Azioni e prezzi del petrolio stanno scendendo mentre le onde Omicron sono generate da Reuters

© Reuters. File: 26 febbraio 2021 Una persona attraversa il tabellone delle quotazioni azionarie presso una società di brokeraggio a Tokyo, in Giappone. REUTERS / Kim Kyung-Hoon

di Wayne Cole

SYDNEY (Reuters) – I mercati azionari asiatici sono crollati e i prezzi del petrolio sono crollati lunedì mentre le cause legali di Omigron contro il Covid-19 hanno rafforzato i controlli in Europa e hanno minacciato di sommergere l’economia mondiale nel nuovo anno.

Pechino ha alleggerito un po’ l’atmosfera abbassando i tassi sui prestiti a un anno di 20 mesi, anche se alcuni speravano che i tassi a cinque anni sarebbero diminuiti.

Le blue chip cinesi sono scese di un altro 0,4%, mentre l’indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è sceso dello 0,8%. Le azioni della Corea del Sud sono scese dell’1,7% e dell’1,2%.

0,8% e Nasdaq Futures quasi 1% merda. I futures EUROSTOXX 50 hanno perso l’1,1% e i futures l’1,0%.

La diffusione di Omigran ha visto i Paesi Bassi bloccarsi domenica e fare pressione sugli altri per seguirli, anche se gli Stati Uniti sembravano rimanere aperti.

“Omigron è stato definito il cremisi che ha rubato il Natale all’Europa”, ha affermato Tapas Strickland, direttore dell’economia del NAB. “Poiché i casi di Omigron raddoppiano ogni 1,5-3 giorni, è probabile che i sistemi ospedalieri siano sovraffollati anche con vaccini efficaci”.

Mentre i controlli del virus corona oscurano le prospettive di crescita economica, aumentano anche il rischio di aumentare l’inflazione e peggiorare le banche centrali.

È interessante notare che i funzionari della Federal Reserve hanno parlato apertamente di aumentare i tassi da marzo e di iniziare a tagliare il bilancio della banca centrale entro la metà del 2022.

READ  Notizie sul processo e sul verdetto di Ahmaud Arbery

Questo è molto più grave di quanto indicato dai futures, che finora hanno superato le intenzioni della Fed. Con i prezzi fissati a solo una probabilità del 40% di un aumento del mercato a marzo, giugno è ancora un mese favorevole per aumentare.

Tali chiacchiere da falco da parte della banca centrale sono uno dei motivi principali per cui i rendimenti dei titoli di stato a lungo termine sono diminuiti la scorsa settimana a causa dei guadagni a breve termine. È passato da una curva di due-10 anni al suo livello piatto dalla fine del 2020, riflettendo il rischio di una politica restrittiva che porta a una recessione.

Gli economisti del BofA considerano questo rischio insopportabile per le azioni, anche se un recente sondaggio tra i gestori di fondi prevede una recessione del 6% l’anno prossimo e solo il 13% delle azioni è sottopesato. Sebbene la maggior parte delle persone sia sovrappeso nella tecnologia, la “tecnologia lunga” è ancora vista come un’attività più affollata.

Hanno anche notato che entro il 2021 i vincitori erano il petrolio con il 48%, i REIT con il 42%, il Nasdaq con il 25% e le banche con il 21%. Tra i perdenti, le biotecnologie hanno perso il 22%, la Cina il 22%, l’argento il 19% e le JGB il 10%.

Il 1996 è stato l’anno migliore per le materie prime e il 1949 è stato l’anno peggiore per i titoli di stato globali.

All’inizio di lunedì, il rendimento delle note decennali statunitensi era dell’1,38%, in calo rispetto all’1,776% del 2021.

Venerdì il colpo di falco della banca centrale, insieme ai porti sicuri, è aumentato dello 0,7%, sottolineando il suo massimo di 96,674.

READ  Derek Chavin è stato condannato a 21 anni di carcere per l'omicidio di George Floyd

L’euro si è indebolito dello 0,8% a $ 1,1237 da $ 1,1184 venerdì. Lo yen giapponese ha il suo livello di rifugio sicuro e si attesta a 113,49 contro il dollaro.

La sterlina è scesa a $ 1,3224 poiché le preoccupazioni di Omicron hanno annullato tutti i guadagni a seguito dell’aumento a sorpresa dei tassi della Banca d’Inghilterra la scorsa settimana.

L’oro è stato scambiato a $ 1.801 l’oncia la scorsa settimana mentre i mercati azionari sono crollati.

I prezzi del petrolio sono scesi tra le preoccupazioni che la diffusione della variante Omicron potrebbe ridurre la domanda di carburante e segnali di miglioramento dell’offerta. [O/R]

È sceso di $ 1,66 al barile a $ 71,86 e $ 1,44 a $ 69,42 al barile.