Ottobre 7, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bitcoin si sta sporcando

Bitcoin si sta sporcando
Mining di criptovalute vietato in Cina Nella primavera del 2021, l’impatto ambientale di Bitcoin è notevolmente peggiorato, secondo una nuova ricerca mineraria Inserito su cellulare. Questo perché i minatori di bitcoin stavano sfruttando a Una grande quantità di energia idroelettrica cinese Alex de Vries, uno degli autori dello studio e ricercatore presso la School of Business and Economics dell’Università di Vrije di Amsterdam, ha affermato che è improvvisamente svanito quando la Cina ha reso illegale l’attività mineraria.

Quindi i minatori hanno portato i loro affari in altri luoghi, compresi i paesi che utilizzano energia molto più sporca della Cina. Le fonti di energia elettrica che alimentano la rete Bitcoin erano rinnovabili solo per il 25,1% ad agosto 2021, circa 17 punti percentuali in meno rispetto alla media del 2020.

Lo studio ha rilevato che l’estrazione di Bitcoin ogni anno produce lo stesso inquinamento prodotto dalla Grecia nel 2019. Una singola transazione Bitcoin si traduce nella stessa impronta di carbonio di un viaggiatore che viaggia da New York ad Amsterdam.

“Dopo che la Cina ha vietato il mining di bitcoin, tutti si aspettavano che diventasse più verde, ma è alquanto sorprendente vedere accadere il contrario”. ha detto De Vries. “Gran parte dell’energia idroelettrica che questi minatori avevano in precedenza in Cina è stata ora sostituita dal gas naturale degli Stati Uniti”.

Il mining di bitcoin è ancora in piena espansione negli Stati Uniti. Secondo lo studio, molti minatori di bitcoin statunitensi funzionano con gas naturale e carbone. Kentucky Ora offre sussidi ai minatori di criptovalute, che stanno cercando di attirare affari nell’industria del carbone dello stato.
Il Kazakistan ha È diventato anche una destinazione per i minatori di bitcoin. Secondo lo studio, la rete elettrica del Paese si basa sul carbon fossile, che è più inquinante del carbone utilizzato in Cina.

L’energia idroelettrica dietro l’estrazione di bitcoin in Cina è stata spesso ostacolata dai sostenitori delle criptovalute per confutare le critiche sull’impatto ambientale della tecnologia.

A maggio Coinbase – uno dei più grandi exchange di criptovalute – ha pubblicato “controllo di realtàCitando le centrali idroelettriche in Cina nel tentativo di minare l’idea del contributo di Bitcoin al cambiamento climatico.

Coinbase non ha risposto alle domande della CNN sul fatto che si stia attenendo a un controllo dei fatti alla luce della repressione della criptovaluta da parte della Cina, ma ha affermato in una dichiarazione che ritiene che “l’industria stia innovando a un ritmo incoraggiante per risolvere queste sfide… la comunità -il cambiamento guidato è possibile e le criptovalute possono essere una parte”. piuttosto che combattere il cambiamento climatico se ci uniamo per risolvere queste sfide”.

READ  I dati economici cinesi suggeriscono un costo strategico zero-Covid