Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Blinken cerca una sospensione temporanea della guerra a Gaza, con le forze israeliane che annunciano la loro avanzata

Blinken cerca una sospensione temporanea della guerra a Gaza, con le forze israeliane che annunciano la loro avanzata
  • Gli ultimi sviluppi:
  • Lo ha detto il portavoce dell’esercito israeliano, l’ammiraglio Daniel Hagari
  • Le forze affermano che stanno assediando Gaza City, distruggendo le infrastrutture di Hamas sopra e sotto terra e uccidendo attivisti
  • Il primo ministro irlandese Leo Varadkar afferma che Israele ha il diritto di difendersi e attaccare Hamas, ma anche l’attacco a Gaza sembra trasformarsi in una “ritorsione”.

GAZA/GERUSALEMME (Reuters) – Il segretario di Stato americano Antony Blinken incontrerà venerdì i leader israeliani per sollecitare una tregua umanitaria nella guerra di Gaza mentre le forze israeliane circondano la più grande città dell’enclave palestinese, centro della loro campagna per eliminare Hamas. .

Le forze israeliane hanno bombardato la Striscia di Gaza da terra, mare e aria per tutta la notte, nel mezzo della preoccupazione globale per la scarsità di servizi medici, il collasso dei servizi medici e l’alto numero di vittime civili.

Hamas e il suo alleato, il movimento della Jihad islamica, hanno affermato che i loro combattenti hanno fatto esplodere ordigni esplosivi sulle forze che avanzavano, hanno lanciato granate dai droni e hanno sparato colpi di mortaio e missili anticarro in una feroce guerra urbana attorno agli edifici distrutti e ai mucchi di macerie nella città di Gaza.

Blinken, alla sua seconda visita in Israele nel giro di un mese, discuterà con il primo ministro Benjamin Netanyahu le misure per ridurre i danni ai civili nella Striscia di Gaza governata da Hamas, dove cibo, carburante, acqua e medicine stanno finendo e gli edifici sono crollati. stati rasi al suolo e dove cibo, carburante, acqua e medicine stanno finendo. Migliaia di persone sono fuggite dalle proprie case per sfuggire ai continui bombardamenti.

La Casa Bianca ha affermato che qualsiasi cessazione dei combattimenti dovrebbe essere temporanea e locale. Ha respinto le richieste dei paesi arabi e di molti altri paesi per un cessate il fuoco completo nella guerra, che è entrata nel suo ventottesimo giorno.

Le autorità sanitarie di Gaza affermano che almeno 9.061 persone – molte delle quali donne e bambini – sono state uccise da quando Israele ha iniziato l’assalto all’enclave di 2,3 milioni di abitanti in risposta agli attacchi mortali dei militanti di Hamas nel sud di Israele.

READ  Scontri tra Corea del Sud e Cina per lo scudo missilistico Usa, complicando la riconciliazione

Israele afferma che il movimento Hamas, sostenuto dall’Iran, ha ucciso 1.400 persone, la maggior parte delle quali civili, e ha preso più di 240 ostaggi negli attacchi del 7 ottobre, il giorno più sanguinoso dei suoi 75 anni di storia.

Circondato

L’esercito israeliano ha affermato che i suoi aerei da guerra, l’artiglieria e le forze navali hanno bombardato obiettivi di Hamas durante la notte, uccidendo numerosi attivisti, tra cui Mustafa Dalloul, un comandante di Hamas che ha affermato di aver diretto i combattimenti a Gaza. Non c’è stata alcuna conferma immediata da parte di Hamas.

Il portavoce militare, l’ammiraglio Daniel Hajary, ha detto che Gaza City, tradizionale roccaforte di Hamas, è sotto assedio. In una conferenza stampa ha aggiunto: “I soldati avanzano nelle battaglie, durante le quali distruggono le infrastrutture terroristiche sopra e sotto terra ed eliminano i terroristi”.

Ha aggiunto che durante la notte sono stati trovati grandi depositi di armi, dispositivi di protezione, apparecchiature di comunicazione e mappe.

In un attacco aereo israeliano su Khan Yunis nel sud di Gaza, un giornalista locale che lavorava per la televisione statale palestinese e almeno nove membri della sua famiglia sono stati uccisi nella loro casa, hanno detto i suoi parenti e funzionari sanitari.

In una delle critiche più forti rivolte a Israele da parte di un leader europeo, il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha affermato che Israele ha il diritto di difendersi e perseguire Hamas, ma anche l’attacco a Gaza sembra trasformarsi in una “vendetta”.

Gli Emirati Arabi Uniti, uno dei pochi paesi arabi con relazioni diplomatiche con Israele, hanno dichiarato venerdì che stanno lavorando “senza sosta” per un cessate il fuoco immediato, avvertendo che il rischio di ricadute regionali e di ulteriore escalation è reale.

Israele ha respinto queste richieste, affermando che stava prendendo di mira i combattenti di Hamas, che accusa di nascondersi deliberatamente tra i residenti e gli edifici civili.

Sabato Blinken incontrerà il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi ad Amman. Al-Safadi ha affermato in un comunicato che Israele deve porre fine alla guerra contro Gaza, poiché ha affermato che sta commettendo crimini di guerra bombardando civili e imponendo il blocco.

L’esercito israeliano ha affermato che le sue forze e i suoi carri armati hanno incontrato mine e trappole esplosive mentre avanzavano verso Gaza. I combattenti di Hamas utilizzavano una vasta rete di tunnel sotterranei per lanciare attacchi mordi e fuggi.

Israele afferma di aver perso 23 soldati nell’attacco.

Abu Ubaida, portavoce del braccio armato di Hamas, ha detto in un discorso televisivo che il numero di morti israeliani a Gaza è molto più alto. Ha detto: “I tuoi soldati torneranno con borse nere”.

Due funzionari statunitensi, parlando in condizione di anonimato, hanno detto che gli Stati Uniti stavano facendo volare droni per la raccolta di informazioni su Gaza per aiutare a localizzare gli ostaggi.

Transito

Venerdì è prevista l’apertura del valico di Rafah da Gaza all’Egitto per un terzo giorno di evacuazioni limitate in base a un accordo mediato dal Qatar volto a consentire ad alcuni titolari di passaporto straniero, alle loro famiglie e ad alcuni abitanti di Gaza feriti di uscire dalla Striscia.

Secondo le autorità di frontiera, nei due giorni precedenti più di 700 cittadini stranieri erano partiti per l’Egitto via Rafah. Era previsto l’attraversamento anche di dozzine di palestinesi gravemente feriti. Israele ha chiesto ai paesi stranieri di inviare loro navi ospedale.

Israele ha anche rimpatriato a Gaza, attraverso il valico di Kerem Shalom, nel sud, circa 7.000 palestinesi che lavoravano in Israele e in Cisgiordania prima del 7 ottobre. I lavoratori hanno affermato di essere stati detenuti e maltrattati dalle autorità israeliane.

READ  INS Vikrant accoglie a bordo il primo primo ministro degli esteri

Coloro che vivono a Gaza City e nel nord dovranno trovare rifugio altrove perché le forze israeliane hanno tagliato le strade.

Il portavoce israeliano Hajari ha detto che Israele è “pienamente preparato” anche al confine settentrionale con il Libano, dove ha detto che i militanti sostenuti dall’Iran stanno portando avanti operazioni volte a distrarlo dalla guerra a Gaza.

I palestinesi assediati a Gaza City hanno espresso la speranza che venga presto raggiunta una tregua.

Ha chiesto: “Il mondo sta aspettando che Israele massacri centinaia di migliaia di persone che si rifiutano di lasciare le loro case e la cui unica colpa è di non voler lasciare il loro paese?” Uno ha detto.

(Segnalazione di Nidal al-Mughrabi a Gaza, Ali Sawafta a Ramallah, Dan Williams, Emily Rose, Mittal Angel a Gerusalemme, Clauda Tanios a Dubai, Patricia Zengerle, Phil Stewart e Idris Ali a Washington – Preparato da Nidal al-Mughrabi a Gaza ) Report aggiuntivi dagli uffici Reuters in tutto il mondo; Scrittura di Michael Perry e Angus McSwan, montaggio di Miral Fahmy e Andrew Cawthorne

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Un corrispondente senior con quasi 25 anni di esperienza nel coprire il conflitto israelo-palestinese, comprese diverse guerre e la firma del primo storico accordo di pace tra le due parti.

Un reporter nominato a un premio che copre eventi ad alto impatto nel settore delle soft commodity e delle materie prime agricole in generale, analizzando le tendenze del settore e rivelando gli sviluppi che muovono il mercato. Il lavoro ha incluso storie investigative che influiscono sul mercato sui flussi commerciali delle materie prime, sulle strategie aziendali, sulla povertà degli agricoltori, sulla sostenibilità, sul cambiamento climatico e sulla politica governativa.