Dicembre 5, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Brilliant Stars’: l’American Song Contest sta per battere l’Eurovision? | Eurovisione

Negli ultimi dieci anni circa, il Eurovisione The Song Contest aveva trasceso la sua ridicola reputazione, diventando una forza cerimoniale così grande che gli imitatori erano destinati ad arrivare a un certo punto. E questo mese verrà lanciato il più grande imitatore del mondo di sempre. Esatto, lascia il posto all’American Song Contest.

A partire da due settimane, l’American Song Contest vedrà artisti di tutti i 50 stati degli Stati Uniti, oltre a cinque territori degli Stati Uniti e Washington DC riunirsi per cantare materiale originale e competere per il premio che verrà assegnato a maggio.

Tuttavia, a differenza della prima Eurovision, che si tenne nel 1956, con così pochi partecipanti che ogni paese doveva cantare due canzoni, l’American Song Contest vuole iniziare con il botto. Finché riesci a mantenere una certa prospettiva (dopotutto, nessuno ai vertici della carriera rischierebbe una competizione canora televisiva) il suo elenco è ricco di stelle.

Lo spettacolo stesso sarà ospitato da Snoop Dogg e Kelly Clarkson e la raccolta include molto lavoro che ha già una propria pagina Wikipedia. Joel rappresenta l’Alaska, Cisco rappresenta il Maryland, Maisie Grey rappresenta l’Ohio e Michael Bolton rappresenta il Connecticut. Non sorprende che artisti di questo lignaggio siano disposti a rinunciare a tutto per l’American Song Contest – Michael Bolton è stato recentemente assunto per cantare sciocche cover di uno spettacolo di appuntamenti – ma è un segno che gli organizzatori lo stanno prendendo sul serio.

Naturalmente, il fatto di conoscere i nomi di queste persone non garantisce alcun tipo di successo. Il Regno Unito ha passato anni a lanciare grandi star nell’Eurovision e tutto questo ha cementato l’idea che il riconoscimento del nome non è la chiave magica che potresti pensare. Bleu ha provato a vincere una volta senza riuscirci, così come Bonnie Tyler ed Engelbert Humperdinck. E ogni anno venivano picchiati da un artista meno noto che arrivava al concorso armato di una canzone molto migliore.

READ  Gli spettatori di Thor: Love and Thunder Marvel hanno esortato ad aggiungere un avvertimento sulla storia del cancro

Questo, dopotutto, è ciò che le competizioni, sia europee che americane, sono incentrate. Non importa chi sei o quanti dischi hai venduto. Raccogli una canzone innegabile e vincerai.

La domanda più grande è se l’American Song Contest sarà o meno una partita dell’Eurovision. La mia sensazione istintiva è che non accadrà. In termini di cultura, l’Europa è ovunque e ciò che la rende così speciale è che permette a tutti questi gusti, lingue e atteggiamenti diversi di entrare in conflitto. Guardare Eurovision significa scavare in una complessa rete di lealtà distorte, voti politici e punti focali culturali locali che spesso non si traducono come desidera l’artista. Ma, con un paese che in realtà costituisce così tanto degli Stati Uniti, possiamo probabilmente aspettarci di vedere molta meno diversità sociale.

Naturalmente, ciò potrebbe non accadere. Come l’Eurovision, l’American Song Contest può ridisegnare i confini della rivalità geografica in un modo che lacera le squame di molte vecchie ferite. Se ciò accade, potrebbe anche essere utile spiegare gli Stati Uniti al mondo, il che non sarebbe una brutta cosa.

In effetti, potresti dire che è proprio il momento giusto per scatenare la concorrenza americana nel mondo. Dopotutto, Eurovision è stata originariamente progettata per aiutare il continente colpito a creare un nuovo senso di armonia dopo la guerra, dimostrando che i nostri vicini non sono così lontani da noi come pensavamo. Era, francamente, un modo per riunirci tutti. E se ci volesse Michael Bolton per lanciare qualche vecchia spazzatura in TV per fare lo stesso per l’America, sarebbero tutti soldi ben spesi.