Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

C’è una “città perduta” nelle profondità dell’oceano, ed è diversa da qualsiasi cosa abbiamo mai visto: ScienceAlert

C’è una “città perduta” nelle profondità dell’oceano, ed è diversa da qualsiasi cosa abbiamo mai visto: ScienceAlert

Vicino alla sommità di una montagna sottomarina a ovest della dorsale medio atlantica, un paesaggio frastagliato di torri si erge dall’oscurità.

Le sue pareti e pilastri di carbonio cremoso appaiono di un blu spettrale alla luce di un veicolo telecomandato inviato in esplorazione.

Variano in altezza da Piccoli tumuli delle dimensioni di una rana in un grande monolite È alto 60 metri (quasi 200 piedi). Questa è la città perduta.

Un’auto telecomandata evidenzia le torri della città perduta. (D. Kelley/UW/URI-IAO/NOAA).

Scoperto dagli scienziati nel 2000, più di 700 metri (2.300 piedi) sotto la superficie, Il campo idrotermale di Lost City è l’ambiente di sfogo più lungo conosciuto nell’oceano. Non è stato trovato nient’altro di simile.

Per almeno 120.000 anni e forse più, il mantello di risalita in questa parte del mondo ha interagito con l’acqua di mare per emettere idrogeno, metano e altri gas disciolti nell’oceano.

Nelle crepe e fessure delle prese d’aria, gli idrocarburi alimentano nuove comunità microbiche anche in assenza di ossigeno.

Batteri su una colonna di calcite.
Stringhe di batteri vivono sulle prese d’aria della calcite nella Città Perduta. (Università di Washington/CC BY 3.0).

I camini rilasciano gas fino a 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit) Ospita un’abbondanza di lumache e crostacei. Animali di grandi dimensioni come granchi, gamberetti, ricci di mare e anguille sono rari, ma esistono ancora.

Nonostante la natura aspra dell’ambiente, sembra brulicare di vita e i ricercatori ritengono che meriti la nostra attenzione e protezione.

Mentre altri campi idrotermali come questo possono esistere altrove negli oceani del mondo, questo è l’unico rover telecomandato che sono riuscito a trovare finora.

Gli idrocarburi prodotti dalle prese d’aria di Lost City non si sono formati dall’anidride carbonica atmosferica o dalla luce solare, ma attraverso reazioni chimiche sul fondo del mare profondo.

READ  Gli scienziati hanno trovato un punto caldo sul lato più lontano della luna

Poiché gli idrocarburi sono i mattoni della vita, ciò lascia aperta la possibilità che la vita abbia origine in un habitat come questo. E non solo sul nostro pianeta.

“Questo è un esempio del tipo di ecosistema che potrebbe essere attivo su Encelado o Europa in questo momento”, ha detto il microbiologo William Brazelton. Raccontare Smithsoniano Nel 2018, con riferimento alle lune di Saturno e Giove.

E forse Marte Nel passato.”

In contrasto con le cosiddette prese d’aria vulcaniche sottomarine Fumatori neriche è stato anche nominato come possibile primo habitat, l’ecosistema di Lost City non dipende dal calore del magma.

I fumatori neri producono principalmente minerali ricchi di ferro e zolfo, mentre i fumatori di città perdute producono minerali ricchi di ferro e zolfo fino a 100 volte Più idrogeno e metano.

Le prese d’aria di calcite nella Città Perduta sono anche molto più grandi dei fumatori neri, indicando che sono state attive per un periodo più lungo.

Lungo sfogo della città perduta
Camino alto nove metri nella Città Perduta. (Istituto oceanografico dell’Università di Washington/Woods Hole).

Il monolite più alto si chiama Poseidone, dal nome del dio greco del mare, e si estende per oltre 60 metri di altezza.

Nel frattempo, a nord-est della torre c’è un lato in discesa con brevi periodi di attività. Ricercatori dell’Università di Washington Descrivere Le prese d’aria qui “piangono” con fluidi per produrre “grappoli di minuscole escrescenze di policheti che si estendono verso l’esterno come le dita di due mani girate”.

Sfortunatamente, gli scienziati non sono gli unici colpiti da questo insolito terreno.

Nel 2018 è stato annunciato che la Polonia ha vinto i diritti Per minare il mare profondo intorno alla città perduta. Sebbene non ci siano risorse preziose dragate nel campo termico vero e proprio, la distruzione delle aree intorno alla città potrebbe avere conseguenze indesiderate.

Gli scienziati hanno avvertito che eventuali pennacchi o scarichi causati dall’estrazione mineraria potrebbero facilmente spazzare via il magnifico habitat.

READ  SpaceX punta alla prossima finestra di lancio di Starlink per lunedì sera a Cape Town

Quindi alcuni esperti richiede La Città Perduta sarà elencata come Patrimonio dell’Umanità, per proteggere le meraviglie naturali prima che sia troppo tardi.

Per decine di migliaia di anni, la Città Perduta è stata una testimonianza dell’eterna forza vitale.

Sarebbe da noi solo distruggerlo.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nell’agosto 2022.