Novembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Combattimenti di strada, bombardamenti continui mentre la Russia spinge per il controllo del Donbass ucraino

Combattimenti di strada, bombardamenti continui mentre la Russia spinge per il controllo del Donbass ucraino
  • Feroci combattimenti di strada per una grande città industriale orientale
  • Le forze ucraine sono in inferiorità numerica, Zelensky non si arrende
  • Il fronte orientale è sotto costante bombardamento
  • Sforzi per evacuare migliaia di persone

Kiev (Reuters) – Le forze ucraine si sono impegnate in aspri combattimenti di strada con i soldati russi nella città industriale di Severodonetsk, mentre altre città sono state oggetto di continui bombardamenti, poiché il Cremlino ha spinto per il controllo della regione orientale del Donbass.

Severodonetsk divenne l’obiettivo principale dell’offensiva russa nel Donbass, che comprende le province di Luhansk e Donetsk, dove l’invasione continua in una guerra di logoramento che ha distrutto le città con proiettili di artiglieria.

“In città, continuano aspri combattimenti nelle strade”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo discorso video notturno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Sono più numerosi di noi e sono più forti”, ha detto Zelensky ai giornalisti in una conferenza stampa. Ma ha aggiunto che le forze ucraine avevano “ogni opportunità” per rispondere.

Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che anche la Russia ha lanciato truppe ed equipaggiamento nel suo tentativo di impadronirsi della più grande città di Luhansk, controllata dall’Ucraina.

Il governatore di Luhansk Serhiy Gaidai ha dichiarato lunedì che la situazione è peggiorata dopo che i difensori ucraini hanno estromesso i russi durante il fine settimana poiché sembravano vicini alla vittoria.

L’esercito ucraino ha dichiarato nel suo aggiornamento notturno che lunedì i civili sono stati uccisi nei bombardamenti russi nelle regioni di Donetsk e Luhansk e che le forze russe hanno sparato su più di 20 città.

READ  Rapporto: la città olandese potrebbe vietare la pubblicità della carne in pubblico a causa del cambiamento climatico

Lo stato maggiore ucraino ha dichiarato martedì che oltre ai bombardamenti di artiglieria, il nemico è stato lanciato da aerei ed elicotteri nella regione di Donetsk.

La Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente i rapporti sul campo di battaglia. La Russia nega di prendere di mira i civili nel conflitto.

La Russia afferma di essere in missione per “liberare” il Donbass – che è stato in parte controllato dai delegati separatisti di Mosca dal 2014 – dopo che le forze ucraine hanno spinto le loro forze dalla capitale, Kiev, e dalla seconda città dell’Ucraina, Kharkiv, nelle prime fasi del guerra.

La Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, ma ha descritto la sua mossa come una “operazione militare speciale” per eliminare quelle che vede come minacce alla sua sicurezza. L’Ucraina ei suoi alleati occidentali lo descrivono come una scusa infondata per lanciare una guerra per impadronirsi del territorio che potrebbe trasformarsi in un conflitto europeo più ampio.

copertura fissa

Lunedì, il ministero della Difesa ucraino ha affermato che anche le forze russe stavano avanzando verso Slovinsk, che si trova a circa 85 km a ovest di Severodonetsk.

“La prima linea è sotto costante bombardamento”, ha detto alla televisione ucraina il governatore della regione di Donetsk, Pavlo Kirilenko.

“Il nemico sta bombardando anche vicino a Lyman con l’obiettivo di distruggere le nostre posizioni difensive e avanzare verso Sloviansk e Kramatorsk. Ci sono bombardamenti su Svyatorsk con lo stesso scopo”, ha aggiunto.

Kirilenko ha affermato che sono in corso sforzi per evacuare le persone da diverse città, alcune delle quali sono sotto attacco giorno e notte, tra cui Sloviansk, dove ci sono ancora circa 24.000 residenti.

READ  L'Ucraina afferma che le forze russe si sono ritirate in una città chiave nell'est del paese

“La gente ora capisce, anche se è tardi, che è ora di partire”, ha detto.

Martedì il ministero della Difesa britannico ha dichiarato su Twitter che il piano più ampio della Russia continuerà probabilmente a isolare la regione di Severodonetsk sia dal nord che dal sud.

I progressi della Russia fino a maggio sull’asse meridionale di Bubasna si sono bloccati nell’ultima settimana, ha affermato il ministero, mentre i rapporti di pesanti bombardamenti vicino a Izyum indicano che la Russia si sta preparando per rinnovati sforzi sull’asse settentrionale.

“È quasi certo che la Russia dovrà realizzare una svolta in almeno uno di questi assi per tradurre i guadagni tattici in successo operativo e fare progressi verso il suo obiettivo politico di controllare tutta l’Oblast’ di Donetsk”, si legge nella dichiarazione.

La Reuters non è stata immediatamente in grado di verificare il rapporto del ministero.

In una mossa coordinata con gli Stati Uniti, la Gran Bretagna ha affermato che fornirà all’Ucraina sistemi missilistici di lancio multipli in grado di colpire obiettivi a 80 chilometri (50 miglia) di distanza, fornendo una potenza di fuoco più precisa e a lungo raggio per raggiungere le batterie di artiglieria russe. . Leggi di più

Zelensky ha affermato che Kiev stava gradualmente ricevendo “sistemi antinave specifici” e che questo sarebbe il modo migliore per porre fine al blocco russo dei porti ucraini sul Mar Nero che impedisce le esportazioni di grano.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che Mosca risponderà alle spedizioni occidentali di armi a lungo raggio spingendo le forze ucraine lontano dai confini della Russia.

READ  I turisti americani multati per aver vandalizzato le scale spagnole con le moto

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato domenica che la Russia avrebbe raggiunto nuovi obiettivi se l’Occidente avesse fornito missili a lungo raggio. Lo stesso giorno, i missili russi hanno colpito Kiev per la prima volta in più di un mese.

Gli Stati Uniti, che hanno riaperto la loro ambasciata a Kiev a maggio dopo una chiusura di quasi tre mesi, hanno affermato che lo stato della loro ambasciata nella capitale ucraina non è cambiato.

I paesi occidentali hanno imposto sanzioni ampie e severe senza precedenti alla Russia a causa della sua invasione.

Lunedì, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato di aver imposto sanzioni personali a 61 funzionari statunitensi, inclusi i segretari del tesoro e dell’energia, e alti dirigenti della difesa e dei media. Ha aggiunto che la mossa è arrivata in risposta alla “continua espansione delle sanzioni statunitensi”. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Reuters. scrittura di Michael Berry; A cura di Himani Sarkar

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.