Luglio 19, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi in Sudan: l’ultimo volo di evacuazione del Regno Unito interrompe i soccorsi

Crisi in Sudan: l’ultimo volo di evacuazione del Regno Unito interrompe i soccorsi
  • Scritto da Paul Adams e Charlie Adams
  • Giornalista diplomatico

fonte dell’immagine, Ministero della Difesa britannico

didascalia foto,

Il governo ha detto che 1.888 britannici sono stati salvati dal Sudan

Un ministro del governo ha affermato che l’evacuazione delle persone dal Sudan ha avuto “molto successo”, poiché il Regno Unito ha completato l’evacuazione.

Il ministero degli Esteri ha detto che l’ultimo volo ha lasciato la capitale, Khartoum, alle 22:00 ora locale (21:00 GMT) di sabato.

“Non possiamo restare lì per sempre in queste condizioni pericolose”, ha detto il ministro degli Esteri Andrew Mitchell.

Un cessate il fuoco di 72 ore è crollato sabato mentre le fazioni armate intensificavano la loro battaglia per il controllo della capitale.

Bombardieri e artiglieria pesante stanno prendendo di mira parti di Khartoum, mentre l’esercito sudanese ha affermato di attaccare la città in tutte le direzioni per cercare di espellere le forze paramilitari di supporto rapido.

Decine di migliaia di persone sono fuggite dal paese da quando i combattimenti hanno colpito il Sudan due settimane fa.

Si ritiene che il bilancio delle vittime sia molto più alto dell’ultima cifra ufficiale di 459 e le Nazioni Unite temono che centinaia di migliaia potrebbero essere sfollati se il conflitto continua.

Altri paesi hanno evacuato freneticamente i propri cittadini, mentre alcuni sono fuggiti attraverso rotte non ufficiali in barca e autobus.

Il governo britannico ha affermato che 1.888 persone sono state evacuate su 21 voli e che “non operava più voli di evacuazione”.

Il governo del Regno Unito, che ha iniziato le evacuazioni martedì scorso, è stato criticato per non aver risposto abbastanza rapidamente per aiutare i suoi cittadini dopo aver avviato il ponte aereo dopo che altri paesi europei ne avevano salvati centinaia.

Ha anche subito pressioni per evacuare solo i cittadini britannici ed escludere i medici del SSN, ma in seguito ha fatto un’inversione a U e ha deciso di lasciarli salire a bordo dei voli.

didascalia foto,

I cittadini britannici sono stati evacuati a Cipro prima di recarsi nel Regno Unito

Lo scorso fine settimana, le forze speciali sono state inviate per evacuare i diplomatici britannici da Khartoum dopo che sono scoppiati i combattimenti intorno all’ambasciata, ma i titolari di passaporto britannico sono stati salvati solo pochi giorni dopo.

Parlando alla BBC a Nairobi, Mitchell ha detto che i voli di evacuazione erano giusti.

Ha detto alla BBC: “Non credo che ci sia un solo britannico a Khartoum che non sia a conoscenza dell’evacuazione e l’afflusso di persone che arrivano all’aeroporto indica che questo è vero”.

spiegare il video,

Testimone: Il bambino incontra suo padre per la prima volta dopo essere stato evacuato dal Sudan nel Regno Unito

Ha detto che il governo del Regno Unito “sta esaminando ogni opzione individualmente per aiutare i cittadini britannici coinvolti in questa terribile crisi”.

Ha aggiunto di essere preoccupato che la situazione possa diventare “incredibilmente pericolosa” a meno che non ci sia un cessate il fuoco permanente.

Ha detto: “L’intero sistema internazionale sta cercando modi per fermare questo combattimento, e dopotutto sono due generali che lo stanno estromettendo per il potere”.

Un portavoce del Ministero degli Esteri ha affermato che l’evacuazione del Regno Unito dal Sudan è stata “la più grande di qualsiasi paese occidentale”.

Milioni di persone sono ancora intrappolate a Khartoum, dove si soffre per la scarsità di cibo, acqua e carburante.

fonte dell’immagine, Ministero della Difesa britannico

didascalia foto,

Le famiglie sono riuscite a fuggire dal Sudan devastato dalla guerra con il sostegno dell’esercito britannico.

A più di 20 medici del NHS è stato inizialmente detto che non potevano imbarcarsi sui voli perché non erano cittadini britannici, nonostante avessero permessi di lavoro nel Regno Unito.

Il cambiamento di opinione è arrivato dopo che la difficile situazione del medico sudanese, il dottor Abdul Rahman Babiker, è diventata evidente. Era in Sudan in visita ai parenti per l’Eid quando sono scoppiati i combattimenti.

All’inizio gli è stato rifiutato un posto su un volo di evacuazione britannico, ma dopo la copertura mediatica e il contatto con il parlamentare, i criteri sono stati ampliati e gli è stato permesso di unirsi. Atterrato nel Regno Unito sabato pomeriggio.