Settembre 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Disastro’: 15 vittime di incendi piangono al servizio del Bronx

Dopo le 10 di domenica, una fila di veicoli neri ha iniziato a sfilare fuori dalle porte del Centro culturale islamico nel Bronx. Hanno manovrato folle di persone in lutto che si erano radunate presso la moschea per dire l’ultimo addio ad amici, bambini, genitori e parenti uccisi in un incendio che ha ucciso 17 membri della vicina comunità gambiana.

All’interno della casa, mentre gli uomini si radunavano al piano di sotto, le donne si dicevano consolazione nel luogo di preghiera al secondo piano. Fuori, le due tende traboccano di famiglie e centinaia di vicini.

Aminata Silla, 42 anni, era arrivata in anticipo. Appoggiò il tappeto blu da preghiera sul pavimento nell’aria fredda del mattino e si infilò le scarpe con entusiasmo.

Sua zia, Fatumata Drammeh, Uno dei morti in un incendio con una stufa elettrica il 9 gennaio e un forte fumo ha riempito il condominio sulla 181esima strada est. Era L’incendio più mortale della città Tra decenni.

Tre dei figli della signora Trammy e altri 15 sono stati onorati degli otto bambini morti durante i funerali pubblici di domenica.

“Sono devastata”, la sig. disse Silla.

La folla era così fitta e la moschea era piena di lutto che l’Imam ha dovuto gridare ancora e ancora al microfono, chiedendo alla gente di sgombrare la strada alle bare e ricordando alla gente i pericoli degli incendi. Al primo piano, il dolore maschile premeva contro le pareti.

Quindi entrarono 15 bare, ricoperte da un panno di velluto nero, e furono sollevate più di due dozzine di uomini. C’era un ricamo d’oro diverso sul bordo di ciascuno. Sei delle bare degli adulti sono molto piccole.

READ  Il dollaro brillava per i timori che le azioni asiatiche sarebbero crollate e l'inflazione sarebbe esplosa

Haji Tukure sospirò mentre i suoi occhi si gonfiavano mentre abbassava lentamente qualcuno a terra. Aveva perso sua moglie Haja; Suo nipote, Haji; E i loro tre figli piccoli, Fatumata, 5; Mariam, 11; E Mustafa, 12.

“Questa innocenza, questi bambini piccoli”, Mr. Dukuray, 60 anni, ha detto. “Non hanno lavoro essendo qui.”

Funzionari eletti, incluso il sindaco Eric Adams; il procuratore generale dello stato, Letidia James; E il senatore Chuck Schumer sedeva nella prima fila delle urne al funerale gremito.

Lo sceicco Musa Tramme, il capo del Centro culturale islamico, non ha frenato la sua rabbia e la sua voce si è alzata bruscamente mentre pronunciava loro le sue parole.

“Se queste persone avessero vissuto a Midtown Manhattan, questo non sarebbe successo. Non avrebbero avuto bisogno di stufe. Le circostanze in cui vivevano nel Bronx hanno portato alla loro morte”, ha detto, rivolgendosi agli ufficiali e aggiungendo: “Mr Mayer, ha sentito? Ha sentito, signor Schumer?”

“Siamo il numero uno per tutto ciò che è brutto”, ha detto al Bronx, e la folla ha acconsentito ad alta voce. “Non realizzeranno mai il sogno americano perché hanno vissuto nel Bronx. Le loro famiglie non li vedranno mai più perché hanno vissuto nel Bronx. Oggi stiamo facendo questo funerale perché hanno vissuto nel Bronx.

Sig. Adams si è alzato e ha detto che ha il suo impegno come sindaco per sostenere le famiglie.

“Quello che sta succedendo qui nel Bronx è quello che sta succedendo in tutta la nostra città, dove ci sono comunità di neri, marroni e immigrati”, ha detto. “È ora di porre fine a queste disuguaglianze, in modo che i nostri figli e le nostre famiglie non siano distrutte dalla tragedia. Il sogno americano di molti è stato bruciato in quel fuoco.

READ  Perché alla Russia piace così tanto l'area del Donbass?

Quando il servizio ha avuto luogo, il governatore Kathy Hochul ha annunciato 2 milioni di dollari in finanziamenti governativi per aiutare gli inquilini a sostituire gli effetti personali persi o danneggiati e l’affitto, il trasferimento e la perdita di reddito a causa della morte di un membro della famiglia.

Durante il servizio, l’Imam Musa Kabba ha detto di aver lottato per controllare le sue emozioni mentre i nomi delle famiglie devastate dall’incendio: Dukuray, Drammeh, Jambang, Konteh, Tungara, Toure.

“Quando il Signore chiede qualcosa, non c’è altra scelta che essere d’accordo”, ha detto, “cercando di controllarmi”.

I membri della famiglia iniziarono a piangere piano.

“Il mio cuore è finito”, ha detto Yahya Sankara, 33 anni, che ha perso sua sorella e due nipoti.