Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Faith Ringgold, pioniera artista e autrice di quilt neri, muore a 93 anni

Faith Ringgold, pioniera artista e autrice di quilt neri, muore a 93 anni

NEW YORK (AP) – Faith Ringgold, la pluripremiata autrice e artista che ha infranto le barriere per le artiste donne nere ed è diventata famosa per le sue trapunte ricche di colori e dettagliate che combinavano disegno, tessuti e narrazione, è morta. Aveva 93 anni.

Ringgold è morta venerdì sera nella sua casa di Englewood, nel New Jersey, ha detto all'Associated Press l'assistente dell'artista, Grace Matthews. Matthews ha detto che Ringgold stava peggiorando di salute.

Le opere d'arte profondamente personali di Ringgold si trovano in collezioni private e pubbliche in tutto il paese e all'estero, dallo Smithsonian's National Museum of American Art al Museum of Modern Art di New York e all'High Museum of Fine Arts di Atlanta. Ma la sua ascesa alla ribalta come artista nera non è stata facile in un mondo dell’arte dominato dagli uomini bianchi e in una cultura politica in cui gli uomini neri erano le principali voci a favore dei diritti civili. Nel 1971, Ringgold fondò il gruppo Where We Are Artists for Black Women e divenne un'attivista sociale, spesso protestando contro la mancanza di rappresentanza di artisti e donne neri nei musei americani.

“Sono diventata femminista perché disgustata dal modo in cui le donne vengono emarginate nel mondo dell’arte”. Lo ha detto al New York Times Nel 2019. “Ho iniziato a incorporare questa prospettiva nel mio lavoro, concentrandomi specificamente sulle donne nere come schiave e sul loro sfruttamento sessuale”.

Nel suo primo libro illustrato per bambini, “Tar Beach”, la vivace eroina vola sul ponte George Washington. Ha spiegato che la storia simboleggia l'autorealizzazione e la libertà delle donne di fronte a “questo enorme simbolo maschile: il ponte”.

READ  Al Pacino ripercorre il suo fantastico ruolo in Il Padrino

La storia è basata sulla sua trapunta narrativa con lo stesso nome che ora si trova nella collezione permanente del Museo Solomon R. Guggenheim di New York.

Sebbene i suoi lavori trattino spesso questioni di razza e genere, il suo stile folk è vibrante, ottimista e spensierato e spesso ricorda i suoi caldi ricordi della sua vita ad Harlem.

Ringgold ha introdotto il quilting nel suo lavoro negli anni '70 dopo aver visto dipinti tibetani ricamati chiamati thangka. L'hanno ispirata a creare bordi o cornici in tessuto patchwork con narrazioni scritte a mano attorno ai suoi dipinti acrilici. Nella sua storia del 1982 “Chi ha paura di zia Jemina”, Ringgold affrontò le lotte delle donne sovvertendo lo stereotipo della “madre” nera e raccontando la storia di una donna d'affari afroamericana di successo di nome Jemima Blakey.

“Zia Jemima ha la stessa connotazione negativa di zio Tom, semplicemente a causa del suo aspetto”, ha detto al New York Times in un'intervista del 1990.

Subito dopo, Ringgold ha prodotto una serie di 12 pannelli trapuntati intitolati “The French Collection”, intrecciando ancora una volta narrativa, autobiografia, riferimenti culturali afroamericani e arte occidentale.

Una delle opere della serie “Ballando al Louvre”, raffigura le figlie di Ringgold che ballano in un museo di Parigi, apparentemente ignare della “Gioconda” e di altri capolavori europei sulle pareti. In altre opere della serie, Ringgold raffigura giganti della cultura nera come il poeta Langston Hughes insieme a Pablo Picasso e altri maestri europei.

Tra le sue opere socialmente consapevoli c'è la “9/11 Peace Story Quilt” a tre pannelli, che Ringgold ha progettato e realizzato in collaborazione con gli studenti di New York City per celebrare il decimo anniversario degli attacchi dell'11 settembre. Ogni tabellone contiene 12 quadrati con immagini e parole che rispondono alla domanda “Cosa faresti per la pace?” È stato esposto al Metropolitan Museum of Art di New York.

READ  George RR Martin ha contratto il Covid-19 dopo il Comic-Con

Nel 2014, il suo film “Groovin High”, una rappresentazione di una sala da ballo vivace e affollata che evoca la famosa Savoy Ballroom di Harlem, è stato presentato su un cartellone pubblicitario lungo il parco High Line di New York City.

Ringgold realizzò anche una serie di opere pubbliche. I “Ritratti di persone”, composti da 52 mosaici di vetro individuali che rappresentano figure dello sport, dello spettacolo e della musica, adornano la stazione della metropolitana di Los Angeles Civic Center. “Flying Home: Harlem Heroes and Heroines” sono due murales a mosaico in una stazione della metropolitana di Harlem con figure come Dinah Washington, Sugar Ray Robinson e Malcolm X.

In uno dei suoi ultimi libri, “The Harlem Renaissance Party”, Ringgold presenta ai giovani lettori Hughes e altri artisti neri degli anni '20. Altri libri per bambini hanno caratterizzato Rosa Parks, The Rev. Martin Luther King Jr. e The Underground Railroad.

Ringgold è nata ad Harlem nel 1930, figlia di una sarta e stilista con la quale ha spesso collaborato. Ha frequentato il City College di New York dove ha conseguito la laurea e il master in arte. È stata professoressa d'arte presso l'Università della California, San Diego dal 1987 al 2002.

Il motto di Ringgold, pubblicato sul suo sito web, recita: “Se uno può, chiunque può, tutto quello che devi fare è provare”.