Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Firefox e Chrome superano le estensioni di blocco degli annunci

Firefox e Chrome superano le estensioni di blocco degli annunci

C’è una crescente divisione sulla quantità di spazio che i browser Internet dovrebbero lasciare per bloccare gli annunci pubblicitari e Chrome e Firefox sono finiti ai lati opposti della lotta.

Lo strappo si concentra su una funzionalità chiamata Richiesta Web, comunemente utilizzata nei blocchi degli annunci e cruciale per qualsiasi sistema che cerca di bloccare il dominio all’ingrosso. Google ha sempre avuto problemi di sicurezza sulla richiesta web e ha lavorato per escluderla dagli ultimi standard di estensione, Si chiama Manifesto V3O MV3 in breve. Ma, In un recente post sul blogMozilla ha spiegato che Firefox manterrà il supporto per Web Request, mantenendo la porta aperta per la forma più sofisticata di blocco degli annunci.

La strategia di Google è stata criticata dai sostenitori della privacy: l’Electronic Frontier Foundation lo ha fatto Era un vero e proprio avversario – Ma la società di ricerca non è stata interessata. Sebbene Firefox abbia una quota molto più piccola del mercato desktop rispetto a Chrome, potrebbe essere un’opportunità per il prodotto Mozilla di definirsi davvero. Per Google, tuttavia, l’adesione a MV3 avrà un impatto significativo sul ruolo generale di blocco degli annunci nel Web moderno.

Comprensione di Manifesto V3

Le modifiche in Manifest V3 fanno parte di una revisione pianificata della specifica del file manifest dell’estensione del browser Chrome, che definisce le autorizzazioni, le capacità e le risorse di sistema che un’estensione può utilizzare.

Sotto la specifica attualmente attiva – Manifest V2 – le estensioni del browser possono utilizzare un file . Funzionalità API chiamata richiesta web Per monitorare il traffico tra il browser e il sito web e per modificare o bloccare le richieste a determinati domini. L’esempio fornito da Google agli sviluppatori mostra uno script di estensione che impedisce al browser di inviare traffico a “evil.com”:

Richiesta Web è potente e flessibile e può essere utilizzata sia nel bene che nel male. Le estensioni di blocco degli annunci utilizzano questa funzione per bloccare il traffico in entrata e in uscita tra determinati domini e il browser dell’utente. In particolare, bloccano i domini che caricheranno annunci e smettono di inviare informazioni dal browser a qualsiasi file Migliaia di campi di tracciamento che raccoglie dati sugli utenti di Internet. Ma la stessa funzione può essere utilizzata in modo dannoso Dirotta le credenziali di accesso degli utenti o inserisci annunci aggiuntivi nelle pagine webche era la motivazione di Google per modificare il modo in cui funziona in Manifest V3.

In base alla nuova specifica, la versione di blocco è stata rimossa dall’API di richiesta Web e È stato sostituito da un’API chiamata net dichiarative order. Anziché monitorare tutti i dati in una richiesta di rete, la nuova API obbliga i produttori di estensioni a predefinire regole su come gestiscono determinati tipi di traffico, con l’estensione in grado di eseguire un insieme più ristretto di azioni quando la regola viene attivata. Per alcune estensioni, sembra che questo non sarà un problema: Adblock Plus, uno dei più popolari ad blocker, è apparso a favore delle modifiche MV3, anche se vale la pena notare che l’estensione ha Rapporto finanziario con Google. Tuttavia, altri potrebbero essere più colpiti.

READ  Il rilascio di Cyberpunk 2077 PS5 è probabile domani

Google ha presentato le modifiche come un vantaggio in termini di privacy, sicurezza e prestazioni, ma i critici lo vedono come un tentativo calcolato di limitare l’impatto del blocco degli annunci su un’azienda finanziata quasi interamente dagli annunci. (in limatura SECTuttavia, Google cita costantemente “tecnologie nuove ed esistenti che bloccano gli annunci online” come fattore di rischio che potrebbe influire sulle entrate.)

Ma i produttori di alcune estensioni di blocco degli annunci e di protezione della privacy hanno affermato che il cambiamento minerebbe l’efficacia dei loro prodotti. Jean-Paul Schmitz, CEO dell’estensione del browser incentrata sulla privacy Ghostery, ha preso un obiettivo speciale dell’applicazione da parte di Google dello standard MV3 alla luce dell’ultima versione dell’azienda. Dichiarazioni sulla protezione della privacy:

“Mentre Google sta portando in superficie il messaggio ‘privacy by design’, continua ad affermare il suo monopolio sull’intero ecosistema soffocando le società di privacy digitale che già lavorano per restituire agli utenti il ​​controllo sui propri dati”, ha affermato Schmitz. il bordo per e-mail.

L’estensione Ghostery è un ottimo esempio di un prodotto che potrebbe essere gravemente influenzato dalle modifiche a Google. Oltre a bloccare i contenuti pubblicitari, l’estensione analizza le comunicazioni tra un sito Web e il browser di un utente per cercare dati che possano inavvertitamente identificare un visitatore univoco del sito e sostituirlo con dati generali prima che il traffico di rete lasci il browser. Ciò richiede la possibilità di modificare il traffico web in movimento e, come tale, lo sarà gravemente ridotto a causa delle limitazioni MV3Come dicono gli sviluppatori.

Gli sviluppatori di ad blocker sono anche preoccupati che gli effetti di queste modifiche vadano ben oltre il browser Chrome. La specifica MV3 fa parte di cromo Enterprise, un browser Web open source creato da Google che costituisce la base non solo per Chrome ma anche per Microsoft Edge, il browser Opera leggero incentrato sulla privacy Brave, E tante altre cose. Poiché Chromium supporta questi progetti, i browser che dipendono da esso alla fine dovranno farlo Passa a Formato estensione MV3Le estensioni per questi browser non saranno più in grado di bloccare gli annunci utilizzando Web Request.

READ  AMD annuncia il chipset B650 Extreme per Ryzen 7000: PCIe 5.0 al mainstream

Mozilla respinge

In qualità di principale sviluppatore di Chromium, Google esercita un enorme potere su ciò che le estensioni del browser possono e non possono fare. Ciò differenzia i browser che non si affidano a Chromium, in particolare Firefox e Safari, perché hanno la possibilità di adottare un approccio diverso alla progettazione delle estensioni e ora sono in grado di distinguerli da un approccio più permissivo al blocco degli annunci.

Per motivi di compatibilità, Mozilla utilizzerà comunque la maggior parte dei file Dalla specifica Manifest V3 in Firefox in modo che le estensioni possano essere spostate da Chrome con modifiche minime. Ma, soprattutto, Firefox continuerà a supportare il blocco delle richieste web dopo che Google lo ha gradualmente eliminato, consentendo ai blocchi degli annunci più sofisticati di funzionare normalmente.

Nel giustificare questa decisione, Mozilla è stato chiaro nel riconoscere che la privacy è un valore fondamentale per le persone che utilizzano i suoi prodotti, ha affermato Marshall Irwin, Chief Security Officer. il bordo.

“Sappiamo che il blocco dei contenuti è importante per gli utenti di Firefox e vogliamo garantire che abbiano accesso ai migliori strumenti per la privacy disponibili”, ha affermato Erwin. “In Firefox, blocchiamo il monitoraggio per impostazione predefinita, ma consentiamo comunque il caricamento degli annunci nel browser. Se gli utenti desiderano eseguire il passaggio aggiuntivo del blocco completo degli annunci, riteniamo che sia importante abilitarli a farlo”.

Per quanto riguarda le affermazioni di Google sui vantaggi in termini di sicurezza delle sue modifiche MV3, Irwin ha affermato che i vantaggi immediati in termini di sicurezza derivanti dall’impedire il blocco delle richieste Web non erano “chiari” – soprattutto perché altre funzionalità non bloccanti di una richiesta Web sono state mantenute – e non sembravano effettuare riduzioni significative del potenziale di perdite di dati.

READ  Non mettere troppo in Marvel vs. Il nuovo sospetto Capcom 4

Indipendentemente da ciò, Google sembra essere sulla buona strada. Nonostante un’ondata di critiche da parte degli sviluppatori di blocco degli annunci, il portavoce di Google Scott Westover il bordo L’azienda supporta il divieto e ha lo scopo solo di limitare il tipo di dati che alcune estensioni possono raccogliere.

“Siamo entusiasti di vedere Mozilla supportare Manifest V3, che mira a rendere i componenti aggiuntivi più sicuri per tutti”, ha affermato Westover. Chrome supporta e continuerà a supportare i blocchi degli annunci. Stiamo cambiando il modo in cui funziona il blocco delle richieste di rete perché stiamo apportando modifiche fondamentali al funzionamento delle estensioni al fine di migliorare le funzionalità di sicurezza e privacy della nostra piattaforma di estensioni”.

Westover ha affermato, osservando che Google ha ricevuto feedback positivi sui cambiamenti da molti sviluppatori di estensioni di blocco dei contenuti il bordo Per lodare i creatori di Adblock Plus.

La posizione di Firefox sul blocco degli annunci probabilmente incoraggerà più utenti a passare al browser, che attualmente si stima sia un componente Meno dell’8% del mercato dei browser desktop Rispetto al 67 percento di Chrome. Una volta terminato il supporto per Manifest V2 a giugno 2023, le modifiche alle funzionalità diventeranno più visibili agli utenti di qualsiasi browser basato su Chromium. Fino ad allora, Mozilla sosterrà pazientemente il problema della privacy, anche se a volte devi approfondirlo in un blog di nicchia.