Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Funzionari statunitensi affermano che la Cina non ha ancora fornito armi alla Russia nella sua guerra con l’Ucraina

Commento

I massimi funzionari dell’amministrazione hanno detto domenica che non c’erano prove che la Cina avesse inviato un letale supporto militare alla Russia, un passo che Pechino starebbe prendendo in considerazione. La Cina è stata sorpresa dal costante sostegno mostrato dagli alleati dell’Ucraina e dalla scarsa prestazione militare della Russia sul campo di battaglia lo scorso anno, ha detto un alto funzionario statunitense.

Il consigliere per la sicurezza nazionale Jack Sullivan e il direttore della CIA William J. I commenti di Burns sono stati fatti durante apparizioni separate nei notiziari della domenica mattina.

Sullo “Stato dell’Unione” della CNN, Sullivan ha affermato che Washington continuerà a inviare “un messaggio forte” a Pechino contro la fornitura di aiuti militari a Mosca.

Copertura della guerra in Ucraina

Una tale mossa “sarebbe un terribile errore, e la Cina non vuole farne parte”, ha detto Sullivan. Ma, ha aggiunto, “In questo momento, la Cina non sta andando avanti, per quanto ne sappiamo. Non li vediamo farlo.

Su “Face the Nation” di CBS News, Burns ha affermato che l’intelligence statunitense “suggerisce” che la Cina stia “considerando” attrezzature militari pericolose per la Russia, confermando precedenti notizie, anche dal Washington Post. Ma ha aggiunto: “Non vediamo ancora una decisione definitiva e non vediamo prove di spedizioni effettive di attrezzature pericolose”.

Funzionari statunitensi affermano che la Cina sta valutando la possibilità di inviare proiettili di artiglieria alla Russia

Burns ha detto che sembra essere il presidente cinese Xi Jinping L’esercito russo, che avrebbe dovuto conquistare la capitale ucraina entro pochi giorni dall’invasione dello scorso anno, è rimasto sorpreso dalle debolezze e dal fermo sostegno dell’Occidente.

READ  Il Brasile accoglie con favore il ministro russo che sollecita la reazione degli Stati Uniti

Burns ha affermato che gli Stati Uniti ei loro alleati europei volevano “assorbire una certa quantità di costi economici nell’interesse di infliggere più danni economici alla Russia nel tempo”. Una coalizione di paesi ha raccolto Barriere economiche Imprese russe, oligarchi russi e Aziende Fare affari in Russia.

“Tutto ciò, credo, ha calmato Xi in una certa misura”, ha detto Burns.

Burns ha anche affermato che la Russia non era “seria” nell’impegnarsi in negoziati diplomatici. Il presidente russo Vladimir Putin crede che gli americani soffrano di “disturbo da deficit di attenzione” e alla fine smetteranno di preoccuparsi dell’Ucraina, il che contribuisce ad alimentare la sua convinzione che l’alleanza occidentale può aspettare, ha detto Burns.

L’ha detto L’atteggiamento è avvenuto nell’incontro di Burns tre mesi fa con il capo dell’intelligence russa Sergei Naryshkin, che ha espresso un “atteggiamento molto provocatorio” e “un senso di urgenza”.

“Riflette il punto di vista di Putin, la sua convinzione oggi, che può fargli perdere tempo, crede di poter schiacciare gli ucraini, di poter estirpare i nostri alleati europei e, in definitiva, l’esaurimento politico”.

Tuttavia, l’opposizione di Putin e le sue lotte militari si concentrano sulle alleanze che può formare con partner strategici, cosa che preoccupa molti membri del Congresso.

Il rappresentante Michael McCaul (R-Tex.), Presidente della commissione per gli affari esteri della Camera, ha dichiarato domenica a “This Week” di ABC News che i rapporti dell’intelligence suggeriscono che la Cina stia considerando di inviare 100 droni in Russia.

McCall ha affermato che tali discussioni sono “profondamente preoccupanti” perché “oggi è l’Ucraina, domani sarà Taiwan”, riferendosi all’isola, che non riconosce la sovranità della Cina ed è un importante produttore di semiconduttori. Economia mondiale.

READ  L'India ritira dalla circolazione le banconote da 2.000 rupie

Dopo che i funzionari statunitensi hanno abbattuto un pallone spia cinese questo mese, sono aumentate le preoccupazioni per l’atteggiamento aggressivo della Cina. Funzionari statunitensi hanno affermato che il pallone faceva parte del più ampio programma di sorveglianza internazionale della Cina.

McCall ha detto: “La generazione di mio padre, non abbiamo visto niente di simile dalla seconda guerra mondiale”.

“Non possiamo seppellire la testa sotto la sabbia e ignorare questo”, ha aggiunto McCall. Altrimenti i russi sarebbero al confine polacco e il presidente Xi invaderebbe Taiwan.