Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati affermano di aver scoperto più lune con oceani nel sistema solare – Ars Technica

Gli scienziati affermano di aver scoperto più lune con oceani nel sistema solare – Ars Technica
Ingrandire / L’intricata topografia di Ariel è visibile in questa immagine, la migliore immagine a colori della luna di Urano di Voyager 2.

NASA/JPL

Negli ultimi decenni, la NASA ha inviato grandi veicoli spaziali, rispettivamente Galileo e Cassini, a volare attorno a Giove e Saturno per esplorare le dozzine di lune in questi due sistemi planetari.

La navicella spaziale ha studiato tutti i tipi di lune interessanti, da minuscoli buchi infernali saturi di radiazioni a un mondo coperto di vulcani. Ma la scoperta più interessante fatta da queste sonde è che Giove e Saturno sono circondati da piccole e grandi lune ricoperte di ghiaccio, e hanno sotto di loro grandi oceani d’acqua, o entrambi. Questo è stato emozionante perché ovunque ci sia acqua allo stato liquido, c’è il potenziale per la vita.

In risposta a queste scoperte, la NASA prevede di lanciare una missione su Europa, una luna ricoperta di ghiaccio nel sistema gioviano, già nel 2024. Un’altra missione potrebbe essere lanciata su Titano, la luna di Saturno, qualche anno dopo, dove ci sono oceani di liquido. metano in superficie. E proprio il mese scorso, l’Agenzia spaziale europea ha lanciato un veicolo spaziale, Juice, per esplorare diverse lune ghiacciate di Giove.

Ora, la NASA potrebbe aver bisogno di aggiungere le lune di Urano all’elenco delle esplorazioni. Oltre ad essere noto per il suo nome buffo e per il colore brillante del cielo, Urano ha non meno di 27 lune. E sono anche molto curiosi.

L’agenzia spaziale ha lanciato solo un veicolo spaziale, Voyager 2, vicino al settimo pianeta del nostro sistema solare. La sonda Voyager è volata da Urano molto tempo fa, nel 1985. Ma alla luce delle scoperte fatte dalla sonda Cassini, Dawn e New Horizons, gli scienziati hanno riconsiderato i dati raccolti dalla Voyager così come i dati ottenuti dalla Terra- telescopi esistenti.

READ  Un "forte vento caldo" è stato visto soffiare attraverso il cosmo dopo che una stella di neutroni ha fatto a pezzi la sua vicina

Ciò ha portato gli scienziati della NASA per concludere che quattro delle lune più grandi di Urano – Ariel, Umbriel, Titania e Oberon – potrebbero avere oceani d’acqua sotto le loro croste ghiacciate. Questi oceani sono probabilmente profondi decine di chilometri e possono essere alquanto salati essendo inseriti tra il ghiaccio superiore e il nucleo roccioso interno. Gli scienziati affermano che questi nuclei interni probabilmente producono abbastanza calore dal decadimento radioattivo per formare strati di acqua liquida. Inoltre, i cloruri, così come l’ammoniaca, sono probabilmente abbondanti negli oceani delle lune più grandi del gigante di ghiaccio e possono aiutare a mantenerli non congelati.

La buona notizia è che la NASA sta probabilmente per prendere sul serio l’esplorazione del sistema uraniano. Circa un anno fa, le Accademie Nazionali si sono incontrate per dare priorità alle missioni di scienza planetaria, astrobiologia e difesa planetaria nei prossimi 10 anni, e Urano è in cima alla lista.

Gli scienziati hanno affermato che “Uranus Probe and Probe” trasformerebbe la nostra conoscenza dei giganti di ghiaccio in generale e del sistema di Urano in particolare, attraverso il volo e la consegna di una sonda atmosferica. I lanci dal 2023 al 2032 erano applicabili ai veicoli di lancio attualmente disponibili.

Ora, gli scienziati che cercano di esplorare Urano hanno un’altra buona ragione per inviare lì un grande veicolo spaziale, ed è quello di esplorare più lune ghiacciate. Dopotutto, nessuno sa cosa si nasconde dietro Urano.

Cosa, ho pensato di scrivere tutta questa storia senza fare quella battuta?