Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati hanno scoperto un'antica “lucertola pesce gigante” lunga 82 piedi nel Regno Unito

Gli scienziati hanno scoperto un'antica “lucertola pesce gigante” lunga 82 piedi nel Regno Unito

Una seconda mascella di ittiosauro lunga due metri, scoperta nel Somerset, nel Regno Unito, ha rivelato una nuova specie gigante, chiamata Ichthyotitan severnensis, risalente a 202 milioni di anni fa, aggiungendo importanti informazioni sui giganti del mare Triassico. lavato Ichthyotitan severensis Un cadavere sulla spiaggia. Credito: Sergey Krasovsky, CC-BY 4.0

I resti fossili di un'altra mascella gigante lunga più di due metri sono stati trovati su una spiaggia nel Somerset, nel Regno Unito.

Gli esperti hanno stabilito che le ossa appartenevano a nuove mascelle Classificare Un enorme ittiosauro, un tipo di rettile marino preistorico. Si stima che il gigante oceanico fosse lungo più di 25 metri (82 piedi).

Padre e figlia Justin e Ruby Reynolds di Braunton, nel Devon, hanno trovato i primi pezzi di una seconda mascella trovati nel maggio 2020, mentre cercavano fossili sulla spiaggia di Blue Anchor, nel Somerset. Ruby, allora 11enne, trovò il primo pezzo dell'osso gigante prima di cercare insieme altri pezzi.

Confronto tra le ossa della mascella Ichthyotitan severnensis

Un'immagine della mascella quasi completa del gigante, insieme a un confronto con l'osso del 2018 (medio e inferiore) trovato da Paul de La Salle. Credito: dottor Dean Lomax

Rendendosi conto di aver scoperto qualcosa di importante, contattarono il principale esperto di ittiosauri, il dottor Dean Lomax, paleontologo dell'Università di Manchester. Il dottor Lomax, che è anche ricercatore presso l'Università del 1851 Università di Bristolho contattato Paul de La Salle, un esperto collezionista di fossili che ha trovato la prima mascella gigante nel maggio 2016 più lontano lungo la costa a Lilystock.

Entusiasmo e altre scoperte

Il dottor Dean Lomax ha dichiarato: “Sono rimasto sbalordito da questa scoperta. Nel 2018, il mio team (incluso Paul de La Salle) ha studiato e descritto la mascella gigante di Paul, e speravamo che un giorno un altro osso venisse alla luce. Questo nuovo esemplare è più completo .” “Ed è meglio conservato, e dimostra che ora abbiamo due di queste ossa giganti – chiamate ossa rettangolari – che hanno una forma e una struttura uniche. Sono molto emozionato, per non dire altro.”

READ  La navicella spaziale riutilizzabile "SUZY" potrebbe lanciare missioni spaziali europee

Justin e Robbie, insieme a Paul, il dottor Lomax e diversi membri della famiglia, hanno visitato il sito per cercare altri pezzi di questa rara scoperta. Nel corso del tempo, il team ha trovato ulteriori pezzi della stessa mascella che si incastrano perfettamente, come un puzzle vecchio di milioni di anni.

“Quando Robbie e io abbiamo trovato i primi due pezzi, eravamo così emozionati perché ci siamo resi conto che si trattava di qualcosa di importante e insolito”, ha detto Justin “Quando ho trovato la parte posteriore della mascella, ero elettrizzato perché questa è una delle parti iconiche della prima scoperta di Paolo.

Coppia gigante di Ichthyotitan severnensis che nuotano

Coppia gigante di nuotatori Ichthyotitan severensis. Credito: Gabriel Oguito, CC-BY 4.0

L'ultimo pezzo di osso è stato recuperato nell'ottobre 2022.

Il gruppo di ricerca, guidato dal dottor Lomax, ha rivelato che le ossa della mascella appartenevano a una nuova specie di ittiosauro gigante che avrebbe avuto le dimensioni di una balenottera azzurra. Il confronto di due esempi dello stesso osso con le stesse caratteristiche uniche provenienti dallo stesso fuso orario geologico supporta la loro identificazione.

Il team ha dato un nome al nuovo genere e specie Ichthyotitan severensische significa “lucertola gigante di pesce Severn”.

Contesto storico e significato

Le ossa hanno circa 202 milioni di anni, risalenti alla fine dell'età della pietra Triassico Un periodo nel tempo noto come Retico. Durante questo periodo, ittiosauri giganti nuotavano nei mari mentre i dinosauri camminavano sulla terra. Tuttavia, questo fu il capitolo finale della vita dei giganti e la storia raccontata nelle rocce sopra questi fossili registra una catastrofe nota come evento di estinzione di massa globale del tardo Triassico. Dopo questo periodo, gli ittiosauri giganti della famiglia conosciuta come Shastasauridae si estinsero. Oggi, queste ossa rappresentano le ultime della loro specie.

READ  Nuove foto mostrano John Glenn in orbita attorno alla Terra nel 60° anniversario della sua fondazione

Ittiotetano Non è il primo ittiosauro gigante del mondo, ma le scoperte di de la Sales e Reynolds sono uniche tra quelle conosciute dalla scienza. Queste ossa compaiono circa 13 milioni di anni dopo i loro parenti geologici più recenti, tra cui… Schonisaurus sikanensis Dalla Columbia Britannica, dal Canada e Himalayasaurus del Tibet Dal Tibet, Cina.

Dean Lomax, Robbie Reynolds, Justin Reynolds e Paul De La Salle

Parte del gruppo di ricerca nel 2020 che esamina i risultati preliminari (retro) della nuova scoperta fatta da Robbie e Justin Reynolds. Successivamente furono scoperti ulteriori frammenti di ossa. Da sinistra a destra, il dottor Dean Lomax, Robbie Reynolds, Justin Reynolds e Paul De La Salle. Credito: dottor Dean Lomax

Il dottor Lomax ha aggiunto: “Sono rimasto molto colpito dal fatto che Robbie e Justin abbiano identificato correttamente questo ritrovamento come un’altra enorme mascella di un ittiosauro. Si sono resi conto che corrispondeva a quello che abbiamo descritto nel 2018. Ho chiesto loro se volevano unirsi al mio team per studiare e studiare. descrivono questo fossile, incluso Nel dargli un nome, hanno colto al volo l'occasione. Per Ruby, in particolare, ora è una scienziata pubblicata che non solo ha scoperto, ma ha anche contribuito a dare un nome a una specie di rettile preistorico gigante che forse non molti 15 anni… i vecchi possono dirlo! Mary Anning potrebbe essere in costruzione.'

Ruby ha detto: “È stato fantastico scoprire parte di questo gigantesco ittiosauro. Sono molto orgogliosa di aver avuto un ruolo in una scoperta scientifica come questa.

Un ulteriore esame delle strutture interne delle ossa è stato effettuato dallo studente del master Marcelo Perello dell'Università di Bonn, in Germania. Il suo lavoro ha confermato l'origine delle ossa dell'ittiosauro, rivelando che l'animale era ancora in crescita al momento della morte.

READ  La NASA e il Giappone lanciano il primo satellite in legno del mondo notizie dal mondo

Ha detto: “Possiamo confermare l'insieme unico di caratteristiche istologiche tipiche della mascella inferiore di un ittiosauro gigante: l'anomala crescita periostale di queste ossa indica strategie di crescita ossea non ancora comprese, ormai perdute in tempi profondi, e che probabilmente hanno permesso Gli ittiosauri del Triassico superiore raggiungono i limiti della biologia conosciuta Vertebrati in base alla dimensione. Molto è ancora avvolto nel mistero su questi giganti, ma un fossile alla volta riusciremo a svelare il loro segreto.

Concludendo il lavoro, Paul de La Salle ha aggiunto: “La convinzione che la mia scoperta nel 2016 susciterà così tanto interesse per queste enormi creature mi riempie di gioia Quando ho trovato la prima mascella, sapevo che era qualcosa di speciale averne una seconda quello che conferma i nostri risultati è incredibile.”

Le scoperte di Robbie, Justine e Paul saranno presto esposte al Bristol Museum and Art Gallery.

“Questa ricerca è in corso da quasi otto anni”, ha detto Lomax. “È estremamente straordinario pensare che ittiosauri giganti delle dimensioni di una balenottera azzurra nuotassero negli oceani che circondavano quello che era il Regno Unito durante il Triassico prove allettanti che forse un giorno troverai un teschio completo o uno scheletro di uno di questi giganti, non si sa mai.

Riferimento: “L'ultimo dei giganti: nuove prove per ittiosauri giganti del tardo Triassico (retico) del Regno Unito” di Dean R. Lomax, Paul De La Salle, Marcelo Perillo, Justin Reynolds, Robbie Reynolds e James F. Waldron, 17 aprile 2024, Un vantaggio.
doi: 10.1371/journal.pone.0300289