Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati scoprono l’esistenza di un misterioso sistema solare nello spazio profondo

Gli scienziati scoprono l'esistenza di un misterioso sistema solare nello spazio profondo

Conosciamo quello spazio pieno di mistero. In aggiunta agli intrighi, gli astronomi hanno recentemente scoperto un antico sistema solare molto diverso dalla nostra casa cosmica.

A circa 90 anni luce di distanza, i ricercatori hanno scoperto una stella nana bianca che ha più di 10 miliardi di anni, il che significa che il nucleo caldo residuo di una stella morta è simile a una stella nana. il Sole – Questo è circondato da un cimitero di masse sparse di pianeti chiamati planetesimi. La stella sbiadita ha tirato fuori i detriti da queste cose. Ma questo sistema solare è diverso da qualsiasi cosa intorno a noi. È ricco di elementi come litio e potassio. Fondamentalmente, non ci sono pianeti dentro Il nostro sistema solare Hai una tale configurazione.

Perché questo antico sistema solare era ai nostri inizi via Lattea molto diverso? Come sei diventato così ricco di queste sostanze che all’epoca scarseggiavano?

“È un completo mistero”, ha detto a Mashable Abigail Elms, una studentessa di dottorato all’Università di Warwick che cerca nane bianche. la ricerca era Inserito questa settimana nella rivista scientifica Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

Guarda anche:

Gli scienziati hanno appena scoperto un’esplosione insolitamente enorme e potente nello spazio

Come accennato in precedenza, questo sistema solare Vecchio. Ciò significa che la nana bianca (denominata WDJ2147-4035) e il sistema solare circostante si sono formati e sono morti prima ancora della nascita del Sole e della Terra. In effetti, lo sono anche le parti dei pianeti precedenti attorno a WDJ2147-4035 Elms ha notato che i piccoli pianeti più antichi trovati nella nostra galassia sono attorno a una nana bianca.

READ  Gli ingegneri consultano i manuali Voyager di 45 anni fa per correggere un bug

Come fanno gli astronomi a sapere in cosa consisteva questo antico sistema solare?

Hanno scoperto questa nana bianca, e un’altra della stessa età, usando Un osservatorio nello spazio chiamato Gaya. Mentre è in orbita attorno al sole, questo lontano veicolo spaziale sta mappando stelle e galassie nell’universo. Dopo aver scoperto queste nane bianche, i ricercatori si sono poi rivolti a uno strumento chiamato “X-Shooter”, situato ad alta quota in Cile, per scoprire cosa c’è e cosa non c’è nelle atmosfere delle stelle (X-Shooter è una specie di prezioso strumento astronomico denominato “”Spettrometro”). In WDJ2147-4035, trovano che sostanze chimiche come il litio, il potassio e il sodio hanno accumulato – o tirato su per gravità e impilato – la vecchia stella. I ricercatori hanno concluso che le nane bianche sono fatte di idrogeno o elio, quindi i resti rocciosi del pianeta erano responsabili della fornitura degli altri elementi unici (eseguendo simulazioni dell’evoluzione di questo sistema solare).

Rappresentazione artistica di masse planetarie (pianeti minori) in orbita attorno a stelle nane bianche.
Credito: Università di Warwick / Mark Garlick

È interessante notare che l’altra nana bianca (WDJ1922+0233) che hanno scoperto era significativamente diversa dalla nana misteriosa. È più familiare. Hanno determinato che questa stella aveva estratto detriti che sembravano la crosta rocciosa della Terra. Quindi, sebbene un sistema solare sia ancora un’anomalia, l’altro mostra che la Terra non è unica nell’universo: ce n’è un altro sistemi di energia solare C’è qualcosa di simile.

vuoi di più Scienze Le notizie sulla tecnologia vengono inviate direttamente alla tua casella di posta? firma per La principale newsletter di Mashable oggi.

Tuttavia, questi due sistemi solari sono pieni delle tombe dei pianeti precedenti. Più del 95 percento delle stelle, come il Sole, si evolve in nane bianche. Verso la fine della loro vita, si espandono in enormi giganti rosse, distruggendo o disabilitando gli oggetti vicini. Quando il nostro sole si espande, inghiottirà pianeti come Mercurio, VenereE forse anche la terra prima che i suoi strati esterni cadano. Le giganti rosse lasceranno dietro di sé i resti sparsi di pianeti e lune. La stella rimanente sarà una nana bianca.

Questo è il nostro destino cosmico. Solo non per molto, molto, molto.

“Il nostro sole si evolverà in una nana bianca, in circa 5 miliardi di anni”, disse Olmo.