Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guerra di Gaza: gli Stati Uniti affermano che il bacino galleggiante di aiuti sarà operativo “entro pochi giorni”

Guerra di Gaza: gli Stati Uniti affermano che il bacino galleggiante di aiuti sarà operativo “entro pochi giorni”
Commenta la foto, All’inizio di questo mese l’esercito americano ha pubblicato delle foto che mostrano il molo in costruzione al largo della costa di Gaza

  • autore, Paolo Adams
  • Ruolo, notizie della BBC
  • Rapporto da Gerusalemme

Funzionari statunitensi affermano che un bacino galleggiante progettato per aumentare la quantità di aiuti che raggiungono Gaza sarà operativo “entro pochi giorni”.

In un briefing per i giornalisti, il direttore della risposta dell’USAID Dan Dyckhaus ha affermato che la costruzione del molo – noto come Joint Onshore Logistics System (JLOTS) – è stata completata.

Centinaia di tonnellate di aiuti sono arrivati ​​a Cipro, dove vengono ispezionati prima che gli aiuti vengano caricati sulle navi per essere consegnati al molo.

Il vice ammiraglio Brad Cooper, vice comandante del comando centrale degli Stati Uniti, ha detto che le navi commerciali raccoglieranno i pallet da Cipro e li consegneranno su una piattaforma galleggiante ormeggiata diversi chilometri al largo della costa di Gaza.

Navi militari statunitensi più piccole, in grado di trasportare da cinque a 15 camion carichi di aiuti, li trasferiscono poi su un ponte galleggiante lungo diverse centinaia di metri, ancorato alla spiaggia di Gaza.

I camion percorreranno il ponte prima di consegnare gli aiuti allo scalo di smistamento sulla spiaggia.

Il vice ammiraglio Cooper ha affermato che le Nazioni Unite, in primo luogo il Programma alimentare mondiale, saranno responsabili della distribuzione degli aiuti.

In una dichiarazione separataQuasi 100 tonnellate di aiuti britannici, costituiti da 8.400 “shelter cover kits” (ripari temporanei realizzati con teli di plastica) hanno lasciato Cipro mercoledì, diretti al molo temporaneo, ha detto il Ministero degli Esteri britannico.

“Stiamo guidando gli sforzi internazionali con gli Stati Uniti e Cipro per stabilire un corridoio di aiuti marittimi. La prima spedizione di aiuti britannici da Cipro oggi al molo temporaneo al largo di Gaza rappresenta un momento importante per aumentare questo flusso”, ha affermato il primo ministro Rishi Sunak.

Funzionari delle Nazioni Unite affermano che c’è stato un coordinamento significativo con gli Stati Uniti riguardo al funzionamento del JLOTS, ma hanno persistenti preoccupazioni su come funzionerà, se porterà ciò che è necessario a Gaza e se si dimostrerà sicuro per gli aiuti. Lavoratori e abitanti di Gaza allo stesso modo.

Alcuni in privato lo descrivono come una distrazione ad alta tecnologia da ciò che è realmente necessario: valichi di soccorso adeguatamente funzionanti e un sistema di distribuzione sicuro in tutta la Striscia di Gaza.

I funzionari statunitensi che hanno informato i giornalisti hanno sottolineato che il piano d’azione congiunto mira a rafforzare gli sforzi esistenti per portare aiuti a Gaza, non a sostituirli.