Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Ho pianto quando ho visto mia madre”: i bambini ucraini sono tornati dalle mani dei russi

“Ho pianto quando ho visto mia madre”: i bambini ucraini sono tornati dalle mani dei russi

Kiev (CNN) Un gruppo di 31 bambini ucraini è stato riunito alle proprie famiglie mesi dopo essere stato prelevato dalle proprie case e trasferito nei territori occupati dai russi.

Una troupe della CNN ha visto i bambini per l’ultima volta allo stadio di Kiev Salito da un autobus Molti non sono riusciti a trattenere le lacrime mentre i mesi di separazione si sono conclusi sabato per abbracciare i familiari in attesa.

“Andammo campo estivo Due settimane ma siamo rimasti bloccati lì per sei mesi”, ha detto Bogdan, 13 anni, uno degli adolescenti che tornava a casa, abbracciando sua madre. “Ho pianto quando ho visto mia madre dall’autobus. Sono molto felice di essere tornato”.

La madre di Bogdan, Irina, 51 anni, ha detto di aver sentito molto poco di suo figlio nei sei mesi in cui erano stati separati.

“Non c’è connessione telefonica. Sono molto preoccupata. Non so niente, se ha subito abusi, cosa gli sta succedendo. … Le mie mani stanno ancora tremando”, ha detto.

L’8 aprile 2023, Anastasia tiene in braccio sua figlia Valeria e il figlio Maxim a Kiev, in Ucraina.

Le riunioni sono state coordinate dall’organizzazione umanitaria Save Ukraine. Il gruppo afferma di aver completato cinque viaggi per riportare a casa i bambini ucraini presumibilmente deportati con la forza dalla Russia.

I bambini – trascinando valigie e sacchi di effetti personali e alcuni stringendo animali imbalsamati – sono stati accolti da volontari con i membri della famiglia prima di attraversare il confine un giorno prima e di essere portati in autobus verso la capitale ucraina.

“Grazie al nostro lavoro collettivo e unificato, dopo una lunga separazione, proviamo di nuovo queste incredibili emozioni quando i bambini scappano dalla loro terra natale tra le braccia delle loro famiglie. Quando vedi le lacrime di gioia sui volti dei giovani ucraini. , capisci che non è tutto vano”, ha detto Mykola Kuleba, fondatore di Save Ukraine. ha detto sabato in una conferenza stampa.

READ  Punteggio della settimana 1 della USFL, takeaway: Jordan Tamu, Tampa Bay Panties Roll Pittsburgh Mowlers lunedì sera

Kuleba ha detto che la tragedia è avvenuta durante una recente missione di salvataggio: una delle donne che viaggiavano con il gruppo, una nonna, è morta durante il viaggio. La donna avrebbe dovuto portare con sé due bambini durante il viaggio, ma dopo la sua morte alla coppia non è stato permesso di tornare in Ucraina.

Il fondatore ha detto in precedenza che la missione ha coinvolto un gruppo di 13 madri che hanno lasciato l’Ucraina una settimana fa, molte delle quali hanno ricevuto procura, che ha permesso loro di raccogliere figli di altri genitori oltre ai propri.

Il gruppo si è recato in Polonia prima di attraversare la Bielorussia, la Russia e infine entrare nella Crimea occupata dai russi, dove si sono riuniti con 24 bambini.

Gli altri sette bambini sono stati raccolti a Voronezh, Rostov e Belgorod in Russia, ha detto.

Le accuse di deportazione forzata di bambini dall’Ucraina alla Russia sono alla base delle accuse di crimini di guerra mosse contro il presidente russo Vladimir Putin e l’alto funzionario Maria Lavova-Belova dalla Corte penale internazionale il mese scorso.

A febbraio è stato pubblicato un rapporto Spese dettagliate Una vasta rete di dozzine di campi in cui i bambini ricevevano “rieducazione politica”, compresa l’istruzione, la cultura e talvolta l’istruzione militare incentrate sulla Russia.

Di recente capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina valutato Il numero totale di bambini allontanati con la forza dalle loro case è di almeno 20.000. Kiev ha affermato che migliaia di casi sono già oggetto di indagine.

La Russia ha negato di aver fatto qualcosa di illegale, dicendo che stava portando in salvo i bambini ucraini.

READ  La commissione bipartisan del Senato accetta di riscrivere la legge sul conteggio delle elezioni