Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I colloqui sino-americani a Bangkok producono discussioni “utili” su Taiwan e su altre questioni: Sullivan

I colloqui sino-americani a Bangkok producono discussioni “utili” su Taiwan e su altre questioni: Sullivan

“Entrambi abbiamo la sensazione di non essere d'accordo o d'accordo su tutto, ma c'è molto lavoro da fare”, ha detto Sullivan in una conferenza sponsorizzata dall'Università della California, San Diego e dal Consiglio degli Affari Esteri. Relazioni.

Ha aggiunto: “Entrambi abbiamo concordato di informare i nostri leader e di contattarli telefonicamente il più presto possibile”, senza specificare una data.

Relazioni Cina-USA: gli ambasciatori prevedono un futuro più caldo tra i nuovi rivali

Analizzando le relazioni Cina-USA alla conferenza, Sullivan ha osservato che Washington è pronta a imporre sanzioni a Pechino per il suo crescente sostegno non letale a Mosca, compresi camion pesanti e altre attrezzature utilizzate nella guerra in Ucraina.

Ha aggiunto: “Siamo pronti a prendere provvedimenti per rispondere a questo tipo di attività perché crediamo che la base industriale della difesa russa si stia essenzialmente accumulando per continuare a sostenere la guerra imperialista di conquista in Europa”.

“Questo è un interesse fondamentale per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. “Non ne ho parlato nelle mie conversazioni con la mia controparte.”

Un ordine esecutivo firmato a fine dicembre rafforza l’autorità sanzionatoria degli Stati Uniti contro coloro che sostengono lo sforzo bellico russo, conferendo a Biden una maggiore autorità legale.

“Non è diretto a questo [China]. “È una cosa comune per i paesi che sostengono la base industriale della difesa russa”. “Ma ci fornisce gli strumenti in questo senso”.

Sullivan ha aggiunto che Washington lancerà presto un’altra serie di restrizioni alle esportazioni, suggerendo che ciò potrebbe accadere in autunno.

L’inviato ucraino si offre di sostenere il principio della Cina unica nei colloqui di Pechino

Il primo lotto di articoli statunitensi vietati, compresi i semiconduttori avanzati, considerati utili per l’avanzata militare della Cina, è stato rilasciato nell’ottobre 2022 e un elenco aggiornato è stato pubblicato nell’ottobre dello scorso anno.

READ  L'Ucraina, arrabbiata per lo sciopero a Odessa, si prepara ancora a riprendere le esportazioni di grano

“Il mondo può aspettarsi che questo faccia parte del processo che va avanti, perché man mano che la tecnologia si evolve, i nostri controlli devono evolversi”, ha affermato.

Durante il loro incontro, Sullivan ha affermato di aver chiarito a Wang che gli Stati Uniti continuano ad aderire alla politica di una sola Cina, al Taiwan Relations Act, alle Sei Garanzie e ad altri pilastri dell’intesa USA-Cina riguardo all’isola autogovernata.

“Era anche chiaro che rimaniamo preoccupati per gli alti livelli di attività militare aggressiva nella regione [Taiwan] “Lo stretto”, ha aggiunto. “Non riteniamo che ciò favorisca la pace e la stabilità”.

02:17

“Una Cina”, ha spiegato.

“Una Cina”, ha spiegato.

Pechino considera Taiwan parte del suo territorio e, se necessario, potrebbe essere portata sotto il controllo della terraferma con la forza. Come la maggior parte dei paesi, gli Stati Uniti non riconoscono Taiwan come paese indipendente.

Ma Washington mantiene forti legami informali con Taipei, si oppone a qualsiasi tentativo di impadronirsi dell’isola con la forza e si impegna a fornirle armi – posizioni che fanno infuriare Pechino.

La Cina ha ripetutamente criticato le sanzioni imposte dagli Stati Uniti sui diritti umani e sull’alta tecnologia, definendole prova di una “mentalità da guerra fredda” e un tentativo di ostacolare lo sviluppo della Cina.

Sullivan ha affermato che l’amministrazione Biden è desiderosa di inviare le sue politiche a Pechino, spiegare le sue intenzioni e chiarire che sono intese a proteggere gli interessi nazionali americani e non a indebolire la Cina o a separare le due economie.

Consigliere di Pechino: le relazioni Usa-Cina non dovrebbero essere “ostaggio” della questione Taiwan

Ma ha detto di aver reagito anche a Bangkok durante le discussioni con Wang sui confini tra economia e interessi nazionali.

READ  L'impresa di pompe funebri cinese, sovraffollata, offre alle famiglie 10 minuti per elaborare il lutto

“È davvero importante rendersi conto che, per molto tempo, [China] Azioni intraprese per ovvie ragioni di sicurezza nazionale che hanno avuto un impatto negativo sui lavoratori americani, sulle imprese americane e sull’economia americana. Quindi questa non può essere una strada di conversazione a senso unico.

Sullivan ha affermato che Washington, Pechino e Taipei hanno lavorato tutti per allentare le tensioni dentro e intorno alle recenti elezioni a Taiwan, che hanno fatto seguito all’accordo di Xi-Biden di novembre di riprendere i contatti tra militari.

La domanda ora è se ciò continuerà anche di fronte a futuri disordini. E ha aggiunto: “Noi, da parte nostra, continueremo a sottolineare che la comunicazione tra i due eserciti è fondamentale in ogni momento, ma soprattutto in tempi di tensione”.

03:12

Xi Jinping e Joe Biden hanno avuto colloqui a margine del vertice APEC per allentare le tensioni tra Stati Uniti e Cina

Xi Jinping e Joe Biden hanno avuto colloqui a margine del vertice APEC per allentare le tensioni tra Stati Uniti e Cina

Sullivan, che ha svolto uno stage presso il Council on Foreign Relations mentre era al college, ha sfruttato l’opportunità per dare uno sguardo più ampio alla politica USA-Cina – e darne un boccone.

Ha detto alla conferenza che quando l’amministrazione Biden è salita al potere, stava combattendo una narrazione adottata dalla Cina secondo cui l’Oriente era in ascesa e l’Occidente era in inesorabile declino, le sue alleanze erano nel caos e la sua base industriale si stava deteriorando.

Sebbene l’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump abbia valutato correttamente la necessità di rimodellare la strategia, non ha mai sviluppato strumenti efficaci ed è stata spesso conflittuale, ha affermato Sullivan.

READ  Esportazioni di zucchero dell'India: il più grande produttore mondiale che impone restrizioni

Ha affermato che da allora l’amministrazione Biden ha sviluppato un approccio “investire, allineare e competere” con particolare attenzione alla risoluzione dei problemi degli Stati Uniti e agli investimenti nelle infrastrutture americane e nella ripresa industriale.

Speculazioni su visite aziendali statunitensi Liu Jianchao sarà il prossimo ministro degli Esteri cinese

Secondo Sullivan, gli investimenti nei semiconduttori e nell’energia pulita si sono moltiplicati di venti volte, la spesa per l’edilizia è raddoppiata e circa 3,5 trilioni di dollari di investimenti sono stati sbloccati dal Chip and Science Act e da altre leggi.

Ha detto: “L'America, in questo momento, sta dimostrando ancora una volta la sua capacità di resistere e reinventarsi”.

L’alto funzionario – che ha abilmente evitato l’argomento durante l’interrogatorio – non ha fatto alcun paragone pubblico con l’economia cinese, dove la disoccupazione giovanile è aumentata drasticamente, la crescita è rallentata e il settore immobiliare è in deliquio.

Sullivan ha riconosciuto che gli Stati Uniti hanno abbandonato la convinzione errata, durata decenni, di essere in grado di plasmare o cambiare la Cina.

Ha detto che la chiave per migliorare le relazioni è stata una dura diplomazia da quando un pallone cinese ha attraversato la terraferma degli Stati Uniti ed è stato abbattuto un anno fa, vanificando gli sforzi per porre fine alle relazioni.